Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • La guerra uccide non solo d'estate
    Le parole di saluto di Salar Hussein mi arrivano dirette allo stomaco: “Pregate per noi”. Nella loro naturalità, dicono più di tanti discorsi.

    La guerra uccide non solo d'estate

    Il popolo curdo consapevole di avere vissuto una pace provvisoria. La minoranza yazida memore di innumerevoli persecuzioni nel passato. La storia sembra ripetersi ma questa volta il rischio di sconvolgimenti permanenti nei popoli della regione è tragicamente reale.
    15 agosto 2014 - Andrea Misuri
  • La III Guerra in Iraq, stavolta senza tamburi. Un motivo c'è

    La III Guerra in Iraq, stavolta senza tamburi. Un motivo c'è

    Ancora una guerra in Iraq! Ma questa volta niente allarmismi. Governo e stampa non cercano di venderci un intervento italiano, anzi, ne parlano appena appena. Come mai? Da una tavola rotonda ISPI dell'7 luglio a Roma (Centro Studi Americani) forse la risposta.
    12 luglio 2014 - Patrick Boylan
  • Troppa riservatezza nel processo Manning
    Richiesto il Premio Nobel per la Pace per Bradley Manning

    Troppa riservatezza nel processo Manning

    Julian Assange e una coalizione di giornalisti statunitensi hanno citato in giudizio l’esercito riguardo la trasparenza nel caso Manning.
    6 giugno 2013 - Bradley Manning Support Network
  • Anche noi stiamo dalla parte di Bradley!
    Mobilitazione internazionale di sostegno a Bradley Manning

    Anche noi stiamo dalla parte di Bradley!

    Firma anche tu la petizione promossa dal "Bradley Manning Support Network" e unisciti ai firmatari della lettera all'ambasciatore statunitense Thorne promossa da PeaceLink.
    31 maggio 2013 - Associazione PeaceLink

Iraq, agli Usa saltano i nervi

Denuncia delle Ong presenti: "cecchini americani sui tetti delle case"
22 aprile 2004
Fonte: Rai.it

Avrebbero messo da parte le tattiche imparate nei corsi di
addestramento. Alcune notizie che trapelano dalle organizzazioni non
governative operanti in Iraq parlano di utilizzo di armi e azioni 'non
convenzionali' da parte dell'esercito Usa, piegato dalla guerriglia
urbana che quotidianamente mette in ginocchio con continue perdite la
'macchina da guerra' di Washington caduta nel 'pantano polveroso' di un
Paese che non e' piu' in grado di gestire.

Il coordinamento per l'emergenza dell'Ncci, organismo che coordina 90
organizzazioni non governative di tutto il mondo operanti in Iraq (tra
cui le italiane Un Ponte per.., Ics, Intersos e Terre des Hommes),
denuncia "la violazione delle convenzioni internazionali che regolano i
conflitti armati, in particolare i tentativi di ostacolare la protezione
e il soccorso dei feriti".

Fa rabbrividire l'elenco delle violazioni: "operazioni militari a danno
dei civili iracheni, occupazione da parte delle forze della coalizione
del principale ospedale universitario di Najaf e dell'ospedale generale
di Falluja (sono stati sfollati i pazienti e l'ospedale è stato
chiuso)", oltre agli "attacchi alle ambulanze, l'utilizzo dei centri
sanitari per operazioni militari, il mancato rispetto dei luoghi religiosi".

Nella stessa nota, l'Ncci denuncia "l'arresto dei pazienti all'interno
degli ospedali, l'impedimento dell'accesso dei feriti nelle strutture
sanitarie, l'utilizzo dei cecchini per colpire i feriti che entrano
nelle strutture sanitarie, il divieto di evacuare da Fallujah per gli
uomini tra i 18 e i 40 anni, l'utilizzo di armi bandite dale convenzioni
internazionali".

Il numero di morti e feriti è in "costante aumento", sottolineano le
Ong, mentre la popolazione civile è stata "costretta" ad abbandonare i
luoghi degli scontri. "Mancano cibo, acqua potabile e medicine.
Persistono seri ostacoli nella distribuzione dei generi di prima
necessità e d'emergenza".

Il braccio di ferro con la resistenza fa segnare il passo e monta il
nervosismo da quando numerosi stranieri sono rapiti dalle milizie
integraliste a segnare la conferma di un'incapacita' delle truppe della
Alleanza di avre il pieno controllo del territorio.

Note:

http://www.rai.it/accessibile/news/articolonews/0,9217,76044,00.html

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies