Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Carovane per Sarajevo
    MIMESIS Edizioni presenta:

    Carovane per Sarajevo

    Libro di Francesco Pugliese. Prefazione di Lidia Menapace.
    Introduzione di Alessandro Marescotti, Alfonso Navarra, Laura Tussi
    30 maggio 2015 - Laura Tussi
  • Giovanni Pesce - "Per non dimenticare"
    Comunicato stampa. DVD/Libro: intervista video inedita del 1983 al Comandante Partigiano Giovanni Pesce

    Giovanni Pesce - "Per non dimenticare"

    DVD / Libro: Giovanni Pesce - "Per Non Dimenticare". E' una intervista video al Comandante Partigiano Giovanni Pesce, risalente al 1983. Abbiamo appositamente raccolto, per la realizzazione del DVD / Libro, le Testimonianze di personalità che lo hanno conosciuto tra cui Moni Ovadia, Vittorio Agnoletto, Daniele Biacchessi e altri.Presentazione pubblica il giorno Sabato 18 Aprile 2015, presso Sala Consiliare di Nova Milanese. Il DVD / Libro sarà disponibile, in questa data, in tutte le librerie.
    30 marzo 2015 - Laura Tussi
  • UNIMONDO - La scuola che educa alle diversità
    UNIMONDO.org presenta:

    UNIMONDO - La scuola che educa alle diversità

    Unimondo è una testata giornalistica online che offre un'informazione qualificata sui temi della pace, dello sviluppo umano sostenibile, dei diritti umani e dell'ambiente. Diffonde un'informazione plurale e quotidiana dando voce alle molteplici realtà della società civile italiana e internazionale
    18 febbraio 2015 - Laura Tussi
  • Non si uccide un disegno.
    CharlieHebdo

    Non si uccide un disegno.

    7 gennaio 2015 - Antonio Caso
Incontro con l'avvocatessa cecena candidataa al Nobel per la Pace

Intervista a Ljdia Yusupova

Dal suo rapporto con la giornalista Anna Politkovskaja al suo impegno con l'ong Memorial, la Yusupova è in prima linea per la difesa dei diritti dell'uomo
19 ottobre 2007 - Valentina Nuccio (Comitato per la Pace nel Caucaso)

Ljdia Yusupova A colloquio con Ljdia Yusupova, avvocato ceceno, donna sensibile all’argomento “diritti dell’uomo. Non è stato semplice incontrarla. Lei parla solo russo e ceceno ma lo sguardo vivo e determinato traduce una personalità forte e combattiva. E’ da sempre schierata in prima linea nella difesa dei cosiddetti “casi prefabbricati”, cioè casi di gente accusata ingiustamente e costretta ad ammettere le proprie non-colpe dopo aver subito torture e vessazioni fisiche e psichiche di ogni tipo. A Ljdia, candidata al Nobel per la Pace, ho chiesto in maniera specifica, il rapporto con la giornalista russa Anna Politkovskaja, uccisa perché come l’ha definita l’attrice Ottavia Piccolo, era una “donna non rieducabile”.

Qual è il suo ruolo all’interno dell’Ong Memorial?

Intanto devo precisare che non sono solo io l’avvocato di Memorial. Ci sono altri che ricevono le persone in ufficio e raccolgono le loro testimonianze, altri difendono i loro clienti o partecipano all’investigazione diretta. Il nostro lavoro è quello di tutelare i diritti dei civili che sono stati accusati ingiustamente di aver commesso dei reati, rivolgendoci alle associazioni dei diritti umani.
Di solito si tratta di “casi prefabbricati”: le persone accusate vengono prima torturate e dopo accettano di firmare ed essere condannati per reati che non hanno commesso.

Parliamo del suo rapporto con Anna Politkovskaja, la giornalista russa uccisa il 7 ottobre 2006.

Avevamo tropo poco tempo per parlare a livello personale. Anna veniva spesso in Cecenia a lavorare; più che altro collaboravamo con i miei colleghi, ci incontravamo in uffici perchè dovevamo agire con le forze d’ordine. In qui momenti, quando ci incontravamo a pranzo, parlavamo di quello che abbiamo fatto prima e di quello che dovevamo fare da lì a poco. L’ultima volta che ci siamo incontrate nel 2005 quando io ero ancora a Grozny, lei aveva parlato con Ramzan Kadyrov, attuale Presidente della Cecenia. Era seduta al tavolo e mi raccontava dell’incontro. Stava piangendo perchè doveva scrivere di quello che si erano detti e, con le lacrime sulle guance aveva l’aspetto di un bambino. Ad un certo punto ha alzato gli occhiali. Mi sono accorta che non si può dire di una persona che è forte... a me in quel momento sembrava debole.
Anna era molto coraggiosa, molto aperta ma anche indifesa e sola.

Anna era sola. Ma davvero era etichettata come reietta in Russia?

Non conosco la sua cerchia di amici ma penso che in Russia la gente non la capisse e quelli che la capivano non potevano parlare, esprimersi in modo libero, aperto.
I collaboratori delle Ong per la difesa dei diritti dell’uomo cercavano di aiutarla e proteggerla dicendole di parlare meno o almeno in maniera più morbida, ma lei agiva come credeva che dovesse essere fatto. Secondo me ha fatto quello che doveva fare.
In modo molto chiaro denunciava tutti i crimini che le autorità russe commettevano. Non era voluta. Specie da chi commetteva quei crimini. Perchè chi commetteva quei crimini ora sono al potere.

Cosa pensa di Kadyrov?

Prima che Kadyrov diventasse qualcuno in Cecenia la situazione era già compromessa. Lui è solo quello che fa funzionare la politica del Cremlino. Anna parlava spesso del sistema sofisticato della politica russa: se c’è una specie di “normalizzazione” in Cecenia è perchè lo vuole il Cremlino. La normalizzazione serve a loro per le elezioni e tutto ciò non avviene solo qui ma anche in altre parti del Caucaso.

La popolarità di Kadyrov è vera o è legata alla paura che suscita?

No non è solo legata al terrore. E’ stato versato molto sangue in Cecenia e quando una persona finalmente sente di vivere bene dice: “Grazie Ramzan!”. Sono stata in agosto e ho visto che ad esempio, hanno ricostruito un parco con i giochi per i bambini. Vedevo le madri passeggiare coi loro bambini… la prima volta dopo 15 anni.

La guerra nel Caucaso è davvero finita?

No. Come può essere finita se in Daghestan e in Inguscezia accade quello che accadeva in Cecenia?

E i rapimenti? Le torture?

In Cecenia avvengono di meno perché le persone si trovano o in prigione o sotto il governo delle autorità. In Inguscezia e Daghestan succede quello che accadeva in Cecenia: durante la giornata, le persone vengono portate via e non si trovano più. Il pretesto è sempre lo stesso: sono terroristi.
E posso aggiungere che la Russia porta avanti il terrore nei dei popoli del Caucaso.

Cosa c’è alla base di questo conflitto? E’ un problema di origine razziale o economico?

Non voglio parlare degli interessi politici-economici, di questo ne parlano i politologi e gli economisti. Per realizzare i propri piani la Russia deve sconfiggere i nemici interni ed esterni. In questo caso i popoli del Caucaso rappresentano i nemici interni. Il fondamento di questa strategia è la legge contro il terrorismo che giustifica tutto il resto. Ovviamente non mancano gli interessi economici.

La comunità internazionale cosa può fare?

Quello che potete fare è avere consapevolezza delle vostre possibilità. Dall’altra parte se la Russia vi chiude i rubinetti del gas siete legati. Come società civile potete fare molto.

Quali sono i problemi attuali della Cecenia?

Attualmente il problema più grave riguarda la sanità. C’è la percentuale più alta di bambini ammalati di tubercolosi di tutto il Caucaso.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies