Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Liberate Francesco
    Dal 14 agosto è stato rapito

    Liberate Francesco

    Mobilitiamo l'opinione pubblica per la liberazione di Francesco Azzarà, l'operatore umanitario di Emergency rapito in Sudan. Ci sono persone che decidono di dedicarsi al prossimo in maniera totale. Francesco è uno di questi
    22 ottobre 2011 - Associazione PeaceLink
  • Domani torno a casa. Grazie ad Emergency
    Un film diretto da Fabrizio Lazzaretti e Paolo Santolini

    Domani torno a casa. Grazie ad Emergency

    Murtaza (un bambino afghano) e Yagoub (un ragazzo del Sudan) sono i due protagonisti del documentario
    21 aprile 2010 - Lidia Giannotti
  • Newsletter n° 40 15 settembre 2009

    «Un trattato non basta: non dobbiamo mai dare per scontato che gli impegni presi sulla parola e quelli firmati su un pezzo di carta siano veramente mantenuti. Costruire la pace in Sudan è un'operazione a lungo termine». Marina Peter in Scommessa Sudan, 2006
  • Newsletter n° 38 1 agosto 2009

    «Un trattato non basta: non dobbiamo mai dare per scontato che gli impegni presi sulla parola e quelli firmati su un pezzo di carta siano veramente mantenuti. Costruire la pace in Sudan è un'operazione a lungo termine». Marina Peter in Scommessa Sudan, 2006
    7 dicembre 2009

Darfur: La denuncia di Oxfam imbarazza l’Italia

11 settembre 2004 - Emanuele Sana
Fonte: War News

In un comunicato congiunto le organizzazioni umanitarie attive in Darfur hanno denunciato Giappone, Francia e Italia per lo scarso supporto umanitario nella regione.

“Alcuni tra i piu’ ricchi paesi del mondo sono tra i piu’ poveri donatori umanitari”, ha denunciato Oxfam sulle pagine del proprio sito. Il comunicato, adottato da varie ONG internazionali sotto l’egida di Oxfam UK, fa scalpore non tanto per il contenuto quanto per i modi.
E’ infatti inconsueto che un’organizzazione non governativa denunci cosi’ apertamente i paesi donatori dal momento che la loro sopravvivenza dipende quasi esclusivamente dai loro contributi finanziari.

Non solo, Oxfam UK non ha mancato di snocciolare dati imbarazzanti. Il Giappone ha finora messo a disposizione in aiuti bilaterali in Darfur 6 milioni di dollari. Seguono Francia e Italia con 9,6 e 10,8 rispettivamente. Ed e’ impietoso il confronto con altri paesi. Gli Stati Uniti hanno finora donato 206 milioni di dollari e il Regno Unito 94.

L’attuale strategia italiana

Il nostro governo non si e’ ancora pronunciato ma i dati degli ultimi anni parlano chiaro. Gli aiuti bilaterali italiani sono in caduta libera da quando il nostro paese ha scelto la strada del multilaterale (Nazioni Unite e Unione Europea) per “contare di piu’” in tali istituzioni. Molte ONG vedono tale scelta come una comoda scorciatoia per evitare ogni responsabilita’ politica sull’utilizzo dei fondi per lo sviluppo ed e’ un chiaro segno dell’assenza di un chiaro disegno strategico del governo italiano.

A supporto di tale tesi la tendenza dell’attuale esecutivo ad interpretare operazioni militari di peace-enforcing come intervento umanitario, scavalcando il lavoro delle ONG. Gia’ l’anno scorso nel DPEF il governo aveva tentato di girare l’intero stanziamento previsto per la cooperazione umanitaria (530 milioni di Euro) in operazioni militari in Iraq. Oggi il nostro paese e’ quello che in assoluto sostiene di meno le proprie organizzazioni no-profit. Tra i paesi dell’Unione Europea Germania e Paesi Bassi spendono quasi dieci volte piu’ di noi. Persino Belgio e Austria fanno meglio.

Mancano 255 milioni nelle casse delle Nazioni Unite

Non puo’ quindi giungere come una sorpresa la denuncia del mondo umanitario. La situazione in Darfur resta grave ed e’ stato stimato in 531 milioni di dollari l’apporto necessario a sostenere l’interento umanitario nella regione. Finora se ne sono visti solo 276.

“Alla fine d’agosto le Nazioni Unite hanno denunciato di aver ricevuto un po’ piu’ della meta’ delle risorse finanziarie necessarie per aiutare coloro che sono scappati dalle violenze in Darfur”, ha dichiarato Barbara Stocking, presidente di Oxfam UK. “Se Francia, Giappone e Italia non contribuiranno adeguatamente, altre migliaia di persone moriranno”.


Note:

http://www.warnews.it/index.php/content/view/1168/29/

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies