Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • La forza disarmante della Gandhi del Sahara
    I bambini con le foto dei padri desaparecidos, gli anziani che mostrano con dignità le torture che segnano i loro corpi, le donne che parlano di violenze inenarrabili. Incontro dopo incontro siamo scesi in un girone del dolore senza fine.

    La forza disarmante della Gandhi del Sahara

    Da Firenze passando oltre il confine invisibile che taglia il Marocco in due. Un viaggio per conoscere e far conoscere al mondo sofferenze e speranze del popolo Saharawi.
    3 marzo 2013 - Andrea Misuri
  • Il trionfo della dignità

    Il trionfo della dignità

    Per lo scrittore Abdelhak Serhane, attualmente presso l’Università di Louisiane a Lafayette (USA), nessun dirigente arabo può oggi sfuggire alla collera popolare che scuote la regione.
    5 marzo 2011 - Abdelhak Serhane
  • Muri

    Muri

    Perché ci sono muri tanto altisonanti e muri tanto muti? Sarà per i muri dell'incomunicabilità che i grandi mezzi di comunicazione costruiscono ogni giorno?
    24 febbraio 2007 - Eduardo Galeano
  • Reportage: A un'ora di traghetto dalla Spagna c'è un altro mondo

    Il sogno impossibile dei figli di Tangeri

    I ragazzi della città marocchina fuggono inseguendo una speranza di vita e l'illusione dei consumi facili. A costo di drogarsi e prostituirsi. Ma c'è chi ha scelto un'altra meta: la jihad. Tangeri aspetta l'Expo del 2012
    9 febbraio 2007 - Giuliana Sgrena

C'è un popolo che ha molti record....

24 febbraio 2007 - http://www.bloggers.it/vogliamoilreferendum/

Mappa del Sahara Occidentale


È l'unico popolo che al momento della decolonizzazione nel 1975 non ha potuto crearsi uno stato, altri più veloci di lui hanno occupato il suo territorio. È partita una guerra di liberazione sanguinosa durata 16 anni.

Dal 1991 ha deciso di usare solo una forma di lotta non violenta, fidandosi delle organizzazioni internazionali per poter fare il referendum di autodeterminazione, e ai primi 16 aggiungiamo altri 16... manca poco.

Due terzi degli abitanti sono fuggiti/espatriati e dal 1976 vivono in una zona chiamata il giardino del diavolo. D'estate fino a 60° e d'inverno si va sotto zero.

Questo popolo è il popolo Saharawi.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies