Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • La resistenza delle donne e degli uomini di Kobane nella “guerra contro il terrore” 3.0

    La resistenza delle donne e degli uomini di Kobane nella “guerra contro il terrore” 3.0

    17 ottobre 2014 - Rossana De Simone
  • La guerra uccide non solo d'estate
    Le parole di saluto di Salar Hussein mi arrivano dirette allo stomaco: “Pregate per noi”. Nella loro naturalità, dicono più di tanti discorsi.

    La guerra uccide non solo d'estate

    Il popolo curdo consapevole di avere vissuto una pace provvisoria. La minoranza yazida memore di innumerevoli persecuzioni nel passato. La storia sembra ripetersi ma questa volta il rischio di sconvolgimenti permanenti nei popoli della regione è tragicamente reale.
    15 agosto 2014 - Andrea Misuri
  • Dino Frisullo, la militanza più appassionata e innamorata di giustizia, di libertà, di …umanità

    Dino Frisullo, la militanza più appassionata e innamorata di giustizia, di libertà, di …umanità

    "Ha percorso strade difficili, molto spesso lasciato solo, forse perché chiedeva troppo a sé e agli altri. Forse perché il suo amore per la giustizia era assoluto, impaziente dei tempi, impaziente e indignato."(i suoi amici)
    Io non credo nei confini, nelle barriere, nelle bandiere. Credo che apparteniamo tutti, indipendentemente dalle latitudini e dalle longitudini, alla stessa famiglia, che è la famiglia umana.(Vittorio Vik Utopia Arrigoni)
    5 giugno 2014 - Alessio Di Florio
  • Un motivo per dichiarare guerra si trova
    da PRESSENZA - International Press Agency:

    Un motivo per dichiarare guerra si trova

    Pressenza pubblica la traduzione italiana della trascrizione integrale delle ultime intercettazioni che stanno facendo scandalo in Turchia
    30 marzo 2014 - Laura Tussi
Al movimento italiano solidale con il popolo kurdo Alle forze politiche italiane democratiche ed antifasciste

Solidarietà con il popolo kurdo e con i suoi rappresentanti

La minoranza kurda torna ad essere rappresentata al parlamento turco
23 luglio 2007 - Juri Carlucci (Associazione Nazionale Azad)

Cari compagni e care compagne,

attendiamo ancora l'esito finale dello scrutinio dei
voti ottenuti dai candidati indipendenti della
formazione kurda in Turchia. Siamo sicuri ormai della
vittoria politica ottenuta. Si delianeano 24 candidati
eletti , 21 dei quali riconducibili all'area politica
del DTP. Torna ad essere rappresentata dunque in
parlamento la popolazione kurda di Turchia che mancava
dall'assemblea di Ankara dal 1991.
L'Associazione Nazionale Azad-per la liberta' del
popolo kurdo esprime tutta la sua riconoscenza al
popolo kurdo che lotta qui in Italia, in Europa in
krdistan fra la popolazione e in montagna, con le
formazioni partigiane che continuano a resistere per
un kurdistan in pace e per la democrazia. Stiamo e
abbiamo lottato tanto per questo esito. Tutti e tutte
insieme. Diyarbakir e' in festa!!Compagni e compagne
italianie d europei hanno portato la solidarieta'
internazionalista in Turchia e in kurdistan. Uomini e
donne kurde hanno patito torture e galera per
costruire un giorno coem questo: un passaggio nella
storia della liberazione del popolo kurdo entrare in
Parlamento non certo l'alba della democrazia in
Turchia. La societa' kurda avra' piu' voce con una
sponda politica nell'assemblea parlamentare di Ankara,
ne siamo certi.
Ora dobbiamo aprire un dialogo con le forze
democratiche turche che possono distinguersi se
sapranno apprezzare la novita' in campo. Nello stesso
tempo dobbiamo alzare la guardia contro i rigurgiti
fasciti. Entra in Parlamento un aformazione di chiara
matrice fascista , che segue gli ordini della
famigerata formazione dei Lupi Grigi. Ci sara' da
lavorare sodo per estromettere i veri bombaroli
terroristi, coperti sempre da servizi e militari.

A tal fine chiediamo a tutte le forze democratiche ,
di sinistra italiane di tenersi in contatto con il
movimento di solidarieta' con il popolo kurdo e it
territori del kurdistan che opera in italia al fianco
dei compagnie edelle compagne kurdi per tenere alta
l'attenzuione sulla questione kurda ANCHE DURANTE LE
COSIDETTE VACANZE ESTIVE!!!. Tenere i contatti,
preparare assemblee territoriali, dibattiti e mostre
fotografiche nelle feste dei partiti, visitare il
kurdistan con un turismo inteligente, e credere che
anche per il popolo kurdo un altro mondo e' possibile.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies