Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Cecenia-Russia: Strasburgo non tace

    Cecenia-Russia: Strasburgo non tace

    Nuove condanne per la Federazione Russa dalla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo di Strasburgo per casi riguardanti la Cecenia. Ieri sono state rese pubbliche le sentenze relative ai due casi Luluyeva e Imakayeva
    10 novembre 2006 - Maddalena Parolin
  • Una vita per i diritti umani

    Una vita per i diritti umani

    Said-Emin Ibragimov, attivista ceceno per la pace e i diritti umani, racconta la sua vita, l’instancabile lotta pacifica per il suo popolo, mentre continua le azioni di protesta presso il Consiglio d’Europa a Strasburgo
    2 ottobre 2006 - Maddalena Parolin
  • Soltanto promesse

    13 gennaio 2005 - Vittorio Agnoletto

"Pace e diritti dell’uomo": la questione cecena al Consiglio d'Europa

Fonte: http://www.kavkaz.memo.ru/ - 21 gennaio 2007

L’Associazione Internazionale “Mir i prava čeloveka” – Pace e diritti dell’uomo – è intenzionata a rivolgersi all’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa per chiedere che la questione cecena venga esaminata seriamente a fronte delle norme universalmente riconosciute del diritto internazionale, nella prossima sessione dell’Assemblea in programma dal 16 al 20 aprile 2007. Lo annuncia il presidente dell’Associazione ed ex Ministro delle Comunicazioni della Cecenia, SaidEmin Ibragimov, in una lettera aperta alla redazione di “Kavkazskij Uzel - Caucasian Knot”.

Nella lettera si rende noto che verrà chiesto al Consiglio d’Europa di fornire delle risposte giuridicamente motivate alle seguenti domande:
-l’invasione delle truppe russe in territorio ceceno costituisce o meno un atto di aggressione?
-l’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa, da un punto di vista giuridico, riconosce che in Cecenia sono stati commessi crimini di guerra e crimini contro l’umanità da parte delle truppe russe?
-l’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa riconosce come GENOCIDIO i bombardamenti e le distruzioni di città e centri abitati ceceni, privi di alcun obiettivo militare, l’uccisione di 250.000 civili, i continui sequestri e uccisioni di persone, le torture, le esecuzioni extragiudiziali e tutto il resto?

L’Associazione si impegna a presentare all’ONU, all’Unione Europea, al Consiglio d’Europa e alle altre organizzazioni europee, le prove giuridiche che confermano i crimini sopra indicati, perpetrati dalle forze militari e politiche russe.

L’Associazione invita studenti, insegnanti, profughi ceceni e di altri paesi e “tutti coloro ai quali sono cari i principi fondamentali del diritto internazionale” a partecipare al meeting a sostegno della causa cecena, organizzato in occasione della sessione di aprile dell’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa a Strasburgo.

La prossima [N.d.T. l’ultima, per chi legge] sessione in programma dell’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa prevista per la prossima settimana non prevede una discussione approfondita della questione cecena.

Note:

Traduzione di Ilaria Cotrone
Per informazioni: Comitato per la Pace nel Caucaso cpc_italia@yahoo.it

Allegati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies