Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • La guerra uccide non solo d'estate
    Le parole di saluto di Salar Hussein mi arrivano dirette allo stomaco: “Pregate per noi”. Nella loro naturalità, dicono più di tanti discorsi.

    La guerra uccide non solo d'estate

    Il popolo curdo consapevole di avere vissuto una pace provvisoria. La minoranza yazida memore di innumerevoli persecuzioni nel passato. La storia sembra ripetersi ma questa volta il rischio di sconvolgimenti permanenti nei popoli della regione è tragicamente reale.
    15 agosto 2014 - Andrea Misuri
  • La III Guerra in Iraq, stavolta senza tamburi. Un motivo c'è

    La III Guerra in Iraq, stavolta senza tamburi. Un motivo c'è

    Ancora una guerra in Iraq! Ma questa volta niente allarmismi. Governo e stampa non cercano di venderci un intervento italiano, anzi, ne parlano appena appena. Come mai? Da una tavola rotonda ISPI dell'7 luglio a Roma (Centro Studi Americani) forse la risposta.
    12 luglio 2014 - Patrick Boylan
  • Troppa riservatezza nel processo Manning
    Richiesto il Premio Nobel per la Pace per Bradley Manning

    Troppa riservatezza nel processo Manning

    Julian Assange e una coalizione di giornalisti statunitensi hanno citato in giudizio l’esercito riguardo la trasparenza nel caso Manning.
    6 giugno 2013 - Bradley Manning Support Network
  • Anche noi stiamo dalla parte di Bradley!
    Mobilitazione internazionale di sostegno a Bradley Manning

    Anche noi stiamo dalla parte di Bradley!

    Firma anche tu la petizione promossa dal "Bradley Manning Support Network" e unisciti ai firmatari della lettera all'ambasciatore statunitense Thorne promossa da PeaceLink.
    31 maggio 2013 - Associazione PeaceLink

Il Regno Unito, gli Stati Uniti e Israele: i Re di dolori

16 maggio 2004 - John Stanton - trad. P. Messinese

Un articolo di Ali Abunimah, poco pubblicizzato, apparso sul quotidiano libanese Daily Star e che aveva per titolo: "Un possibile collegamento di Israele con le tecniche di tortura USA: Washington ha scambiato l'addestramento alla tortura con dei contratti per la sicurezza?", si meritava decisamente un po' più di attenzione.
Se da un parte sembra poco probabile che il Pentagono ed i suoi contraenti, fornitori della Difesa, abbiano bisogno di fare dei baratti con Israele per importare le loro tecniche di interrogatorio (loro le usano già da decenni), l'articolo di Abunimah ci fornisce una tale abbondanza di spunti e di informazioni che ci chiariscono, una volta in più, l'inseparabile e, spesso, pericoloso legame tra gli interessi degli USA e quelli di Israele, in Medio Oriente e nell'Asia centrale. Leggendo alcune delle fonti citate da Abunimah è difficile riuscire a capire dove finisce la politica estera USA e dove comincia quella di Israele. Ma di questo ne parleremo dopo.

La storia ci dice che la Gran Bretagna ha combinato un bel disastro in Medio Oriente: ha frammentato terre appartenenti alle varie tribù, ha stabilito arbitrariamente nuovi confini, ad un certo punto ha perfino minacciato di sterminare gli iracheni con il gas, durante l'oocupazione del loro paese, poi fallita, nei primi del '900. E' stata la Gran Bretagna, non Israele o gli USA, a "pionierizzare" le tattiche di tortura così diffuse nelle pratiche militari oggi, nel 2004.

CINQUE TECNICHE

Per oltre 30 anni Israele e gli USA hanno usato le tecniche di tortura progettate e
sperimentate dagli inglesi. L'esercito britannico ha usato per la prima volta questi
metodi nel 1971, mettendoli in atto nei confronti dell'IRA e degli irlandesi.
Secondo una delle associazioni per i diritti umani più rispettate (e sottovalutate) al
mondo, B'Tselem, nel 1971 i servizi di sicurezza inglesi hanno usato, nell'Irlanda del nord, metodi coercitivi di interrogatorio su almeno 14 persone sospettate di appartenere all'IRA. Questi metodi erano conosciuti come "le cinque tecniche" e sono venute alla luce durante un procedimento legale chiamato "l'Irlanda contro il Regno Unito". Questi i cinque pilastri della tortura:

1) posizione eretta contro il muro:

si obbligano i detenuti a rimanere per ore in una posizione estenuante, descritta da
quelli che l'hanno sperimentata in prima persona, come lo "stare con la schiena
appoggiata alla parete, a braccia spalancate e con le mani al muro, sopra la testa, le gambe divaricate con la pianta dei piedi contro il muro, obbligati quindi a stare sulle punte, appoggiando tutto il peso del corpo principalmente sulle dita dei piedi".

2) incappucciamento: si infila un sacco nero o blu scuro sulla testa dei detenuti e, almeno inizialmente, si toglie solo per gli interrogatori.

3) assoggettamento-esposizione al rumore: prima dell'interrogatorio, i detenuti vengono confinati in una stanza dove c'è un rumore acuto, assordante e continuo.

4) Privazione del sonno: Prima dell'interrogatorio si impedisce ai detenuti di dormire.

5) Privazione di cibo e acqua: I detenuti sono soggetti ad una dieta molto ridotta durante la permanenza al centro e prima dell'interrogatorio.

Gli Stati Uniti e Israele hanno brutalmente raffinato le pratiche inglesi, aggiungendovi la tortura "culturale". Questo significa per molti prigionieri in Iraq, in Afghanistan, a Guantanamo e in molti centri di detenzione israeliani che ospitano prigionieri palestinesi, l'aggressione all'integrità della loro cultura e della loro religione, mentre vengono ridotti fisicamente in fin di vita.
Le modifiche apportate da Israele e chiaramente adottate dagli USA con i detenuti arabi, includono i continui riferimenti al sesso etero e non-etero, l'obbligarli alla nudità e costringerli a far finta di essere cani per simulare sesso etero e non-etero tra di loro. Una pratica divenuta abitudinaria è quella di fotografare il prigioniero in situazioni umilianti, in modo che in ogni interrogatorio il prigioniero/a, ormai ridotto a pezzi, o i suoi compagni, la sua famiglia, possano vedere fino a che punto sia stato/a abbrutito/a.

VISTO E SENTITO

In un reportage del marzo 1991 dal titolo "Gli interrogatori di Palestinesi durante
l'Intifada: maltrattamenti, 'moderata pressione fisica' o tortura?"
B'tselem denunciava un metodo di tortura chiamato "Shabah", che adesso sembra essere il metodo preferito dall'esercito USA e dai servizi segreti. "Shabah consiste nel legare le mani del detenuto davanti o dietro il corpo, con manette di plastica o di metallo. Viene bendato o incappucciato con una sola fessura per respirare e deve stare in piedi, all'aperto, con a volte le mani legate ad un palo, per diversi giorni, durante i quali viene interrogato per molte ore di seguito. Al detenuto non viene fornita un'adeguata quantità di cibo, non gli viene permesso di dormire (a volte anche per una settimana di seguito) e vengono ridotte al minimo anche le possibilità per l'espletamento delle funzioni corporali; viene picchiato (con mazze, pugni, stivali, a volte sui genitali o sulla testa, qualche volta gli sbattono la testa contro il muro). Poi, l' "armadio": il prigioniero viene costretto dentro un piccolo spazio buio e angusto, un metro per un metro, per ore o anche giorni; il soffocamento parziale (per mezzo di pressione sulla trachea o di un sacchetto infilato in testa e premuto sul naso e sulla bocca); la Falaga ( le piante dei piedi vengono colpite con un bastone o con un tubo di gomma, di solito mentre il detenuto è ammanettato e incappucciato)".

Cosa si prova a subire la Shabah? Secondo un'intervista di B'tselem ad un prigioniero."Mi hanno fatto sedere su una sedia alta solo 25 cm, incatenata al pavimento. Una gamba della sedia era più corta dell'altra, per renderla instabile. Mi hanno ammanettato i polsi e le caviglie dietro lo schienale e mi hanno infilato un sacchetto in testa. Le manette erano di metallo. Questo me lo hanno fatto il primo giorno. Io sentivo qualcosa gocciolarmi addosso ed il giorno dopo ho visto che era il vomito di un altro detenuto. C'era della musica, così forte che non riuscivo neanche a capire di cosa si trattasse. A volte era tranquillo e allora mi addormentavo, piegato all'indietro perchè, comunque, come ho già detto, la sedia non era dritta. Mi hanno tenuto in "shabah" per 48 ore.."

Nel frattempo, a casa, nella patria della democrazia e della tortura, le prigioni della
Gran Bretagna sono state teatro di pratiche brutali nei confronti dei detenuti dell'IRA, nonostante siano riusciti a far passare inosservate la maggior parte delle loro atrocità.
Nel 1997, Amnesty International ha denunciato le condizioni penose dei detenuti irlandesi nelle prigioni britanniche. "I prigionieri di serie A (prigionieri considerati ad alto livello di rischio sicurezza) erano tenuti in condizioni tali da provocare un serio
deterioramento della loro salute fisica e mentale. Roisin McAliskey, era incinta di
quattro mesi e fu temporaneamente chiusa in una cella lurida nell'unità dei sorvegliati speciali di un carcere maschile. Lei ed altri prigionieri, compreso Patrick Kelly, che era ammalato di cancro, hanno ricevuto un trattamento sanitario inadeguato." In un altro caso nel carcere di Brixton, verso la fine degli anni '90, sei irlandesi si sono impiccati in circostanze sospette. Alcune delle guardie responsabili della loro sorveglianza avevano fatto parte dell'esercito inglese.

La pace è il nostro mestiere

Come ha scritto Abunimah nel suo articolo, la Fondazione di Gerusalemme di Aish AhTorah (The Jerusalem Fund of Aish AhTorah) all'inizio di quest'anno ha sponsorizzato la prima Missione Annuale di Pace dei dirigenti della Difesa Aerospaziale in Israele e Giordania.
Membri del congresso USA come il senatore Evan Bayh, vincitore del premio Amici di Sion, giocano un ruolo determinante nell'assicurarsi che le linee di comunicazione giudaico-cristiane rimangano aperte alla negoziazione di contratti sostanziosi , perchè gli USA possano rimanere in Iraq e sostenere qualsiasi tipo di politica, per quanto pazza, voglia portare avanti il governo di Sharon. Un altro vincitore del premio Amici di Sion è Robert Liscouski, un vice segretario del "Centro Americano di Sicurezza per la Protezione delle Infrastrutture". Tra i membri onorari della Fondazione di Gerusalemme c'è anche un ex capo del Mossad e Ministro degli Interni israeliano. In questo caso, l'apparenza non inganna.

Il presidente della Missione di Pace organizzata dalla Fondazione di Gerusalemme non è israeliano. Si tratta di Joe Reeder, un ex sottosegretario dell'esercito USA e adesso lobbista multinazionale della Greenberg Traurig. Albert Einstein rimarrebbe sorpreso nel sapere che il proprio nome viene usato dalla Fondazione per definire quattro categorie (del Premio Albert Einstein, appunto)
che, per pura coincidenza, vanno a finire nelle mani di rappresentanti della difesa e
della sicurezza, non a gruppi come B'tselem. Come questa iniziativa possa essere tradotta in una "Missione di Pace", è qualcosa che solo George Orwell potrebbe essere in grado di capire.

Dato che siamo parlando sul filo dell'ironia, di cose alquanto bizzarre, vale la pena
menzionare il fatto che Reeder è a capo, negli USA, di un gruppo di studio sull'etica dell'industria al servizio della Difesa, il cui scopo dichiarato è quello di migliorare
la messa in pratica di principi etici nell'industria. In realtà, il tentativo di Reeder
va più nella direzione di difendere l'immagine dei fornitori della Difesa, di farli
apparire come patrioti con buoni principi etici, nonostante la loro cattiva
amministrazione dei contratti per la ricostruzione in Iraq, nonostante abbiano fatto
pagare al governo prezzi eccessivi e nonostante il fatto, tragico, che un ex ufficiale
del Pentagono ed impiegato della Boeing, Darlene Druyun, sia adesso in carcere, come un qualsiasi criminale. Alla faccia dell'etica.

Anche se l'incontro in Israele del Gennaio 2004 era dichiaratamente un'iniziativa che riguardava i Dirigenti della Difesa Aerospaziale, Robert Roth della Viacom e Mark Kamlet dell'Università Carnegie Mellon, sono intervenuti per parlare di network, di telecomunicazioni e di problemi di sicurezza informatica. Erano presenti anche numerose società di investimento. La celebrità presente all'avvenimento era Jack London, Direttore Generale del CACI e reduce dalla fama conquistata ad Abu Grahib, che ha diretto un seminario intitolato "Come lavorare col Dipartimento della Difesa: una prospettiva primaria di consolidamento" L'intervento di Reeder, scrive Abunimah, si può tradurre in:
suggerimenti su come riuscire a vendere una qualsiasi cosa al Pentagono. E questa era una Missione di Pace?

UNA RAGNATELA SOTTILE

Ma questo, cosa ha a che fare con la tortura? "La visita della delegazione USA, compreso il direttore generale del CACI, aveva messo in luce una sottile ragnatela di influenze e condizionamenti reciproci che unisce funzionari del governo USA, fornitori e lobbisti della Difesa che si spartiscono sostanziosissimi contratti e ne fanno defluire notevoli porzioni in Israele", ha scritto Abunimah. Quella "sottile ragnatela" include la Gran Bretagna che vìola le sanzioni da essa stessa stabilite nei confronti di Israele edadotta lo stesso atteggiamento, tipico degli USA con quel paese, da esportatore di armi. Commentando le modifiche apportate dagli inglesi alle procedure per il commercio di armi, Oxfoam ha dichiarato che "piuttosto che prendere le decisioni sull' esportazione di componenti di armi in base a considerazioni relative ai diritti umani, ai conflitti e alla povertà, sono stati introdotti dei nuovi criteri per verificare il potenziale degli affari e quanta importanza potrebbero avere per l'industria bellica."

Ed è qui che sta il problema. I principi liberatori dei diritti umani, che l'umanità ha
impiegato secoli ad assimilare sono, ancora una volta, umiliati e minimizzati dall'avidità, dal fanatismo e dalla paura.

Ed ecco che si ritorna alle cinque tecniche inglesi. Stiamo tutti sprofondando nella violenza. Il prossimo passo sarà la crocifissione dei nemici?
La mentalità semplicistica dei leaders inglesi, americani e israeliani ci ha
trasportato in un mondo dove la televisione, la Rete, la radio, i giornali, le riviste, le
conversazioni ed i sogni sono focalizzati sulla guerra, sulla morte e sulla distruzione.
Bin Laden sta vincendo, da tempo, e ci sta trascinando giù, con lui.

Nessuno si rialza e cerca di risalire alla superficie e nessuno può dire quanto
profondamente tutto questo inciderà sui nostri figli ed altri figli a venire. E tutto ha
inizio quando i leaders diventano inaffidabili ed i loro metodi indiscussi.
Come possono tre società illuminate come il Regno Unito, gli USA e Israele comportarsi così stupidamente quando messe al confronto con il mondo arabo e dell'Asia centrale? Come siamo arrivati a questo punto? Nessuno ha pagato le conseguenze per la negligenza politica e militare dimostrata riguardo i fatti dell'11 settembre. Non ci sono state conseguenze per le bugie che hanno portato alla guerra in Iraq e all'occupazione che ha invece portato al massacro di iracheni ed americani a Falluja, alle torture di Abu Grahib ed alla decapitazione dell'americano Nick Berg. Mentre un numero crescente di americani vede gli arabi come "animali" vale la pena chiedersi " Una bomba di precisione telecomandata, da 500 libbre, sganciata da un aereo USA, che incenerisce una famiglia
irachena, rende forse gli USA meno pazzi di quel gruppo che ha decapitato un cittadino americano? I 2500 civili americani uccisi l'11 settembre valgono i 20.000 civili afgani e iracheni uccisi? E' eticamente giusto che Israele usi equipaggiamento ed armi dell'esercito inglese ed americano per missioni omicide o per uccidere le Rachel Corrie nel mondo?

Quanto dovranno pagare ancora, quanta tortura dovranno subire, quanti cervelli
spiaccicati dovremo vedere, quanto a lungo il mondo potrà ancora sopportare quella "sottile ragnatela di influenze"?

Quando una missione di pace sarà veramente una missione di pace?

Note:

Traduzione di Patrizia Messinese a cura diPeacelink

Articolo originale: http://www.dissidentvoice.org/May2004/Stanton0513.htm

John Stanton risiede in Virginia ed è uno scrittore specializzato in questioni di
sicurezza politica e nazionale. Prossimamente uscirà un suo libro "A power, bu not super" (Una potenza non super). Insieme a Wayne Madsen ha scritto anche "America's nightmare: the presidency of George Bush II" (L'incubo americano: la presidenza di George Bush II).
Contattatelo a cioran123@yahoo.com

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies