Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Liberate Francesco
    Dal 14 agosto è stato rapito

    Liberate Francesco

    Mobilitiamo l'opinione pubblica per la liberazione di Francesco Azzarà, l'operatore umanitario di Emergency rapito in Sudan. Ci sono persone che decidono di dedicarsi al prossimo in maniera totale. Francesco è uno di questi
    22 ottobre 2011 - Associazione PeaceLink
  • Domani torno a casa. Grazie ad Emergency
    Un film diretto da Fabrizio Lazzaretti e Paolo Santolini

    Domani torno a casa. Grazie ad Emergency

    Murtaza (un bambino afghano) e Yagoub (un ragazzo del Sudan) sono i due protagonisti del documentario
    21 aprile 2010 - Lidia Giannotti
  • Newsletter n° 40 15 settembre 2009

    «Un trattato non basta: non dobbiamo mai dare per scontato che gli impegni presi sulla parola e quelli firmati su un pezzo di carta siano veramente mantenuti. Costruire la pace in Sudan è un'operazione a lungo termine». Marina Peter in Scommessa Sudan, 2006
  • Newsletter n° 38 1 agosto 2009

    «Un trattato non basta: non dobbiamo mai dare per scontato che gli impegni presi sulla parola e quelli firmati su un pezzo di carta siano veramente mantenuti. Costruire la pace in Sudan è un'operazione a lungo termine». Marina Peter in Scommessa Sudan, 2006
    7 dicembre 2009

Catastrofe umanitaria in Darfur

appello dell'APM sulla situazione in Sudan occidentale: gli aiuti internazionali non devono favorire la pulizia etnica!
25 maggio 2004 - Associazione per i Popoli Minacciati

Bolzano, Göttingen, 25 maggio 2004

L'Associazione per i Popoli Minacciati (APM) ha messo in guardia dal
coinvolgimento di organizzazioni umanitarie internazionali nei crimini
commessi nel Sudan Occidentale. L'APM saluta gli sforzi ed il lavoro
compiuti dalle organizzazioni umanitarie nella regione, ma chiede anche che
le organizzazioni e la Comunità Internazionale insistano su un rapido
ritorno a casa degli almeno 830.000 profughi. Gli aiuti umanitari non devono
favorire la pulizia etnica ed il genocidio, e quindi la Comunità
Internazionale deve impegnarsi per scongiurare la definitiva messa in fuga
della popolazione dalle regioni rurali del Darfur.

Se i profughi non possono tornare nei propri villaggi prima dell'inizio
della stagione delle piogge per lavorare i campi la carestia e la catastrofe
umanitaria saranno garantite. Se le milizie e l'esercito sudanese
continueranno a impedire il ritorno nei villaggi ai contadini e a non
garantire la loro sicurezza, la popolazione della regione dipenderà dagli
aiuti umanitari internazionali per almeno altri 14 mesi. Già così la miseria
dei contadini del Darfur è in costante aumento poiché essi non possono più
vivere del commercio e dei lavori stagionali, attività distrutte dalla
guerra.

Note:

www.gfbv.it/2c-stampa/04-1/040525it.html

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies