Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Karzai dichiara guerra agli ospedali di Emergency
    Infamante farsa di regime. E il governo italiano vergognosamente se ne lava le mani

    Karzai dichiara guerra agli ospedali di Emergency

    9 operatori della Ong pacifista "arrestati" dalla polizia segreta di Karzai. L'unica vera colpa di Emergency è la denuncia dei crimini di guerra e l'opera umanitaria. Facciamo nostra la denuncia di Gino Strada ed esponiamo simboli di Pace fino alla liberazione degli operatori rapiti.
    11 aprile 2010 - Alessio Di Florio
  • La Pasqua negata dei cristiani palestinesi
    PASQUA

    La Pasqua negata dei cristiani palestinesi

    Nonostante i permessi, migliaia di palestinesi si sono visti negare l'accesso alla città santa di Gerusalemme per le festività pasquali. L'"altra" settimana santa tra i due lati del Muro
    6 aprile 2010 - M.C.R.
  • Resurrezione in Brasile
    In cerca di senso tra i poveri che preparano la Pasqua

    Resurrezione in Brasile

    Un missionario si interroga sul senso della Pasqua nelle periferie del Brasile: esiste una vita nuova? E per chi?
    10 marzo 2008 - Dario Bossi
  • Il precedente

    Dalle botte talebane ai sequestri "democratici", dalle speranze di Intini agli auspici di D'Alema

    Nel maggio 2001 Emergency dovette sospendere le sue attività in Afghanistan in seguito all'irruzione nell'ospedale di Kabul dei talebani
    20 aprile 2007 - Alessio Di Florio
Padre perdona loro perchè non sanno quel che fanno...

Una Pasqua al contrario

9 aprile 2007 - Nadia Redoglia

Addì 8 aprile dell’anno di grazia 2007 d.C.

Uomini di buona volontà divisi tra consuetudini, usi, costumi e profonde riflessioni sulla resurrezione del Cristo hanno partecipato all’esecuzione dell’uomo Adjmal e nel contempo hanno preso atto che l’altro uomo, Hanefi è stato riconosciuto colpevole di aver organizzato il rapimento di Daniele: unico superstite (nel corpo). Pasqua di resurrezione? NO, di morte. Morte nel corpo, morte nell’anima. [Pasqua al contrario]
I popoli pasquali che si ostinano a credere che oggi sia giorno di resurrezione e luce (cristiani) di passaggio (ebrei) hanno aggiunto qualche paletto in più sui confini del proprio pensiero, pensiero di popolo libero perché dimorante su terra NON occupata dalle missioni di pace. Paletti costruiti per demarcare sempre più la scissione tra uomini che sostengono, condividono, patiscono pensieri uguali all’uomo italiano che vive (e lascia vivere) tra gli afghani di tutte le tribù e uomini che sostengono che l’uomo italiano è meramente un trafficone (ciarlatano) che trae profitti dagli assassini taliban. I missionari di pace hanno bisogno di nette divisioni tra gli uomini e stanno facendo di tutto perché alla resa dei conti risulti chiaro il totale: chi è contro i missionari di pace è connivente del terrore. Ci stanno riuscendo. “Amatevi tutti come io ho amato voi” disse l’Uomo risorto. [Pasqua al contrario]
Se l’uomo Adjmal fosse stato liberato (per ora, il suo corpo decapitato è ancora introvabile ) sarebbe stato un duro colpo per i ragionieri dei calcoli: gli assassini terroristi hanno un’anima?! Se Hanefi fosse risultato innocente: i missionari di pace arrestano un uomo che ha salvato la vita a un altro, lo torturano e poi si accorgono che è innocente?!

Resurrezione, luce, passaggio? Solo Cristo può risorgere, accontentatevi di quello.
Sono stati condannati molti uomini in questa Pasqua, Daniele compreso.
L’unica resurrezione l’hanno avuta l’odio e la cecità. Ma che Pasqua è?
Una Pasqua al contrario. Perché no?

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies