Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    Home Video del criminale di guerra più ricercato al mondo

    Meno che umani

    Quest'articolo è stato pubblicato nel blog di Jasmina Tesanovic. Titolo originale "Less than Human"
    23 giugno 2009 - Jasmina Tesanovic

    La settimana scorsa la televisione bosniaca ha trasmesso una serie di video amatoriali del criminale di guerra più ricercato al mondo, il serbo-bosniaco Ratko Mladic. Il video ha scandalizzato il mondo - e anche noi - in Serbia, quei pochi che non si rifiutano di vivere.

    Il generale Ratko Mladić durante un colloquio mediato dalle Nazioni Unite all'aereoporto di Sarajevo nel 1993

    Ci sono coloro che credono ai loro occhi più che i loro funzionari, che credono in fatti più che in ideologia, che credono che la pace può venire solo attraverso la giustizia. E quando dico noi pochi, mi riferisco agli attivisti, i diritti umani, gli avvocati, le famiglie di Mladic di vittime, e coloro che, senza volerlo, in un modo o nell'altro, attraversato il cammino di nascosto nascosto generale.

    Ricordo, alcuni anni or sono, un giovane attivista per i diritti umani: il suo lavoro quotidiano era cacciare i criminali di guerra. Ha incontrato regolarmente Mladic, mentre Mladic faceva la spesa in una panetteria. Il mio amico ha fatto il suo lavoro. L'impotenza della legge e l'assurdità della politica ha fatto il resto.

    Quel criminale di guerra è stato spesso osannato come un eroe del popolo serbo. Politici di primo piano manifestavano con T-shirt con il volto di Mladic. Era una figura mitica, l'eroe serbo che ha giurato di uccidere se stesso piuttosto che cedere al tribunale dell'Aia.

    Si è nascosto nelle montagne, si è nascosto nei boschi e grotte della sua Bosnia, si è nascosto nelle segrete dell'esercito serbo di Belgrado? Era invisibile a tutti?

    Un paio d'anni fa, due soldati in servizio nei pressi di queste carceri militari sono stati trovati morti. La spiegazione ufficiale è dubbia: si o uccisi a vicenda durante una lotta o suicidati. Il fatto è emerso subito dopo che sarebbero stati testimoni del nascondiglio di Mladic. Questo caso - mistero e sospetto del suo - si è ulteriormente infittito da quando i genitori e gli attivisti dei diritti umani hanno iniziato a far domande. Qualche tempo fa, gli accusati che si suppone abbiano aiutato Mladic a nascondersi in Belgrado sono state rilasciate dal tribunale serbo, ufficialmente per mancanza di prove. Li ho visti lasciare l'aula, con chiasso e fragore, mentre i testimoni sono stati minacciati.

    E ora appaiono questi video amatoriali: Mladic è attempato, ma, ovviamente, non si nasconde. E' il nostro coinquilino, che vive una vita normale in un qualsiasi sobborgo di Belgrado. Non sembrano ricercati, ma sotto scorta.

    Meno di un anno fa, un altro criminale di guerra, Radovan Karadzic, è stato arrestato a Belgrado: cosa dissimulata come un mistico guru della medicina alternativa Dragan Dabic. Dopo il suo arresto molte foto e indizi ruotavano attorno Belgrado: Mladic che si potrebbe essere mascherato come un venditore ambulante, come un semplice pensionato nel parco, anche come una donna. Ma questi video disperdono queste dicerie: l'ultimo video mostra Mladic con una canna, giocare con palle di neve con gioia. Questo scoop conferma le voci che ha recentemente avrebbe avuto un ictus e che il filmato è recente, databile all'inverno 2008.

    Guardando questo video, come la noiosa e innocente come tutti i video familiari, si percepisce qualcosa di profondamente sbagliato su di loro. Stiamo cercando il criminale di guerra più ricercato al mondo, che ha ucciso a sangue freddo - in tre giorni - 8.000 persone, solo perché sono di etnia musulmani nel posto sbagliato: marmaglia, meno che umani, come li chiamavano i suoi soldati.

    Nel fissare la telecamera, si comporta come se non fosse accaduto nulla. Lui è un semplice uomo di famiglia. Mladic coccole suo nipote in fasce con le parole di nonno affettuoso. Abbraccia sempre presente la suo amorevole moglie e il suo figlio devoto. Piange sulla bara di sua figlia, che si è sparata con la sua arma preferita. L'orrore commesso dalla criminalità organizzata diventa ancor più gigantesca. Quest'uomo, con le emozioni e le idee non ha avuto dubbi sulla liquidazione della popolazione, senza alcuna spiegazione, senza esitazioni. Mladic è stato considerato un eroe per questo. Dai video amatoriali, si può vedere questa fede sulle sue gesta eroiche. Egli è circondato da amici di famiglia e da politici del suo regime.

    Queste persone parlano la mia lingua, il linguaggio del corpo dei miei parenti dell'Erzegovina, ma non parlano con la mia mente. Sinceramente, per me sembrano folli. Ma nella realtà quotidiana della politica, la loro presenza è un'ombra sulla Serbia. Per questo rende la vita quotidiana serba sembra folle.

    In questi giorni, la Comunità Europea promette alla Serbia un nuovo regime dei visti. Una delle principali condizioni per l'integrazione della Serbia nella Comunità Europea è stato l'arresto di Ratko Mladic. La pubblica messa in onda di questi video coincide con la politica di questi nuovi negoziati. E difficile credere che la concomitanza dei tempi sia casuale.

    Forse siamo in chiusura, forse non vi è altro modo per dire al popolo serbo che Mladic non è un eroe sovraumano del popolo, ma un vecchio traballante, un personaggio la cui banalità è classicamente malvagia.

    Tradotto da Giacomo Alessandroni per PeaceLink . Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte (PeaceLink) e l'autore della traduzione.
    N.d.T.: Titolo originale "Less than Human"
    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies