Conflitti

RSS logo

Mailing-list Conflitti

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Conflitti

...

Articoli correlati

Mali

Una guerra senza fari puntati (per ora)

Come in ogni conflitto, le prime vittime sono la verità e l'informazione.
17 gennaio 2013 - José Naranjo
Fonte: www.guinguinbali.com - 14 gennaio 2013

militari in Mali Il signor Dena sembra molto simpatico. Sorride sempre. Questa mattina l’ho conosciuto di persona nel suo ufficio al Ministero delle Comunicazioni, al terzo piano. Avevo parlato con lui al telefono varie volte e mi era sembrato anche simpatico. Ma oggi è stressato. Coperto da una montagna di richieste di accreditamento da parte della stampa che si accumulano sulla sua scrivania, cerca di far fronte ai giornalisti di tutto il mondo che in pochi giorni sono arrivati a Bamako. Tutti cercano la stessa cosa, un permesso per poter andare al Nord. E Dena ha solo due mani.

La direttiva del governo è chiara. Senza accreditamento la stampa non ha possibilità di lasciare nemmeno Bamako in direzione di Segou. Nel primo controllo militare di turno, e ce ne sono a decine, ti farebbero tornare indietro sotto la minaccia di essere arrestato. Siamo in uno stato di emergenza da venerdì. E gli accreditamenti devono essere autorizzati, uno a uno, dal Ministero della Difesa. E ciò ha bisgono del suo tempo.

Ma, il problema è che anche se hai il maledetto foglietto, non hai la sicurezza di arrivare. Quattro colleghi sono bloccati da sabato a Segou. E loro hanno già l’accreditamento perchè sono a Bamako da mesi. Questo significa solo una cosa: per il momento, non vogliono testimoni nè giornalisti pullulando nella zona del conflitto. Non vi chiedete per caso perchè non avete ancora visto nessuna immagine di quello che sta succedendo sul terreno? Dove sono le vittime? I feriti? Gli edifici bombardati? Le truppe in combattimento?

Le ragioni possono essere molteplici e sicuramente si può pensare che si stia cercando di evitare che si producano nuovi sequestri o di garantire la nostra sicurezza. Ma il risultato è solo uno: si sta occultando la possibilità di informare, e per tanto, si sta attaccando la libertà di stampa, e la verità. Ricordo una frase che ho imparato all’università (credo che non sia stato al bar, ma non ne sono sicuro), e diceva che “nelle guerre la prima vittima è la verità”. E in questa, come in altre, si corre lo stesso rischio se non arrivano presto i giornalisti al fronte.

E se il problema è la nostra sicurezza, solo aggiungo che ognuno dei giornalisti presenti in Mali è cosciente dei pericoli che può o che vuole assumere, e ognuno arriverà fino a dove gli sembri ragionevole nel suo desiderio di informare nella maniera più veridica e adeguata. Quello che voglio dire è che siamo persone adulte. Quello che voglio dire è che non mi piace che mi si limiti nel mio dovere di informare. E che i miei rischi sono miei, e solo miei. Non so come voi la vedete.

Tradotto da Carlotta Busnello.
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy