Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Carovane per Sarajevo
    MIMESIS Edizioni presenta:

    Carovane per Sarajevo

    Libro di Francesco Pugliese. Prefazione di Lidia Menapace.
    Introduzione di Alessandro Marescotti, Alfonso Navarra, Laura Tussi
    30 maggio 2015 - Laura Tussi
  • Giovanni Pesce - "Per non dimenticare"
    Comunicato stampa. DVD/Libro: intervista video inedita del 1983 al Comandante Partigiano Giovanni Pesce

    Giovanni Pesce - "Per non dimenticare"

    DVD / Libro: Giovanni Pesce - "Per Non Dimenticare". E' una intervista video al Comandante Partigiano Giovanni Pesce, risalente al 1983. Abbiamo appositamente raccolto, per la realizzazione del DVD / Libro, le Testimonianze di personalità che lo hanno conosciuto tra cui Moni Ovadia, Vittorio Agnoletto, Daniele Biacchessi e altri.Presentazione pubblica il giorno Sabato 18 Aprile 2015, presso Sala Consiliare di Nova Milanese. Il DVD / Libro sarà disponibile, in questa data, in tutte le librerie.
    30 marzo 2015 - Laura Tussi
  • UNIMONDO - La scuola che educa alle diversità
    UNIMONDO.org presenta:

    UNIMONDO - La scuola che educa alle diversità

    Unimondo è una testata giornalistica online che offre un'informazione qualificata sui temi della pace, dello sviluppo umano sostenibile, dei diritti umani e dell'ambiente. Diffonde un'informazione plurale e quotidiana dando voce alle molteplici realtà della società civile italiana e internazionale
    18 febbraio 2015 - Laura Tussi
  • Non si uccide un disegno.
    CharlieHebdo

    Non si uccide un disegno.

    7 gennaio 2015 - Antonio Caso
Memorial Russia, sequestrate le memorie dei gulag

Memorie sotto sequestro

L'appello contro il sequestro del materiale informatico del centro di ricerca scientifica e attività informativa "Memorial" di San Pietroburgo, che mette a rischio la memoria delle vittime della repressioni sovietiche
11 dicembre 2008 - Maddalena Parolin e Elena Murdaca (Comitato per la Pace nel Caucaso)

www.memo.ru Memorial è una autorevole organizzazione di tutela dei diritti umani e di preservazione della memoria storica della Russia nota in tutto il mondo, si occupa della preservazione della memoria delle vittime del terrore staliniano così come delle violazioni dei diritti dell’uomo che avvengono nella Federazione Russa. Memorial si è da sempre occupata della guerra in Cecenia, denunciando le violazioni dei diritti umani commessi dalle forze armate russe.

Negli scorsi giorni Memorial è stata oggetto di un grave atto di intimidazione messo in atto dalle autorità russe. Lo scorso 4 dicembre, a S.Pietroburgo, per ordine della Procura un gruppo di miliziani mascherati ha a lungo perquisito i locali del Centro scientifico-informativo Memorial, sequestrando i dischi rigidi degli undici computer, così come molti altri supporti informatici. Sono stati prelevati materiali e documenti frutto di venti anni di ricerche e di lavoro.

La preoccupazione di molti è che la perquisizione e il sequestro, oltre ad essere un tentativo di intimidire Memorial, possano precludere alla sua chiusura, facendogli subire la stessa sorte di moltre altre organizzazioni non governative a cui sono state impedite le attività.

I documenti cartacei sequestrati il 4 dicembre sono stati restituiti, ma i dischi rigidi e gli altri supporti elettronici sono ancora in mano della milizia e della procura di S.Pietroburgo. La stampa italiana è stata colpevolmente silenziosa su questa grave vicenda, nonostante nella sua visita di Stato in Russia dello scorso luglio il Presidente Napolitano avesse incontrato i rappresentanti di Memorial ed altre ONG russe per i diritti umani presso l'Ambasciata d'Italia a Mosca.

APPELLO CONTRO IL SEQUESTRO DEL MATERIALE INFORMATICO DEL CENTRO DI RICERCA SCIENTIFICA E ATTIVITÀ INFORMATIVA “MEMORIAL”

Giovedì 4 dicembre, la sede pietroburghese del Naučno-Informacionnij Centr “Memorial” (Centro di Ricerca Scientifica e Attività Informativa “Memorial”) ha subito una perquisizione da parte delle forze di polizia in seguito ad un mandato della Procura di San Pietroburgo. Durante la stessa, sono stati sequestrati i dischi rigidi ed i supporti dati di tutti i computer di Memorial.

Il motivo della perquisizione è il presunto finanziamento da parte di “Memorial” di “Novyj Peterburg”, giornale di opposizione al governo russo, fatto chiudere dalle autorità governative nel 2007 per “istigazione all’odio” e per l’appoggio alla “Marš nesoglasnych”, l’insieme di manifestazioni antiputiniane che videro la repressione da parte delle forze speciali di polizia e l’arresto di numerosi partecipanti.

Il Centro di Ricerca Scientifica e Attività Informativa Memorial lavora sin dalla sua fondazione nel tentativo di salvare la memoria delle vittime delle repressioni sovietiche, nel rispetto dei diritti umani e nel monitoraggio dello sviluppo democratico della Russia post-sovietica. Grazie a Memorial sono stati emanati i pochi provvedimenti statali a tutela della memoria delle vittime dello stalinismo; sempre grazie a Memorial sono state denunciate numerose violazioni dei diritti umani da parte dell’esercito russo in Cecenia.

L’attività di Memorial è riconosciuta internazionalmente, come dimostra la candidatura al Premio Nobel per la Pace nel 2007 e nel 2008, ma viene osteggiata in patria. L’operazione del 4 dicembre ne è l’ennesima dimostrazione, anche perché i responsabili di Memorial hanno affermato di non aver alcun tipo di rapporto con il giornale “Novyj Peterburg”. Al di là di ciò che sarà dimostrato dall’autorità giudiziaria, il sequestro dei dischi rigidi di Memorial mette a repentaglio l’esistenza stessa del Centro e soprattutto il materiale contenuto negli archivi della sede pietroburghese, informatizzato e sistematizzato su quei computer. Cento anni di storia russa sono in questo momento a rischio.

In una lettera rivolta alle autorità russe, un gruppo di studiosi ha messo in risalto l’importanza di questo archivio elettronico: «Un totale di undici dischi rigidi sono stati confiscati. Questi dischi contengono numerosi database con: informazioni biografiche su più di 50.000 vittime delle repressioni staliniane; i risultati della ricerca di siti di esecuzioni e di seppellimento di vittime delle repressioni (svariate centinaia di siti descritti e fotografati); la collezione fotografica (oltre 10.000 fotografie) e il testo di riferimento del “Museo virtuale del Gulag”, una risorsa online unica al mondo che riunisce oltre cento musei russi locali sul Gulag. Sono stati inoltre confiscati i database contenenti l’archivio di storie orali e le collezioni elettroniche di fotografie, comprese le scansioni di materiali storici acquisiti da archivi privati».

Chiediamo quindi di sottoscrivere il presente appello da rivolgere all’Ambasciata Russa in Italia affinché venga denunciata la persecuzione ai danni di Memorial, e venga garantita ai suoi attivisti la libertà di attività. Chiediamo infine alla stampa italiana di diffondere la notizia, nella speranza che possa raggiungere un pubblico maggiore, come già successo in altri paesi, anche grazie alla denuncia di Amnesty International e di Human Rights Watch.

Note:

L'adesione all'appello va notificata mandando una email a Orlando Figes (o.figes@ntlworld.com)

Vedi anche Memorial Italia: http://www.memorial-italia.it/
Memorial: http://www.memo.ru/eng/index.htm

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies