Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Riesplode la violenza tra comunita' religiose in Nigeria

Jos teatro di scontri di religiosi

Come avvenne nel 2001, Jos e' ancora una volta al centro di violenze tra le opposte fazioni cristiane e musulmane, mentre i partiti politici lottano per spartirsi le rendite el petrolio
2 dicembre 2008 - Matteo Figus

Riesplode la violenza in Nigeria, ancora una volta vede come protagonisti i due maggiori gruppi religiosi che dividono il paese: musulmani e cristiani.
Come gia’ in passato, la citta’ di Jos, nello stato di Plateau, centro Nigeria, e’ stata teatro degli scontri degli ultimi giorni; la violenza e’ esplosa venerdi 28 novembre dopo che il partito governativo, il PDP e’ stato dichiarato vincitore delle elezioni tenutesi nello stato di cui Jos e’ capitale. Il PDP e’ percepito come un partito a prevalenza cristiana e l’accusa di brogli ha scatenato la reazione da parte del partito di opposizione All Nigeria People’s Party, visto invece in Plateau come in prevalenza musulmano.
Durante gli scontri persone armate con machete e coltelli hanno dilagato per la citta’ dando la caccia ai rispettivi obiettivi, almeno 300 persone sono decedute secondo le autorita’ ma le stime nom vengono ritenute attendibili visti i precedenti. Moschee e chiese sono state date alle fiamme, mentre persone in fuga cercavano riparo in ospedali o stazioni di polizia.
Da sabato e’ stato dichiarato lo stato di emergenza e il coprifiuoco in seguito all’intervento dell’esercito. A parte l’accusa di brogli, non del tutto infondata visti i precedenti delle elezioni presidenziali, l’esercito e la polizia sostengono la presenza di ingerenze straniere dal vicino Chad e Niger per destabilizzare il paese. La realta’ pero’ sembra essere sempre la stessa: come gia’ avvenne nel 2001 a Jos quando morirono piu’ di mille persone, e come in occasione di precedenti scontri, sembrano essere piu’ le ragioni politiche e finaziarie ad animare questo scontri. Le enormi rendite connesse al petrolio e al gas naturale rendono appetibili i posti politici e la rivalita’ etnica e religiosa diventa un mozzicone con cui incendiare facilmente il paese.

Note:

http://bbc.co.uk

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies