Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • La guerra uccide non solo d'estate
    Le parole di saluto di Salar Hussein mi arrivano dirette allo stomaco: “Pregate per noi”. Nella loro naturalità, dicono più di tanti discorsi.

    La guerra uccide non solo d'estate

    Il popolo curdo consapevole di avere vissuto una pace provvisoria. La minoranza yazida memore di innumerevoli persecuzioni nel passato. La storia sembra ripetersi ma questa volta il rischio di sconvolgimenti permanenti nei popoli della regione è tragicamente reale.
    15 agosto 2014 - Andrea Misuri
  • La III Guerra in Iraq, stavolta senza tamburi. Un motivo c'è

    La III Guerra in Iraq, stavolta senza tamburi. Un motivo c'è

    Ancora una guerra in Iraq! Ma questa volta niente allarmismi. Governo e stampa non cercano di venderci un intervento italiano, anzi, ne parlano appena appena. Come mai? Da una tavola rotonda ISPI dell'7 luglio a Roma (Centro Studi Americani) forse la risposta.
    12 luglio 2014 - Patrick Boylan
  • Troppa riservatezza nel processo Manning
    Richiesto il Premio Nobel per la Pace per Bradley Manning

    Troppa riservatezza nel processo Manning

    Julian Assange e una coalizione di giornalisti statunitensi hanno citato in giudizio l’esercito riguardo la trasparenza nel caso Manning.
    6 giugno 2013 - Bradley Manning Support Network
  • Anche noi stiamo dalla parte di Bradley!
    Mobilitazione internazionale di sostegno a Bradley Manning

    Anche noi stiamo dalla parte di Bradley!

    Firma anche tu la petizione promossa dal "Bradley Manning Support Network" e unisciti ai firmatari della lettera all'ambasciatore statunitense Thorne promossa da PeaceLink.
    31 maggio 2013 - Associazione PeaceLink

Dov' e' la svolta?

23 giugno 2004 - Fabio Alberti
Fonte: Il Manifesto - 10 giugno 2004

La svolta non c'e' O almeno non ci sara' per 20 milioni di iracheni per i
quali la risoluzione dell'Onu, negoziata a New York senza gli iracheni, ha
posto le basi per un nuovo periodo di violenza e, forse, di guerra civile.
Avrei preferito dire: E' un passo avanti e un compromesso accettabile. Non e'cosi E il problema non e' di principio, ne' nella insufficienza dei poteri
trasferiti, ma nel riconoscimento di un governo made in Usa? Cio' che
infatti ne la Francia, ne tutto il Consiglio di Sicurezza possono cambiare e'
la scarsa rappresentativita' del neo-nominato governo transitorio iracheno
E questo fara' la differenza per la popolazione dell'Iraq: solo un governo
veramente rappresentativo puo' portare la pace. Il governo e' stato nominato
ignorando tutti i consigli dell'inviato di Kofi Annan, a partire dal
principale: che i membri dello screditato Governing Council avrebbero dovuto
farsi da parte. E' stato invece Bremer e lo stesso Governing Council, in
carica mentre nelle carceri irachene avveniva quel che e' avvenuto, a
nominare il suo successore. Sul primo ministro si e' gia' detto che e' stato un
agente della Cia, senza nessuna credenziale democratica, come nota l'Iraqi
Democrats Against Occupation, l'associazione di esuli iracheni vicini alla
sinistra. Allawi, nell'ultimo anno si e' occupato, come ministro del
commercio estero, della privatizzazione delle imprese irachene. Sulla
non-rappresentativita' del governo transitorio si sono gia' pronunciati Harith
Al-Dari, segretario del Consiglio degli Ulema, e rappresentante della
conferenza Nazionale Irachen, larga coalizione nata l'8 maggio da un
incontro di circa 2000 delegati di formazioni politiche, sciite, sunnite e
laiche, che lo ha definito un gioco americano. L'Ayatollah Al Sistani,
sempre cauto, ha detto che non rappresenta in maniera accettabile tutti i
segmenti della societa' irachena. I segretari del national Council of Iraqi
Tribes, e del democratic Grouping of Iraqi Tribes, due influenti
raggruppamenti delle tribu' irachene, hanno espresso lo stesso concetto. Gli
sciiti radicali di Moqtada al Sadr non sono stati coinvolti, come i gruppi
della resistenza. E a Baghdad gli iracheni non danno credito al neonato
governo, considerato, a ragione, una mera prosecuzione del precedente.

In questa situazione non e' difficile pensare che la Conferenza Nazionale
(che Brahimi voleva prima della nomina del governo e che la risoluzione
prevede a luglio), possa ancora essere il luogo in cui raggiungere quel
consenso iracheno, che, solo, puo' mettere fine alla violenza e promuovere
un processo elettorale condiviso.

La resistenza, anche armata, alla presenza di truppe straniere continuer?
Ricostruzione e rilancio dell'economia continueranno a tardare. La
costituzione verr?dettata dagli occupanti. Gli Usa, che si sono riservati
«tutti i mezzi disponibili per mantenere la sicurezza? continueranno a
combattere la loro guerra per impedire che l'Iraq divenga un paese
democratico e per insediare a Baghdad un governo che garantisca i loro
interessi strategici e le basi militari permanenti. A farne le spese saranno
20 milioni di uomini, donne, bambini giocati dalle grandi potenze come
pedine sullo scacchiere mondiale, come nei 13 anni delle sanzioni
economiche, il cui milione e mezzo di morti dovrebbe pesare ancora sulla
coscienza del Consiglio di Sicurezza Onu. L'occupazione prosegue.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies