Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Nato, guerra al terrore degli USA e militarizzazione dell’Europa
    la presenza di aziende militari al vertice NATO

    Nato, guerra al terrore degli USA e militarizzazione dell’Europa

    il conflitto in Ukraina sta portando l’Europa in una direzione fortemente militarista e sta dimostrando la sua incapacità di guadagnarsi una indipendenza dagli Stati Uniti in ambito geostrategico e militare
    16 settembre 2014 - Rossana De Simone
  • Nuove guerre: la solitudine di Gaza e l’accerchiamento della Russia
    i morti civili sono considerati pedine di contese geopolitiche

    Nuove guerre: la solitudine di Gaza e l’accerchiamento della Russia

    gli israeliani che sulla collina sopra Sderot hanno brindato per la caduta delle bombe nel terreno di Gaza e poi minacciato di “distruggere la nostra macchina se dico una parola sbagliata”
    22 luglio 2014 - Rossana De Simone
  • Il presidente Obama fra crisi ucraina e capacità nucleare degli F-35

    Il presidente Obama fra crisi ucraina e capacità nucleare degli F-35

    ci sono tutte le possibilità che nel corso della vita degli F-35 gli stati del Medio Oriente e gli alleati della regione del Pacifico si confronteranno con minacce nucleari regionali
    10 giugno 2014 - Rossana De Simone
  • E se l’Ucraina avesse ancora le armi nucleari?
    Da un articolo su "Peace and Wealth Blog" del 25 marzo 2014.

    E se l’Ucraina avesse ancora le armi nucleari?

    Sui media nostrani se ne parla già poco. Ben venga allora questa riflessione di John Loretz, anche per risvegliare l'opinione pubblica sul rischio nucleare sempre incombente - e con la "deterrenza" vantata dagli Stati nucleari che in realtà diventa sempre meno efficace.
    John Loretz

25 vittime in Cecenia

I comandi russi, a nome del colonello Ilya Shabalkin, rivendicano la "neutralizzazione di una banda di terroristi"
27 marzo 2004 - Daniele Bertulu

sabato, 27 marzo 2004 01:14

25 vittime in due sole giornate: nonostante il presidente russo Vladimir
Putin abbia sostenuto ancora una volta l'esistenza di un "processo di
pacificazione irreversibile", in Cecenia la situazione sembra ritornare al
periodo più sanguinoso del conflitto tra esercito federale e ribelli
separatisti. Fonti del Cremlino annunciano che un camion è saltato in aria
su una mina in una strada poco lontana da una caserma nella città di Shali,
nelle montagne meridionali della provincia; il bilancio, secondo le maggiori
agenzie di stampa, sarebbe di 10 morti e 3 feriti, uno dei quali resta in
gravi condizioni.

A quanto sembra, il veicolo sarebbe uscito dalla base "senza permesso"
(funzionari dell'amministrazione locale asseriscono all'agenzia AP che i
militari al volante fossero ubriachi), ed avrebbe urtato l'ordigno nel
momento in cui altri soldati inseguivano il veicolo per tentare di
bloccarlo.
Intanto, come riportano fonti del governo filorusso di Grozny, gli attacchi
dei guerriglieri non si fermano, ed altri 11 tra militari e poliziotti
sarebbero stati uccisi in diverse zone della Cecenia; in particolare, un
altro camion è stato investito dall'esplosione di un ordigno ancora presso
Shali, e quattro federali avrebbero perso la vita; due agenti ceceni
sarebbero invece morti nel villaggio di Samashki, nel corso di uno scontro a
fuoco che avrebbe anche causato il ferimento di altri otto tra soldati e
poliziotti.
I comandi russi, a nome del colonello Ilya Shabalkin, rivendicano invece la
"neutralizzazione di una banda di terroristi" composta da un numero
imprecisato di persone, presso Alleroi (distretto di Nozhai-Yurt); secondo
l'agenzia russa RIA Novosti, i corpi di altri due presunti ribelli (uccisi
forse durante uno 'regolamento di conti' tra due fazioni) sarebbero stati
rinvenuti in un accampamento nella regione di Kurchaloi.
Inguscezia: elicottero spara sui civili
Un grave episodio si è verificato giovedì nella cittadina di
Ordzhonikidzevskaya, nella confinante repubblica dell'Inguscezia; secondo le
autorità locali, un elicottero da guerra russo avrebbe lanciato alcuni
missili nelle vicinanze di una scuola.
Almeno tre ragazzi, di età compresa tra 15 e 17 anni, sono rimasti colpiti
dalle schegge; uno di essi ha perso la vita, mentre gli altri due si trovano
in gravi condizioni. Non sono chiari i motivi del raid: l'esercito russo
dichiara che il reale obiettivo fosse "un'automobile in movimento", ma la
polizia ha smentito tali affermazioni.
Non è la prima volta che il conflitto sconfina in Inguscezia; lo scorso anno
una furiosa battaglia tra russi e indipendentisti ceceni (rifugiatisi nei
distretti di Sunzha e Nazran) aveva provocato oltre 100 morti; bombardamenti
e assalti dei guerriglieri, in ogni caso, sono piuttosto frequenti, e spesso
la popolazione civile è costretta a pagare le conseguenze peggiori.
Ancora in Cecenia, nei giorni precedenti, un uomo è stato assassinato nella
capitale Grozny, in un agguato compiuto da uomini armati e mascherati;
secondo i parenti della vittima, la responsabilità sarebbe da attribuire
"alle formazioni paramilitari" (OMON, Unità Speciali delle Forze di Polizia)
dipendenti dal figlio del presidente filorusso ceceno Akhmad Kadyrov.
A Urus-Martan, secondo l'agenzia per i diritti umani Memorial, un poliziotto
è stato sequestrato da individui non identificati.
Daniele Bertulu
(Ultimo aggiornamento sabato, 27 marzo 2004 10:36 )

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies