Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • La guerra uccide non solo d'estate
    Le parole di saluto di Salar Hussein mi arrivano dirette allo stomaco: “Pregate per noi”. Nella loro naturalità, dicono più di tanti discorsi.

    La guerra uccide non solo d'estate

    Il popolo curdo consapevole di avere vissuto una pace provvisoria. La minoranza yazida memore di innumerevoli persecuzioni nel passato. La storia sembra ripetersi ma questa volta il rischio di sconvolgimenti permanenti nei popoli della regione è tragicamente reale.
    15 agosto 2014 - Andrea Misuri
  • Dino Frisullo, la militanza più appassionata e innamorata di giustizia, di libertà, di …umanità

    Dino Frisullo, la militanza più appassionata e innamorata di giustizia, di libertà, di …umanità

    "Ha percorso strade difficili, molto spesso lasciato solo, forse perché chiedeva troppo a sé e agli altri. Forse perché il suo amore per la giustizia era assoluto, impaziente dei tempi, impaziente e indignato."(i suoi amici)
    Io non credo nei confini, nelle barriere, nelle bandiere. Credo che apparteniamo tutti, indipendentemente dalle latitudini e dalle longitudini, alla stessa famiglia, che è la famiglia umana.(Vittorio Vik Utopia Arrigoni)
    5 giugno 2014 - Alessio Di Florio
  • Dino Frisullo. 10 anni dopo lotta ancora insieme a noi

    Dino Frisullo. 10 anni dopo lotta ancora insieme a noi

    "D'ora in avanti in ogni sguardo sperduto e impaurito di immigrati o profughi che incontrero' so che vedrò Dino, il mio sorriso a loro sarà anche per lui."(Luisa Morgantini)
    "Ha percorso strade difficili, molto spesso lasciato solo, forse perché chiedeva troppo a sé e agli altri. Forse perché il suo amore per la giustizia era assoluto, impaziente dei tempi, impaziente e indignato."(i suoi amici)
    5 giugno 2013 - Alessio Di Florio
  • Jalal Talabani, un uomo d’azione e di pace
    Il presidente iracheno dal 17 dicembre scorso è ricoverato in gravi condizioni all'ospedale di Baghdad. Era stato operato al cuore negli Usa nel 2008 e il 17 settembre era rientrato in Iraq dopo essere stato tre mesi in cura in Germania.

    Jalal Talabani, un uomo d’azione e di pace

    In occasione delle ultime elezioni politiche, nella primavera di due anni fa, alle prime ombre della sera Sulaimaniya si trasformava. Nel frastuono dei clacson e delle musiche a tutto volume delle auto, migliaia di giovani si riversavano nel centro cittadino. Una scenografia accattivante, che faceva quei giovani partecipi di un progetto comune. Un coinvolgimento più simile a quello di chi aveva vent’anni nel nostro ultimo dopoguerra che a un giovane dell’Europa attuale, stressata tra spread e default. Ecco, questa è l’altra immagine che mi viene alla mente. La voglia di partecipazione e la scoperta della ritrovata possibilità di scegliere, che univa quei giovani. Protagonisti del proprio futuro.
    E’ questo il patrimonio di valori e speranze che Jalal Talabani ha saputo trasmettere al proprio popolo.
    21 dicembre 2012 - Andrea Misuri

Appello del popolo kurdo: aiutateci!!!

Le Forze di difesa popolare interrompono il cessate il fuoco unilaterale



5 giugno 2004
Fonte: UIKI-ONLUS
Ufficio d'Informazione del Kurdistan in Italia
- 01 giugno 2004

Il Congresso straordinario del KONGRA-Gel, che si è appena concluso sulle
montagne del Kurdistan meridionale, tenutosi per una discussione inerente
alcune problematiche interne e il proseguimento delle attività statutarie,
ha deciso di sostenere e confermare la strategia di risoluzione politica
della questione kurda, nell'ambito di una democratizzazione degli stati in
cui il popolo kurdo vive, secondo le linee indicate dal presidente Abdullah
Ocalan, ma ribadendo la decisione presa dalle Forze di difesa popolare
(HPG), che a seguito delle pesantissime operazioni militari ha indicato
nella giornata del 1. giugno 2004 la fine del cessate il fuoco unilaterale.
Il KONGRA-Gel ha deciso di proseguire con azioni di tipo democratico verso
la realizzazione, nello specifico attuale, di una costituzione federativa
dell'Iraq, e di risoluzione politica della questione kurda in Medioriente.

Nel dicembre 1998 Adbullah Ocalan, l'indiscusso leader del popolo kurdo,
durante la sua permanenza in Italia ha inteso proseguire la sua strada
propositiva di risoluzione della questione kurda e più volte fece appello
alle forze democratiche italiane ed europee per istituire una Conferenza
Internazionale per la soluzione politica della questione kurda in Turchia e
in Medioriente. La volontà kurda di proporre ed elaborare delle soluzioni
compiute e percorribili è stata sempre ignorata a livello internazionale,
concedendo alla Turchia ogni volta nuovi alibi per non affrontare in
maniera seria la questione. Ne è stata un esempio la tragica conclusione
della vicenda giudiziaria nei confronti dei due gruppi di pace del PKK, che
nel 2000 sono stati inviati in Turchia, dall'Europa e dalle montagne, come
azioni simboliche della determinazione della parte kurda alla pace.

Nonostante azioni come queste, nel silenzio della comunità internazionale,
la parte kurda ha proseguito per sei anni nella sua intenzione di non
ricorrere alla violenza e alla morte per la soluzione del problema kurdo,
un problema che riguarda venti milioni di kurdi che vivono in Turchia,
milioni di esuli nel mondo, 4mila villaggi distrutti, decine di migliaia di
vittime del conflitto ignorato dal mondo e definito a bassa intensità dai
generali turchi.

Oggi, Abdullah Ocalan si trova imprigionato ad Imrali dove ha trascorso gli
ultimi cinque anni, come unico prigioniero, nell'oblio generale,
esattamente come è per il popolo kurdo. Le autorità turche non hanno mai
voluto prendere in considerazione il ruolo pacificatore che Abdullah Ocalan
ha svolto in questi anni, dopo aver dato al popolo kurdo una speranza di
rinascita. È stato lui stesso infatti a dichiarare due settimane fa alle
autorità e all'opinione pubblica internazionale, attraverso i suoi
difensori, gli unici che possono incontrarlo, che il suo ruolo ispiratore
di pace, vista la condotta e l'atteggiamento dei militari e delle autorità
turche, ormai si affievoliva, lasciando così nelle mani delle Forze di
difesa popolare (HPG) ogni decisione.

Sono ormai alcuni mesi che nel Kurdistan turco gli scontri tra esercito e
guerriglieri si sono fatti sempre più sanguinosi e per questa ragione la
legittima difesa, che spingeva le Forze di Difesa Popolare all'azione, non
ha più senso, la guerra nel Kurdistan turco è ormai di nuovo realtà (in
allegato la dichiarazione completa delle HPG). Purtroppo l'inserimento del
Kongra-Gel nella lista delle organizzazioni terroriste dell'UE, motivato
falsamente dal suo essere una mera prosecuzione del PKK, non ha fatto altro
che dare il lasciapassare alle forze militari turche per proseguire sulla
strada del terrorismo di stato e dell'annientamento di un popolo. L'Europa,
attraverso l'indifferenza dei suoi governi, non ha mai voluto intervenire a
sostegno e per il riconoscimento della parte kurda come interlocutore
politico per facilitare e avviare un reale processo di risoluzione della
questione, così oggi potrà e dovrà ritenersi complice del precipitare degli
eventi.

Da oggi il Kurdistan turco è nuovamente teatro di guerra, da oggi non si
avranno che nuove vittime da entrambe le parti ad insanguinare l'area e gli
animi della popolazione. Una popolazione che tenacemente si è battuta da
cinque anni per avviare una vera democratizzazione della Repubblica turca
nella fratellanza e nella pace, popolazione che per prima si è sentita
criminalizzata da questa decisione. Non c'è stata la volontà internazionale
di sostenere i kurdi nella loro lotta di risoluzione pacifica e politica, i
kurdi sono stati lasciati soli a morire sulle montagne kurde nel silenzio
generale, nell'indifferenza, lasciando che la Turchia continuasse ad
imporre la guerra come soluzione. Del resto che cosa ci si poteva aspettare
da un Occidente democratico che si arma in guerre preventive senza senso e
distruttrici, oltre che della vita, della dignità dei popoli?

Facciamo appello affinché da ogni parte d'Italia e d'Europa si diffonda il
grido di dolore che il popolo kurdo da oggi, una volta ancora e una volta
in più, lancia chiedendo una soluzione della questione in Turchia e nel
Medioriente.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies