Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • ESIGIAMO il DISARMO NUCLEARE TOTALE: APPELLO al GOVERNO ITALIANO
    PeaceLink aderisce all'appello:

    ESIGIAMO il DISARMO NUCLEARE TOTALE: APPELLO al GOVERNO ITALIANO

    L'olocausto nucleare definitivo potrebbe essere scatenato da calcoli politici folli, ma persino per errore o per caso, sapendo che circa 2000 di queste bombe sono in stato permanente di massima allerta, montate su dei missili pronti a essere lanciati nel giro di 15 minuti, e tenuto anche conto dei fallibili software di comando, controllo e comunicazione.
    Laura Tussi
  • "La Vita contro il Profitto"
    Stiamo giocando la partita de

    "La Vita contro il Profitto"

    La tutela della proprietà intellettuale delle aziende farmaceutiche mette a rischio la ricerca scientifica e le conseguenze sono state tragiche in tutto il mondo. Il profitto è diventato più importante della stessa vita umana
    15 maggio 2013 - Joseph Stiglitz
  • La vendita di armi nel 2011 delle maggiori aziende produttrici secondo il Sipri: Finmeccanica ottava
    Selex ES mette in mobilità volontaria per 580 dipendenti

    La vendita di armi nel 2011 delle maggiori aziende produttrici secondo il Sipri: Finmeccanica ottava

    l'industria della difesa "non è un settore industriale come gli altri. La sua natura strategica la rende un caso speciale”
    23 febbraio 2013 - Rossana De Simone
  • Tunisi, ucciso il leader dell'opposizione

    Tunisi, ucciso il leader dell'opposizione

    La sera precedente all’omicidio, in diretta TV, Chokri Belaid aveva affermato che il governo aveva dato il lasciapassare per gli omicidi politici
    7 febbraio 2013 - Debora Del Pistoia, Marta Bellingreri
Varato il nuovo governo in Nigeria.

Tutti gli uomini del presidente

Yar'Adua annuncia il governo dopo le contestate elezioni di tre mesi fa. Il nuovo presidente, il primo eletto a ricevere il potere dalle mani di un altro civile nella storia nel paese, dovra' risolvere l'intricato puzzle nigeriano con un illustre dietro le quinte: l'ex presidente Olusegun Obasanjo.
31 luglio 2007 - Matteo Figus

Varato il nuo governo, ma sara’ davvero indipendente?

Il neo presidente nigeriano Umaru Yar’Adua ha presentato il nuovo governo, tre mesi dopo le contestate elezioni. Nella cerimonia, tenutasi nella capitale Abuja, era tuttavia forte la sensazione che questo nuovo governo risenta della presenza del presidente uscente Olusegun Obasanjo.
L’ex presidente continua infatti a guidare il People’s Democratic Party, il partito di maggioranza, e alcuni segnali dimostrano che la volonta’ di Yar’Adua sia comunque quella di continuare la politica di riforme intrapresa dal suo predecessore.
Quattro sono infatti i membri del precedente esecutivo confermati in posizioni chiave, come quella del Dr. Shamsudeen Usman, ex governatore della banca centrale nigeriana, a ministro delle finanze.
Lo stesso Yar’Adua, come Obasanjo, oltre ad essere presidente sara’ anche ministro per l’energia, settore strategico in profonda crisi e nel quale si annidano molti dei malesseri dell’economia e della politica del paese. Lo stesso Obasanjo, durante la sua presidenza, non e’ riuscito a riportare l’ordine, e il compito di Yar’Adua non sara’ facile. Dovra’ assicurare il fabbisogno al paese, attualmente la Nigeria genera solo 2.500 megawatts, ma ne occorrerebbero almeno 20.000 per una stabile fornitura; il settore petrolifero resta la punta di diamante del paese, ma resta il problema della forte dipendenza, e ad esso si lega l’insurgenza nel Niger Delta.
La composizione del nuovo esecutivo rispecchia, secondo la costituzione, l’intricato mosaico etnico-religioso del paese, con un ministro per almeno ogni stato federale. E’ composto da 32 uomini e 7 donne, piu’ una che affianchera’ il presidente come sottoministro nel settore energetico. Le donne sono una delle conferme del nuovo trend nigeriano: erano in posizione chiave gia’ durante la presidenza di Obasanjo in settori quale educazione e finanze, oggi guidano educazione, sviluppo dell’industria mineraria e sanita’.
Nel varare il nuovo esecutivo Yar’Adua non ha voluto imporre la legge dei vincitori, affidando incarichi anche a membri provenienti dall’opposizione. Una sorta di governo nazionale, ma anche un’abile mossa strategica per rimuovere il malcontento dopo le elezioni farsa di tre mesi fa. Del resto, nonostante i partiti di opposizione abbiano contestato le elezioni, e giurato di procedere fino in fondo in tribunale, molti membri e candidate hanno finito per accettare incarichi nel nuovo governo e nella pubblica amministrazione. Solo Atiku Abubakar e Muhammadu Buhari, i grandi sconfitti, continuano la battaglia legale.
Una delle nomine forse piu’ controverse e’ infine quella tra il PDP di Chief Ojo Maduekwe a ministro degli esteri, un tempo guido’ la campagna politica volta a trasformare l’ex dittatore Sani Abacha in un rispettabile civile.

Lotta alla corruzione nel segno della continuita’

Tra i compiti a cui e’chiamato il nuovo presidente spiccano la lotta alla corruzione, la sicurezza, garantire l’efficienza economica, la riforma del sistema elettorale.
Sicuramente il settore nel quale tutti puntano gli occhi e’ la lotta alla corruzione. Il presidente Obasanjo durante i suoi otto anni di governo ha piu’ volte posto l’enfasi su questa, riuscendo anche a raggiungere qualche risultato: oggi la Nigeria e’ otto posti sopra Haiti nella classifica di Transparency International per la corruzione, dopo che era stata all’ultimo posto; molti governatori sono stati incriminati o attualmente sotto processo per corruzione e concussione. Ma questa crociata anti corruzione e’ stata anche usata per fini politici, e gli esempi non mancano. All’approssimarsi della campagna elettorale e’ parso che Obasanjo abbia usato questa lotta per eliminare avversari politici, specie quando e’ apparso impossibile per lui candidarsi per un terzo mandato. Si dice inoltre che Obasanjo abbia minacciato di avviare inchieste su almeno dieci influenti governatori del PDP se non avessero ritirato la propria candidatura e appoggiato Yar’Adua. Nomina questa non prevista, dato che Yar’Adua non era tra i favoriti nel partito, e non aveva alcuna notorieta’ a livello nazionale.
Il nuovo presidente, da parte sua, ha fatto chiaramente capire che continuera’ la lotta intrapresa dal suo predecessore, per eliminare una piaga che come sostiene Yar’Adua e’ essa stessa causa del dilagare della poverta’.
La sua figura ha tuttavia generato contrastanti opinioni sull’effettiva capacita’ di garantire questo risultato. A suo favore va citata la decisione di licenziare nel 2003 il suo vice, Ahmed Jikamsghi, accusato di concussione quando era governatore dello Stato di Katsina; fu tra i pochi a dichiarare pubblicamente i suoi beni quando venne eletto governatore per la seconda volta nel 2003, e uno dei pochi governatori in carica a non essere stato sotto inchiesta. Ma altri sostengono che la sua integrita’ sia venuta meno quando proprio era governatore dello stato di Katsina, stipulando contratti millionari con compagnie legate alla sua famiglia compagnie.
Questo nuovo presidente, descritto come taciturno e poco tollerante all’opposizione, spesso sottostimato, si trova di fronte un compito enorme, come il paese che governa, ma molti assicurano che sara’ in grado di stupire grazie alla sua volonta’ di ferro.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies