Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Enclave di Gorazdevac Peja-Pec Kosovo

Kosovo incendiato

19 marzo 2004 - Anna Scavuzzo
Fonte: Caschi bianchi Associazione "Papa Giovanni XXIII"
http://www.operazionecolomba.org

Logo dell'Associazione "Papa Giovanni XXIII" Logo dell'Operazione colomba Abitiamo in Kosovo, nei pressi di Pec-Peja a Gorazdevac che e` un villaggio serbo circondato da villaggi albanesi, per questo definito "enclave"...praticamente un ghetto.
Quando iniziano le case serbe c`e` un check-point con un baracchino circondato da pile di sacchi di sabbia e un carrarmato con il cannone puntato in aria.
Dal baracchino esce il soldato rumeno di turno, ti chiede il passaporto, controlla quante persone ci sono in macchina, detta il numero di targa al collega, ti restituisce il passaporto e via.
Gli abitanti di Gorazdevac non valicano quasi mai questi check-point se non con il convoglio che li porta direttamente in Serbia. Non escono per andare in citta` perche` fuori del villaggio si sentono in pericolo.

Ecco Gorazdevac, a vederlo non sembrerebbe molto diverso dal villaggio precedente, le case sono pressoche` uguali: non povere e non lussuose, proprio come quelle degli altri villaggi.
L`unica differenza sta nelle persone che vi abitano, qui infatti abitano quelli che sono considerati i "cattivi" della guerra in Kosovo.
La strada principale e` percorsa tutti i giorni da albanesi che vanno in citta` visto che questa e` la via piu` veloce. Quando succede qualcosa, tipo l`omicidio edi alcuni ragazzi serbi di quest`estate, i due check-point vengono chiusi e non passa più nessuno tranne gli stranieri.
Sembrava una giornata normale anche Mercoledì e tutto si e` svolto come sempre
fino alle 2 del pomeriggio.
All`improvviso tutto bloccato: grandi sassi in mezzo alle strade. Proteste e manifestazioni in tutto il Kosovo e in Serbia.
Il giorno prima erano morti 3 bambini albanesi a causa di alcuni serbi: non immaginavamo che scatenasse una reazione a catena cosi` grande e cosi` ben organizzata.
Piu` di venti morti, piu` di 250 feriti, moschee, chiese e case serbe bruciate.
Sembra di essere tornati indietro di piu` di 5 anni.
Bjelo Polje e` un villaggio serbo, intorno a Peja come Goradzevac, presidiato 24 ore su 24 dalla KFOR italiana che si trova nelle immediate vicinanze della grande base italiana chiamata "VILLAGGIO ITALIA".
Li` vi erano state ricostruite 25 case per altrettante famiglie che sarebbero dovute ritornare.
Nell`attesa erano gia` presenti i capi famiglia.
Delle 25 case ne sono state bruciate la gran parte mentre 12 dei 25 capi famiglia sono stati feriti.
Da noi, nell'enclave di Gorazdevac, le persone di notte non dormono per la paura di un attacco albanese, tengono le luci spente, noi facciamo la spola con la città e tutti ci aspettano fuori dalle case,chiedendoci di notizie. L'UNMIK ci ha in queste ore chiesto di evacquare, ma noi guardando in faccia le persone del villaggio con cui viviamo, la famiglia con i figli portatori di handicap nostri vicini di casa non vogliamo abbadonarli, proprio ora che le altr enclave sere sono state svuotate.
Questi ultimi avvenimenti mettono in luce il fallimento (a questa parola bisognerebbe trovare un sinonimo perche` verra` ripetuta troppe volte) della modalita` d`intervento della NATO, lo dimostra anche la scarsa capacita` di protezione delle persone in questo caso, e delle Nazioni Unite in Kosovo.
Pensare che con la guerra, seppur umanitaria, si possa esportare la democrazia e la pace (forse nei nostri comodi e sicuri paesi ne abbiamo troppa?) si sta rivelando sempre di piu` un fallimento. E non solo in Kosovo.

Note:

Vi lasciamo con le parole di un nostro amico che da anni lavora per la la pace e la convivenza:

“Bisogna aiutare la gente a capire che queste situazioni si possono oltrepassare solo con la forza e il coraggio della fede e del perdono, perchè il perdono che viene presentato tante volte meccanicamente, come qualcosa che avverrà, come qualcosa che con il tempo migliorerà, è un processo prima di tutto lungo e poi tante volte non avviene neanche, perchè molta gente vivendo nell'odio non vive, muore dentro . Cosa vuol dire vivere nell'odio? Vivere per fare del male, e questa non è vita. Noi diciamo alla gente che per la libertà molti hanno dato la propria vita, apprezziamo il sangue di questi eroi e martiri: ma dobbiamo fare con coraggio un passo in avanti. La libertà si conquista solo tramite il perdono, perchè chi odia non è libero, è schiavo dell'odio. Nel fare o non fare dipende dalle circostanze; quindi dobbiamo riproporre la pace, la riconciliazione e il perdono in chiave positiva e di servizio a quello che vorremmo tutti, cioè un Kossovo libero e democratico.

E per esserlo dobbiamo vincere il dittatore più grande, l'unico, che non muore mai. Non è più Milosevic o qualcun altro, è il dittatore dentro di noi.”

Don Lush Gjergij - Sacerdote - Vitina Kosovo

ASSOCIAZIONECOMUNITÀ PAPA GIOVANNI XXIII
OPERAZIONE COLOMBA - Corpo Civile Nonviolento di Pace
DOVE OPERATION - Nonviolent Peace Corps

Via della Grotta Rossa n.647900 Rimini, Italia
Tel. ++39 0541 751498Fax. ++39 0541751624
operazione.colomba@apg23.org
http://www.operazionecolomba.org

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies