Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Dossier Cecenia 2003

5 novembre 2003 - Carlo Gubitosa

L'associazione PeaceLink, in occasione della visita italiana di Vladimir Putin ha messo a disposizione su internet un "libro nero" di 68 pagine per denunciare i crimini di guerra, le violazioni dei diritti umani e le fosse comuni della Cecenia.

Il testo e' stato realizzato da Carlo Gubitosa, il segretario dell'associazione, testimone oculare della seconda guerra in Cecenia.

Nell'estate del 2000, Gubitosa ha visitato la Cecenia e i campi profughi dell'inguscezia, realizzando un dossier che oggi viene riproposto in una versione approfondita e attualizzata fino alle recenti elezioni politiche che si sono svolte in Cecenia il 5 ottobre scorso.

Tra le novita' nel dossier rispetto all'edizione del 2000 segnaliamo documenti e testimonianze in merito a:

1) La scoperta conclamata e documentata di FOSSE COMUNI in Cecenia, su territori controllati dall'esercito della Federazione Russa. (pag. 42)

2) Le denunce di torture subite DAI MILITARI RUSSI nelle loro caserme ad opera dei loro superiori. (pag. 34)

3) La pressione esercitata dalla Russia e da altri paesi contro la Commissione Onu per i diritti umani, che negli ultimi due anni ha impedito l'approvazione di una risoluzione sulla Cecenia. (pag. 48)

4) La serie ininterrotta di denunce contro le violazioni dei diritti umani in Cecenia formulate da altri soggetti del diritto internazionale come il Consiglio d'Europa, il Parlamento Europeo, il Comitato Europeo per la Prevenzione della Tortura e dalle Organizzazioni Non Governative come Memorial, Human Rights Watch, Amnesty International e l'associazione per i Popoli Minacciati. (pag. 49)

5) La manipolazione dei risultati del censimento in Cecenia per occultare la gravita' delle perdite tra i civili. (pag. 45)

6) La campagna mondiale di Amnesty International per il rispetto dei diritti umani in Russia (pag. 45)

7) La censura operata dal governo Russo sulla Organizzazione Non Governativa "Madri dei Soldati di San Pietroburgo" dopo il ritrovamento di preghiere e crocifissi nella sede della Ong. (pag. 50)

8) Le contestazioni al referendum del marzo 2003, che ha approvato una costituzione cecena che concede al Cremlino il potere di sciogliere parlamenti liberamente eletti dai ceceni. (pag. 47)

9) Le violenze compiute contro alcuni candidati alle elezioni presidenziali dell'ottobre 2003 e la conseguente rinuncia alla competizione elettorale di quattro candidati su un totale di undici. La chiusura di emittenti radiofoniche e televisive che appoggiavano gli avversari di Ahmed Kadyrov, il candidato appoggiato dall'amministrazione Putin e divenuto in seguito l'attuale presidente della cecenia. (pag. 51)

10) Le denunce di Amnesty International sul progetto di oleodotto Baku-Tblisi-Ceyhan, che rischia di avere serie conseguenze sui diritti umani per migliaia di persone che vivono nelle regioni interessate. (pag. 20)

Il testo completo del "dossier Cecenia" e' disponibile su internet all'indirizzo

http://www.peacelink.it/cecenia/dossier.html

Per informazioni e contatti:

PeaceLink
C.P. 2009 - 74100 Taranto
Tel. 3492258342 Fax. 1782279059
Email: info@peacelink.it
http://www.peacelink.it

Allegati

  • Dossier Cecenia 2003 (355 Kb - Formato pdf)
    Dossier sulla guerra in Cecenia realizzato da Carlo Gubitosa
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies