Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • La guerra uccide non solo d'estate
    Le parole di saluto di Salar Hussein mi arrivano dirette allo stomaco: “Pregate per noi”. Nella loro naturalità, dicono più di tanti discorsi.

    La guerra uccide non solo d'estate

    Il popolo curdo consapevole di avere vissuto una pace provvisoria. La minoranza yazida memore di innumerevoli persecuzioni nel passato. La storia sembra ripetersi ma questa volta il rischio di sconvolgimenti permanenti nei popoli della regione è tragicamente reale.
    15 agosto 2014 - Andrea Misuri
  • La III Guerra in Iraq, stavolta senza tamburi. Un motivo c'è

    La III Guerra in Iraq, stavolta senza tamburi. Un motivo c'è

    Ancora una guerra in Iraq! Ma questa volta niente allarmismi. Governo e stampa non cercano di venderci un intervento italiano, anzi, ne parlano appena appena. Come mai? Da una tavola rotonda ISPI dell'7 luglio a Roma (Centro Studi Americani) forse la risposta.
    12 luglio 2014 - Patrick Boylan
  • Troppa riservatezza nel processo Manning
    Richiesto il Premio Nobel per la Pace per Bradley Manning

    Troppa riservatezza nel processo Manning

    Julian Assange e una coalizione di giornalisti statunitensi hanno citato in giudizio l’esercito riguardo la trasparenza nel caso Manning.
    6 giugno 2013 - Bradley Manning Support Network
  • Anche noi stiamo dalla parte di Bradley!
    Mobilitazione internazionale di sostegno a Bradley Manning

    Anche noi stiamo dalla parte di Bradley!

    Firma anche tu la petizione promossa dal "Bradley Manning Support Network" e unisciti ai firmatari della lettera all'ambasciatore statunitense Thorne promossa da PeaceLink.
    31 maggio 2013 - Associazione PeaceLink

La morte di un gran numero di mercenari non e' stata registrata

Almeno 80 mercenari stranieri - che fungono da guardie di sicurezza reclutate
dagli Stati Uniti, dall'Europa e dal Sudafrica e che lavorano per numerose
compagnie Americane - sono stati uccisi in Iraq negli ultimi otto giorni.
26 aprile 2004 - Robert Fisk e Patrick Cockburn - trad. Melektro
Fonte: The Star. NZ

Il Tenente-Generale Mark Kimmitt ha ammesso lo scorso Martedì che "circa 70"
truppe sia Americane che Occidentali sono state uccise durante l'insurrezione
Irachena cominciata il primo di Aprile, ma allo stesso tempo non ha fatto
alcuna menzione dei mercenari, paventando apparentemente che il numero totale
dei morti Occidentali possa avere ripercussioni politiche molto serie.

Non ha pure fornito alcuna cifra riguardante i morti Iracheni, che, in tutto il
paese possono essere stati tanti quanto 900.

Almeno 18.000 mercenari, molti di questi incaricati di proteggere le truppe e il
personale degli Stati, vengono ritenuti ora essere in Iraq, e alcuni di loro
guadagnano fino a 1.000 dollari (circa 300 R6) al giorno. Ma le loro aziende
raramente riconoscono le perdite riguardanti questa forza a meno che - come nel
caso dei quattro Americani assassinati e mutilati a Fallujah tre settimane fa -
le loro morti non siano già di pubblico dominio.

La presenza di un numero tanto ampio di mercenari, divulgato per la prima volta
due settimane fa dal 'The Independent', era fermamente ritenuta motivo di
ulteriori incidenti.

Ma anche se molti degli uomini di sicurezza Occidentali, così pesantemente
armati, stanno lavorando per il Dipartimento della Difesa Statunitense - e la
maggior parte di loro sono ex soldati delle forze speciali - il loro
contingente non è elencato come personale militare in servizio. Le loro perdite
possono quindi essere nascoste dalla vista pubblica.

Le autorità degli Stati Uniti in Iraq sono tuttavia consapevoli che la scorsa
settimana un maggior numero di mercenari Occidentali ha perso la vita dei
soldati di occupazione durante questi ultimi 14 giorni.

La coalizione ha cercato di dipendere dai lavoratori stranieri a contratto per
ridurre il numero di soldati che vengono abitualmente usati come guidatori,
guardie e in altri lavori normalmente espletati da soldati non in uniforme.

I lavoratori stranieri a contratto sono spesso ex soldati altamente pagati che
sono muniti di armi automatiche, e che portano gli Iracheni a guardare tutti i
lavoratori come a possibili mercenari o spie.

Note:

http://www.informationclearinghouse.info/article6031.htm

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies