Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Le armi e la difesa del colosso africano
    Nigeria

    Le armi e la difesa del colosso africano

    28 aprile 2011 - Vincenzo Gallo
  • Responsabilità (Sociale) di ENI
    Eni e la mancata cessazione (a tutt'oggi) della dannosa tecnica di gas flaring

    Responsabilità (Sociale) di ENI

    ENI ha ricevuto il Premio per la Responsabilità Sociale d'Azienda dalla FPA, negli stessi giorni in cui un servizio di Report metteva in evidenza incongruenze e anomalie nell'operato della compagnia nella regione del Delta del Niger
    4 luglio 2009 - Ivan Flammia
  • Riesplode la violenza tra comunita' religiose in Nigeria

    Jos teatro di scontri di religiosi

    Come avvenne nel 2001, Jos e' ancora una volta al centro di violenze tra le opposte fazioni cristiane e musulmane, mentre i partiti politici lottano per spartirsi le rendite el petrolio
    2 dicembre 2008 - Matteo Figus
  • Respinta la richiesta di annullamento delle elezioni presidenziali

    Yar’Adua confermato presidente dal tribunale

    Atiku Abubakar e Muhammadu Buhariu vedono respinta la richiesta di annullamento delle presidenziali, ma annunciano ricorso alla Corte Suprema.
    28 febbraio 2008 - Matteo Figus

630 morti in un massacro causato da milizie cristiane in Nigeria

Il governo nigeriano è corresponsabile delle esplosioni di violenza

16 maggio 2004 - Associazione per i popoli minacciati

L'Associazione per i popoli minacciati (APM) ha accusato il Governo
nigeriano di essere corresponsabile del massacro di milizie cristiane nei
confronti di 630 civili musulmani, uccisi negli scontri iniziati domenica 2
maggio nella città di Yelwa nella Nigeria centrale. Centinaia di vite umane
si sarebbero potute salvare se solo le autorità avessero rinforzato per
tempo la protezione nei confronti della popolazione musulmana della città e
si fossero frapposte tra Cristiani e Musulmani. Nei tre mesi precedenti a
questo massacro almeno 400 persone sono già state uccise in scontri nei
dintorni di Yelwa. Il Governo continua però a rimanere inattivo, nonostante
sia chiaro che dovrebbe intervenire per garantire pace e sicurezza per la
popolazione. Probabilmente il numero dei morti continuerà ad aumentare visto
che tra i 1500 feriti ci sono almeno 600 feriti gravi e molte persone
risultano scomparse.

In questo caso il terribile massacro non sarebbe genocidio, ma l'espressione
delle enormi tensioni economiche, sociali, etniche e religiose nell'area
della Nigeria centrale. In ogni caso rappresentanti islamici di Yelwa hanno
dichiarato ieri di essere vittime di un genocidio.

Fino ad oggi in questa regione abitata da una maggioranza cristiana,
agricoltori stanziali cristiani e popolazioni nomadi islamiche hanno vissuto
insieme in maniera relativamente pacifica. A partire dal 2000 i rapporti tra
i due gruppi sono diventati sempre più tesi a causa della scarsità di
territorio e relativi problemi economici. Nel settembre 2001 a causa di
pesanti scontri tra Cristiani e Musulmani nella città di Jos, sempre nella
Nigeria centrale, sono state uccise 1.000 persone. Da allora si verificano
ormai settimanalmente attacchi a villaggi in tutta la zona della Nigeria
centrale, in cui vengono uccise persone con machete e armi da fuoco, chiese
e moschee vengono incendiate, le case vengono distrutte.

Note:

Vedi anche:
* www.gfbv.it: www.gfbv.it/2c-stampa/03-2/031121it.html |
www.gfbv.it/2c-stampa/03-2/030925ait.html |
www.gfbv.it/3dossier/africa/nigeria-it.html

* www: www.amnistiapornigeria.org

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies