Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    A Mousel non c'è libertà

    La cittadina di Mousel non ha pace ­ Salam si dice in arabo. Oggi, altre
    quattro morti, dopo i 17 di ieri, numerosi sono i feriti.
    16 aprile 2003 - Rosarita Catani

    da Shafa Badran
    (Amman)
    Giordania

    16.04.03 ­ MOUSEL ­ IRAQ ­

    Le televisioni internazionali riportano la notizia: “Gli americani
    affermano che dei ladri stavano rapinando una Banca, situata al centro
    della Piazza di Mousel. Vi è stato uno scontro a fuoco tra la polizia
    locale ed i ladri, ma, secondo i soldati americani, gli spari erano diretti
    a loro e quindi sono stati costretti ad aprire il fuoco sulla folla. “

    Questa versione, contrasta con le dichiarazioni della gente e quanto
    riportato dalla televisione araba Al Jazeera accusata di aver inventato le
    notizie.

    E’ alta la tensione nella città di Mousel. Le persone sono molto nervose ed
    irritate. Affermano che gli americani hanno fatto di Mousel un posto di guerra.

    Un poliziotto iracheno racconta: “Gli americani hanno paura. Sono come i
    conigli".

    Vi erano delle persone che volevano entrare in un Museo d’arte molto antico
    per far "man bassa" di tutto. Civili iracheni si sono opposti a questo. In
    questa città non ci sono armi. Le persone non hanno armi. I soldati
    americani, vedendo queste persone riunite, senza sapere nulla e senza
    capire quello che stava succedendo, hanno iniziato a sparare sulla folla. I
    soldati americani hanno paura che i civili iracheni possano buttare loro
    delle pietre”.

    Le popolazione di Mousal è di nuovo scesa in strada per manifestare contro
    l’accaduto. Un uomo intervistato dice: “I nostri bambini innocenti sono
    uccisi dagli americani in nome della libertà. Va Bene! L’America, poi, ci
    ha promesso la Libertà. Va Bene! Come mai non c’è libertà? La libertà viene
    solo attraverso il sangue dei neonati? Ieri, sono venuto qua perché non
    volevo l’uomo designato dagli americani come nostro Sindaco e la loro
    risposta è stata la raffica di mitra. Loro vogliono metterci un altro
    “Capo”. Loro hanno messo Saddam ed adesso vogliono metterci un altro
    “pupazzo” come lui.

    A Bagdad, anche ci sono state diverse manifestazioni. Le manifestazioni
    sono sempre spontanee. Il grido delle persone, della gente comune diventa
    sempre più forte.

    La libertà la vogliono, ma non quella americana.

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies