Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Guerra umanitaria in Kosovo? Hanno espiantato organi e trafficato droga
    La verità nascosta

    Guerra umanitaria in Kosovo? Hanno espiantato organi e trafficato droga

    Una guerra voluta dalla Nato e che D'Alema difese perfino in un libro titotalo "Gli italiani e la guerra"
    15 dicembre 2010 - Alessandro Marescotti
  • I Rom: dal Kosovo al Casilino 900

    Storia incredibile di alcune famiglie rom, imparentate tra loro, che dagli anni novanta in poi, quando il clima sociale e politico in Kosovo cominciava a farsi pesante, lasciarono le loro case per raggiungere l'Italia. Pensavano di essersi lasciati alle spalle l'inferno. Arrivarono, invece, al CASILINO 900.
    10 settembre 2009 - Raffaele Coniglio
  • D'Alema, vittima dei bombardamenti Nato
    L'appello pubblico di PeaceLink: "Bisogna chiedere scusa alle vittime innocenti"

    D'Alema, vittima dei bombardamenti Nato

    Il messaggio è arrivato ai suoi indirizzi e-mail, che vengono letti dai suoi assistenti, tra l'altro pagati anche con i nostri soldi. Il risultato è stato il silenzio assoluto. Questa è la coscienza di Massimo D'Alema.
    28 maggio 2009 - Alessandro Marescotti
  • A dieci anni dal bombardamento NATO della televisione nazionale serba
    Furono uccise 16 persone e violate le Convenzioni di Ginevra

    A dieci anni dal bombardamento NATO della televisione nazionale serba

    Oggi chiediamo che l'allora Presidente del Consiglio Massimo D'Alema offra pubblicamente le proprie scuse ad ognuna delle vittime con un atto formale e solenne.
    19 aprile 2009 - Alessandro Marescotti

Kosovo: comunicato stampa congiunto ICS-Assopace

La guerra non è mai una soluzione. Porta altre sofferenze, conflitti, violenze.
18 marzo 2004 - Catherine Dickehage
Fonte: ICS - Consorzio Internazionale di Solidarieta'
http://www.icsitalia.org

Il precipitare delle situazione che si sta verificando a Mitrovica ed in altre parti del Kosovo in queste ultime ore non arriva inaspettato a chi da anni opera sul campo.
Già da alcune settimane i nostri operatori ci riferivano di una ripresa di omicidi di membri della minoranza serba che fanno da corollario agli eventi che ieri hanno coinvolto i bambini del villaggio albanese di Cabra.
E da anni ormai vediamo come pochissimo si stia effettivamente facendo per avviare una vera riconciliazione fra le etnie.

La crisi in corso è dunque la logica conseguenza di una situazione tutt'altro che risolta e ben lontana dall'essere stata sanata, con la perdurante incertezza sullo status futuro della provincia Serba e una strisciante radicalizzazione della divisione fra le diverse comunità che abitano in Kosovo.
Troppi segmenti della comunità internazionale hanno finto che la difficile situazione kosovara fosse stata di fatto risolta con la guerra del 1999, ed ora il Kosovo torna alla ribalta mediatica e tutte le contraddizioni del dopoguerra, mai veramente affrontate, esplodono nella violenza.

"C'è una triste somiglianza fra quanto accade oggi in Kosovo e quello che continua ad accadere in Iraq: l'impossibilità di gestire la pace dopo la guerra. la guerra che ancora una volta si dimostra una scelta sbagliata per la risoluzione delle controversie internazionali e che produce danni e conseguenze nefaste sul breve e sul lungo periodo" dichiara Giulio Marcon Presidene di ICS "La guerra non è mai una soluzione. Porta altre sofferenze, conflitti, violenze.Grande è la frustrazione di chi, come ICS e Assopace, ha cercato in questi anni di continuare un lavoro dal basso con le comunità, provando a ricostruire un tessuto sociale coeso a partire dalla società civile, provando sempre una forte sensazione di straniamento e di solitudine, e denunciando nell'indifferenza generale quello che continuava ad accadere alle minoranze sempre più attacccate ed escluse di fatto dalla vita civile del Kosovo. Rimane la speranza che questo nuovo espledere della violenza, che speriamo circoscritto, serva ad rimettere in discussione la di fatto
inesistente politica della comunità internazionale sul destino del Kosovo e possa porre le basi per un nuovo percorso che vada davero nella direzione di garantire a tutti i cittadini del kosovo i loro diritti.

Note:

Catherine Dickehage
Relazioni Esterne / Fund raising
ICS - Via Salaria 89 00198 Roma
Tel +39 06 85355081 Fax +39 06 85355083
http://www.icsitalia.org

Per interveiste sul campo:
Catherine Dckehage
348 5814954

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies