Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Liberate Francesco
    Dal 14 agosto è stato rapito

    Liberate Francesco

    Mobilitiamo l'opinione pubblica per la liberazione di Francesco Azzarà, l'operatore umanitario di Emergency rapito in Sudan. Ci sono persone che decidono di dedicarsi al prossimo in maniera totale. Francesco è uno di questi
    22 ottobre 2011 - Associazione PeaceLink
  • Domani torno a casa. Grazie ad Emergency
    Un film diretto da Fabrizio Lazzaretti e Paolo Santolini

    Domani torno a casa. Grazie ad Emergency

    Murtaza (un bambino afghano) e Yagoub (un ragazzo del Sudan) sono i due protagonisti del documentario
    21 aprile 2010 - Lidia Giannotti
  • Newsletter n° 40 15 settembre 2009

    «Un trattato non basta: non dobbiamo mai dare per scontato che gli impegni presi sulla parola e quelli firmati su un pezzo di carta siano veramente mantenuti. Costruire la pace in Sudan è un'operazione a lungo termine». Marina Peter in Scommessa Sudan, 2006
  • Newsletter n° 38 1 agosto 2009

    «Un trattato non basta: non dobbiamo mai dare per scontato che gli impegni presi sulla parola e quelli firmati su un pezzo di carta siano veramente mantenuti. Costruire la pace in Sudan è un'operazione a lungo termine». Marina Peter in Scommessa Sudan, 2006
    7 dicembre 2009

Sudan : Darfur: a rischio un milione di persone

9 giugno 2004 - Christian Benna
Fonte: war news


“L’aiuto non è sufficiente. È necessaria una soluzione politica: la pulizia etnica condotta dal governo sudanese non deve essere tollerata”. A dirlo è Kenneth Roth direttore di Human Rights Watch in occasione della conferenza dei Paesi donatori di Ginevra, dove sono stati richiesti dall'ONU 286 milioni di dollari (gli Usa ne hanno promessi 188) per l'emergenza nella martoriata regione del Darfur. Mentre il cessate il fuoco viene costantemente violato dai bombardamenti di Karthoum e dalle razzie delle milizie arabe Janjaweed, il direttore di Usaid Andrew Natsios avverte la comunità internazionale che se gli aiuti non arriveranno in tempo "un milione di persone potrebbero morire di stenti".


Il conflitto in Darfur, tra governo e ribelli (SLA e MJE) ha già ucciso più di 10mila persone dal febbraio del 2003. Sono circa un milione gli sfollati a rischio, 150 mila sono i rifugiati in Chad.

Nel 2003 il gruppo ribelle del Sudan Liberation Army ha imbracciato le armi per combattere la politica, a loro dire, discriminatoria di Karthoum e per difendersi dalle milizie arabi Janjaweed. Il Darfur è diviso in gruppi nomadi di ceppo e lingua araba e sedentari africani, i Fur, Masalit e Zaghawat (Foto: Irinnews.org)

Secondo le Nazioni Unite almeno 700mila persone non avranno i mezzi per sopravvivere nei prossimi mesi. "Si tratta della più grave crisi umanitaria del mondo", ha ribadito a più riprese Jan Egeland, coordinatore degli Affari umanitari delle Nazioni Unite.

Asma Jehangir, inviato Onu nella zona, ha criticato la fermezza non cooperativa di Karthoum che nega di armare le milizie arabe e che smentisce ogni accusa di pulizia etnica.

Tuttavia anche gli Stati Uniti stigmatizzano il comportamento del regime sudanese. Condoleeza Rice, consigliere per la Sicurezza nazionale dell'amministrazione Bush, ha detto alla France Press che "la catastrofe in atto in Darfur porta la responsabilità del governo sudanese".

Amnesty International rincara la dose puntando il dito contro "detenzioni arbitrarie, torture e maltrattamenti di ogni genere sui civili".

Ventiquattro persone sono state uccise lunedì in un mercato nel Darfur Occidentale, nella zona di Tirbeba. Il Movimento per la giustizia e l'uguaglianza (MJE) ha accusato l'aviazione del raid contro civili.

Il cessate del fuoco, siglato l'8 aprile a N'djamene, viene sistematicamente, violato da tutte le fazioni in lotta.

Note:

http://www.warnews.it/index.php/content/view/914/29/

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies