Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    Italia armata

    Decollata da Brindisi la missione militare ONU in Siria

    Parte ufficalmente la missione in Siria degli osserbvatori militari ONU. I velivoli e i mezzi erano però già stati trasferiti dalla base delle Nazioni Unite di Brindisi con aerei da trasporto della 46^ Brigata aerea di Pisa, 4 giorni prima che l'operazione venisse autorizzata dal Consiglio di Sicurezza. Intanto si registra un'escalation militare nei paesi confinanti
    23 aprile 2012 - Antonio Mazzeo

    Al via in Siria la missione di supervisione delle Nazioni Unite (UNSMIS) per il “rispetto del cessate il fuoco tra le parti”, autorizzata il 21 aprile scorso dal Consiglio di Sicurezza (risoluzione n. 2042). A Damasco è giunto il primo team ONU composto da trenta “osservatori militari non armati” che verranno poi dislocati in una decina di località del paese. Da qui a 90 giorni, il numero degli “osservatori” crescerà a 300 unità, compresi “consiglieri politici ed esperti nel campo dei diritti umani, dell’informazione e della sicurezza pubblica”.

    È questa una missione ad altissimo rischio: un suo fallimento potrebbe avere la conseguenza di aprire la strada ad un intervento militare internazionale per spodestare il regime Assad. Il Segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, non ha voluto attendere il voto del Consiglio di Sicurezza per lanciare l’intera operazione. Messosi in contatto con il governo italiano, ha ottenuto che dal 15 al 17 aprile, cinque velivoli C-130J della 46^ Brigata Aerea di Pisa venissero impiegati per trasportare a Beirut una decina di autoveicoli blindati, “materiali e altri mezzi” stoccati presso il Centro Servizi Globale delle Nazioni Unite (UNGSC) ospitato presso il distaccamento di Brindisi dell’Aeronautica Militare. Tutto il materiale inviato è destinato agli “osservatori” ONU.

    Quella brindisina è un’installazione poco nota al grande pubblico, tuttavia sta assumendo sempre più un ruolo chiave a livello internazionale. Oltre a fornire il supporto alle attività di peacekeeping dell’ONU, lo scalo viene utilizzato come base di “pronto intervento umanitario” del World Food Program, per l’invio di aiuti di prima necessità in qualsiasi parte del mondo colpita da un evento calamitoso. La base di Brindisi è inoltre impiegata dall’Agenzia europea per la gestione della cooperazione alle frontiere esterne (Frontex) per le operazioni di pattugliamento aereo dell’Adriatico, del Canale di Sicilia e dei confini tra Grecia e Albania.

    In una lettera inviata al Consiglio di Sicurezza, Ban Ki-moon ha reso noto che gli osservatori avranno il compito di “controllare la cessazione delle ostilità e l’applicazione degli altri punti del piano di pace” predisposto dall’inviato speciale delle Nazioni Unite e della Lega Araba, Kofi Annan. “Valuteremo sul campo gli sviluppi della situazione, prima di decidere se e quando espandere la missione”, ha aggiunto il Segretario generale ONU. L’accordo preliminare con le autorità siriane prevede che gli osservatori potranno spostarsi liberamente ovunque “a piedi o in auto”, fare fotografie e “utilizzare le apparecchiature tecniche necessarie a monitorare il rispetto del cessate il fuoco”. Potranno installare “temporaneamente” posti d’osservazione in città e villaggi, “monitorare” i convogli militari che si avvicinano ai centri abitati, indagare su ogni potenziale violazione degli accordi stipulati ed avere accesso ai centri di detenzione in coordinazione con la Croce rossa internazionale e le autorità siriane.

    Gli “osservatori” saranno inizialmente messi a disposizione delle forze armate di Brasile, Belgio, Marocco, Norvegia, Russia e Svizzera. Anche l’Italia potrebbe fare la sua parte. Il 17 aprile, intervenendo in Parlamento, il sottosegretario alla Difesa, Gianluigi Magri, ha dichiarato che il governo è intenzionato “a trasferire un’aliquota delle forze già presenti in Libano nella vicina Siria”. Anche Olanda, Serbia, Cina, Croazia, Giordania, Pakistan, Egitto e Yemen hanno offerto la propria disponibilità ad inviare personale militare nel paese mediorientale.

    Ban Ki-moon ha chiesto all’Unione europea di mettere a disposizione degli osservatori alcuni elicotteri da trasporto, in modo da “assicurare mobilità e capacità di pronta risposta in caso d’incidenti”. Ad oggi, però, Damasco non ha autorizzato l’uso degli scali nazionali per le operazioni di volo ONU. “Il regime di Bashar Al Assad non ha ancora ottemperato ai suoi obblighi di ritirare truppe e armi pesanti dalle città”, ha dichiarato il Segretario generale delle Nazioni Unite. “C’è stata un’escalation di violenza, ma entrambe le parti hanno manifestato l’intenzione di rispettare la tregua”. Secondo l’ONU, sarebbero già più di 9.000 le persone assassinate in Siria dall’inizio delle manifestazioni anti-governative del marzo 2011. Secondo il governo, invece, il numero delle vittime sarebbe di molto inferiore.

    Crescono intanto le pressioni a livello internazionale per un intervento più “duro” e deciso contro il regime siriano. Al vertice di Parigi dei cosiddetti “Amici della Siria” (Stati Uniti, Francia, Arabia Saudita e Qatar), la Segretaria di Stato, Hillary Clinton, ha preannunciato che il proprio paese chiederà all’ONU di decretare “l’embargo sui viaggi e sulle armi e sanzioni finanziarie”. Il Qatar punta invece ad una missione multinazionale di “interposizione” e peace inforcement. Più cauta la NATO, che per bocca del suo segretario generale, Anders Fogh Rasmussen, fa sapere che, allo stato attuale, l’alleanza non ha l’intenzione d’intervenire in Siria. Anche i capi del Pentagono, secondo l’agenzia Associated Press, si sarebbero dichiarati fortemente perplessi su un intervento militare USA. Durante una recente audizione al Congresso, il segretario alla Difesa Leon Panetta e il Capo di stato militare, gen. Martin Dempsey, hanno fatto sapere che le forze armate “sono pronte ad agire”, ma hanno aggiunto tuttavia che “ci sarebbero forti limiti” per un coinvolgimento diretto dei militari USA in un’altra guerra in Medio Oriente “dopo i lunghi conflitti in Iraq ed Afghanistan”. Panetta e Dempsey hanno comunque preannunciato il potenziamento delle attività d’intelligence e la fornitura di non meglio precisati “aiuti umanitari” alla popolazione siriana, per un valore di 25 milioni di dollari.

    Mentre la maggioranza del Congresso si dichiara contraria ad un’opzione militare contro la Siria, il senatore repubblicano John McCain (ex candidato alle elezioni presidenziali del 2008) ha chiesto in Commissione difesa di inviare i caccia USA a bombardare le postazioni militari siriane, replicando l’intervento dello scorso anno in Libia. “Per cambiare gli equilibri militari all’interno del paese è necessario che gli Stati Uniti, in stretta collaborazione con i nostri alleati turchi ed arabi, forniscano all’opposizione siriana l’aiuto di cui essa ha bisogno per difendersi”, ha dichiarato McCain. “Ciò può includere l’addestramento e la fornitura di armi ed intelligence all’opposizione siriana, l’uso del potere aereo per colpire i centri di comando e di controllo del regime di Assad e l’aiuto necessario perché l’opposizione crei proprie zone di sicurezza all’interno della Siria”.

    Intanto da Amman giunge a sorpresa la notizia che dal 7 al 28 maggio la Giordania ospiterà un’imponente esercitazione militare a cui parteciperanno oltre 8.000 militari di Stati Uniti ed altri 16 paesi Nato ed extra-Nato. L’esercitazione “area, navale e terrestre” si chiamerà Eager Lion 12 e sarà focalizzata sulle modalità di “gestione delle crisi” e sulle “tecniche di lotta al terrorismo”, secondo quanto dichiarato da un portavoce dal Pentagono.

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies