Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il Tar Lazio e i poligoni militari

    Il Tar Lazio e i poligoni militari

    C'erano rapporti, perizie e le nanoparticelle di uranio nei suoi organi, ma a un militare ammalato era sempre stato negato un risarcimento. Il Tar sta ai fatti e smentisce i Ministeri
    28 luglio 2014 - Lidia Giannotti
  • La Francia doveva intervenire nella guerra in Mali?

    La Francia doveva intervenire nella guerra in Mali?

    11 febbraio 2013 - Jean-Marie Muller
  • La poca trasparenza del Ministero della Difesa italiano
    E’ insolito che siano i parlamentari a lamentarsi

    La poca trasparenza del Ministero della Difesa italiano

    Si vedrà se sarà necessario un riposizionamento per quanto riguarda il JSF ma non bisogna affrontare la questione con pregiudizi ideologici solo perché è americano. Ma è il Pentagono a rivelare che vi sono problemi.
    18 dicembre 2011 - Rossana De Simone
  • Che le immagini parlino da sole

    Che le immagini parlino da sole

    Detesto essere definito un reporter di guerra. Prima di tutto perché ha l'amaro sapore d'averci fatto il callo. E in secondo luogo perché non si può raccontare una guerra senza conoscere le politiche che le soggiacciono.
    27 aprile 2011 - Robert Fisk
Una nuova inchiesta di RAINEWS24

Polveri di guerra, uranio a Beirut

Dopo l'inchiesta KHIAM SUD DEL LIBANO - ANATOMIA DI UNA BOMBA (vedi www.peacelink.org/conflitti/a/19390.html), Rai News24 propone un altro servizio, con ulteriori prove...
17 gennaio 2007 - Flaviano Masella

Nucleare TROVATO URANIO ARRICCHITO NEL FILTRO DEL CARBURATORE DI UN'AMBULANZA A BEIRUT
Dopo le analisi dei campioni del cratere nella città di Khiam, nel Sud del Libano, raccontati da una precedente inchiesta di Rainews24, nuovi rilevamenti segnalano la presenza di polveri di Uranio arricchito a Beirut . Questa volta si tratta dell' analisi realizzata su un filtro del carburatore di un'ambulanza nella zona sud della città. I prelievi realizzati da due ricercatori inglesi, Day Williams e Cris Busby, e analizzati da due diversi laboratori inglesi (tra questi il prestigioso laboratorio di Harwell utilizzato dal Ministero della Difesa Britannico) hanno confermato la presenza di Uranio arricchito.
TROVATO ANCHE URANIO NELL'URINA DI UNO DEI CAMPIONI ANALIZZATI
Il ricercatore inglese Day Wiliams ha raccolto a Beirut anche campioni di urina di persone che hanno operato nelle zone colpite dai bombardamenti, uno di questi ha mostrato la presenza di uranio.

Polveri di guerra - la presentazione a Roma
RAINEWS24 PRESENTA L' INCHIESTA "POLVERI DI GUERRA - URANIO A BEIRUT"
A Roma in Viale Mazzini, 14. Sala B ore 13,30 di Giovedì 18 gennaio 2007.
Saranno presenti:
Corradino Mineo direttore di RAINEWS24
Maurizio Torrealta, Angelo Saso, Flaviano Masella autori dell'inchiesta.

Seguirà buffet.

Il servizio sarà messo in onda
VENERDI 19 GENNAIO ORE 7,36 SU RAINEWS24 E SU RAI 3.

ANCHE L'UNEP HA TROVATO PRESENZA DI URANIO IN TUTTI I SITI ESAMINATI MA HA VALUTATO CHE SI TRATTASSE DI URANIO NATURALE
Anche l'UNEP, l'agenzia ambientale delle Nazioni Unite, ha svolto analisi sui campioni del cratere di Khiam e ha trovato concentrazione di Uranio dieci volte superiore alla norma. Ha anche analizzato altri 24 siti dove ha rilevato la presenza di Uranio ma ha valutato che si trattasse di Uranio naturale.

SIA NELLA FORMA PIU' RADIOATTIVA CHE IN QUELLA IMPOVERITA LE POLVERI DI URANIO SONO ALTAMENTE TOSSICHE
Le polveri di Uranio sia che si tratti di polveri di uranio arricchito, impoverito o naturale, se respirate o ingerite sono altamente tossiche e le aeree che ne sono contaminate sono ad alto rischio . Le zone coinvolte sono non lontane dall'area di azione del contingente militare italiano nel sud del Libano. Rainews24 ha raccolto le preoccupazioni dei libanesi che vivono nelle zone colpite, ha rintracciato l' autoambulanza contaminata, ha intervistato uno dei guidatori, ha intervistato i due ricercatori inglesi che hanno raccolto e fatto analizzare i campioni radioattivi, ha intervistato lo scienziato libanese che ha lanciato l'allarme sulla radioattività a Khiam , ha verificato lo stato delle analisi svolte dall'Unep .

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies