Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • La guerra uccide non solo d'estate
    Le parole di saluto di Salar Hussein mi arrivano dirette allo stomaco: “Pregate per noi”. Nella loro naturalità, dicono più di tanti discorsi.

    La guerra uccide non solo d'estate

    Il popolo curdo consapevole di avere vissuto una pace provvisoria. La minoranza yazida memore di innumerevoli persecuzioni nel passato. La storia sembra ripetersi ma questa volta il rischio di sconvolgimenti permanenti nei popoli della regione è tragicamente reale.
    15 agosto 2014 - Andrea Misuri
  • La III Guerra in Iraq, stavolta senza tamburi. Un motivo c'è

    La III Guerra in Iraq, stavolta senza tamburi. Un motivo c'è

    Ancora una guerra in Iraq! Ma questa volta niente allarmismi. Governo e stampa non cercano di venderci un intervento italiano, anzi, ne parlano appena appena. Come mai? Da una tavola rotonda ISPI dell'7 luglio a Roma (Centro Studi Americani) forse la risposta.
    12 luglio 2014 - Patrick Boylan
  • Troppa riservatezza nel processo Manning
    Richiesto il Premio Nobel per la Pace per Bradley Manning

    Troppa riservatezza nel processo Manning

    Julian Assange e una coalizione di giornalisti statunitensi hanno citato in giudizio l’esercito riguardo la trasparenza nel caso Manning.
    6 giugno 2013 - Bradley Manning Support Network
  • Anche noi stiamo dalla parte di Bradley!
    Mobilitazione internazionale di sostegno a Bradley Manning

    Anche noi stiamo dalla parte di Bradley!

    Firma anche tu la petizione promossa dal "Bradley Manning Support Network" e unisciti ai firmatari della lettera all'ambasciatore statunitense Thorne promossa da PeaceLink.
    31 maggio 2013 - Associazione PeaceLink

Esperto Russo afferma che le truppe degli Stati Uniti in Iraq abbiano perso circa 2.000 soldati

Secondo un diplomatico militare il numero reale di perdite statunitensi potrebbe essere di circa 2.000 soldati a causa di incidenti mortali e fino a 12.000 feriti
28 luglio 2004 - Vladimir Radyuhin (trad. di Melektro)
Fonte: The Hindu: www.hindu.com

MOSCA - Gli Stati Uniti hanno sofferto in Iraq perdite ben piu' pesanti di
quelle che hanno ammesso ufficialmente, ha affermato un diplomatico militare
Russo.

Le reali perdite militari degli Stati Uniti in Iraq potrebbero avere raggiunto
le 2.000 unita', ossia piu' del doppio della figura ufficiale di 900, poiche'
Washington tende a minimizzare malamente le sue statistiche riguardanti gli
infortuni mortali, ha detto una fonte diplomatica militare all'agenzia
giornalistica Itar-Tass.

"Le statistiche ufficiali non includono gli incidenti che occorrono fra i
residenti statunitensi non dotati di cittadinanza e che accettano di arruolarsi
nelle forze armate USA per ottenere una 'green card'. Secondo
informazioni certe la quota di non-Americani che fanno parte delle forze degli
Stati Uniti in Iraq potrebbe essere alta quanto il 60 per cento del totale", ha
detto la fonte. "Il numero reale di perdite degli Stati Uniti potrebbe essere
alto quanto 2.000 incidenti e fino a 12.000 feriti," ha detto il diplomatico
militare.

Note:

traduzione di Melektro a cura di Peacelink

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies