Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Le armi e la difesa del colosso africano
    Nigeria

    Le armi e la difesa del colosso africano

    28 aprile 2011 - Vincenzo Gallo
  • Responsabilità (Sociale) di ENI
    Eni e la mancata cessazione (a tutt'oggi) della dannosa tecnica di gas flaring

    Responsabilità (Sociale) di ENI

    ENI ha ricevuto il Premio per la Responsabilità Sociale d'Azienda dalla FPA, negli stessi giorni in cui un servizio di Report metteva in evidenza incongruenze e anomalie nell'operato della compagnia nella regione del Delta del Niger
    4 luglio 2009 - Ivan Flammia
  • Riesplode la violenza tra comunita' religiose in Nigeria

    Jos teatro di scontri di religiosi

    Come avvenne nel 2001, Jos e' ancora una volta al centro di violenze tra le opposte fazioni cristiane e musulmane, mentre i partiti politici lottano per spartirsi le rendite el petrolio
    2 dicembre 2008 - Matteo Figus
  • Respinta la richiesta di annullamento delle elezioni presidenziali

    Yar’Adua confermato presidente dal tribunale

    Atiku Abubakar e Muhammadu Buhariu vedono respinta la richiesta di annullamento delle presidenziali, ma annunciano ricorso alla Corte Suprema.
    28 febbraio 2008 - Matteo Figus

Nigeria: Plateau, sale il numero di morti

le milizie cristiane Tarok sono accusate di aver massacrato almeno 300 persone, e sale la tensione nella zona
6 maggio 2004 - Matteo Fagotto
Fonte: War news

E' drammaticamente salito il bilancio dei morti dell'ultimo scontro tra le milizie cristiane Tarok e la popolazione musulmana Fulani, avvenuto la scorsa domenica nella città di Yelwa, nello stato del Plateau. Secondo fonti locali citate dalla Reuters, i morti sarebbero circa 300, anche se le autorità di polizia stanno incontrando molte difficoltà nell'accertare il numero esatto delle vittime.

Intanto, per pacificare la zona il governatore dello stato del Plateau ha deciso di dispiegare 600 poliziotti in città. Per evitare nuovi episodi di violenza le forze di polizia hanno ricevuto l'ordine di sparare a vista contro i miliziani o qualsiasi persona che provi a turbare l'ordine pubblico, mentre è stato imposto un coprifuoco notturno dalle 20.00 alle 6.00.

Dopo il massacro, il sentimento prevalente presso i Fulani è la rabbia: verso gli assalitori, contro i quali potrebbe presto essere organizzata una rappresaglia che continuerebbe il circolo vizioso di attacchi e contrattacchi tra le due comunità che dura ormai da 3 anni; e contro la polizia, colpevole di non aver protetto i civili dall'assalto dei miliziani. Sembra che la zona fosse stata abbandonata dalle forze di polizia pochi giorni prima dell'attacco, nonostante le proteste della popolazione.

Intanto, si registrano nuovi scontri tra Fulani e Tarok, questa volta nello stato di Jigawa. Secondo una radio locale un attacco, questa volta condotto dai Fulani contro alcuni fattori locali, avrebbe portato ad uno scontro a fuoco in cui avrebbero perso la vita quattro agricoltori e due assalitori.

Dal 1999, anno dell'ascesa al potere del presidente Olusegun Obasanjo, sono 11.000 le vittime di violenze a sfondo etnico e religioso in Nigeria. Solo nello stato del Plateau, negli ultimi tre mesi si sono registrate più di 400 vittime, a cui vanno ad aggiungersi quelle di domenica scorsa.

Note:

http://www.warnews.it/index.php/content/view/742/29/

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies