Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • La guerra uccide non solo d'estate
    Le parole di saluto di Salar Hussein mi arrivano dirette allo stomaco: “Pregate per noi”. Nella loro naturalità, dicono più di tanti discorsi.

    La guerra uccide non solo d'estate

    Il popolo curdo consapevole di avere vissuto una pace provvisoria. La minoranza yazida memore di innumerevoli persecuzioni nel passato. La storia sembra ripetersi ma questa volta il rischio di sconvolgimenti permanenti nei popoli della regione è tragicamente reale.
    15 agosto 2014 - Andrea Misuri
  • La III Guerra in Iraq, stavolta senza tamburi. Un motivo c'è

    La III Guerra in Iraq, stavolta senza tamburi. Un motivo c'è

    Ancora una guerra in Iraq! Ma questa volta niente allarmismi. Governo e stampa non cercano di venderci un intervento italiano, anzi, ne parlano appena appena. Come mai? Da una tavola rotonda ISPI dell'7 luglio a Roma (Centro Studi Americani) forse la risposta.
    12 luglio 2014 - Patrick Boylan
  • Troppa riservatezza nel processo Manning
    Richiesto il Premio Nobel per la Pace per Bradley Manning

    Troppa riservatezza nel processo Manning

    Julian Assange e una coalizione di giornalisti statunitensi hanno citato in giudizio l’esercito riguardo la trasparenza nel caso Manning.
    6 giugno 2013 - Bradley Manning Support Network
  • Anche noi stiamo dalla parte di Bradley!
    Mobilitazione internazionale di sostegno a Bradley Manning

    Anche noi stiamo dalla parte di Bradley!

    Firma anche tu la petizione promossa dal "Bradley Manning Support Network" e unisciti ai firmatari della lettera all'ambasciatore statunitense Thorne promossa da PeaceLink.
    31 maggio 2013 - Associazione PeaceLink
Dossier dei servizi segreti italiani

"Le diserzioni della Guardia Nazionale irachena toccano punte dell'80 per cento"

La situazione in Iraq sta scappando di mano agli americani che fino ad ora hanno parlato ufficialmente solo di 5 mila ribelli. "Almeno 120 mila" scrivono gli 007 italiani.
15 settembre 2004 - www.repubblica.it

L'ultimo dossier dell'intelligence, che raccoglie i contributi delle agenzie di sicurezza dei paesi della coalizione, fotografa in Iraq una situazione che sta completamente scappando di mano. "Il triangolo sunnita - si legge - è praticamente sfuggito al controllo continuativo tanto delle truppe governative irachene quanto di quelle statunitensi". Non solo: "Il governo di Iyad Allawi non ha propri strumenti di sicurezza affidabili".

Tanto per fare un esempio, se devono essere assaltate roccaforti ribelli "le diserzioni della Guardia Nazionale irachena toccano punte dell'80 per cento e il Servizio di protezione delle infrastrutture non riesce a fermare gli attentati agli oleodotti". Ma il dato sconcertante è ancora un altro: il nucleo degli oppositori, tra gli ex del regime di Saddam e gruppi dell'integralismo islamico, conta almeno "120 mila persone" contro stime ufficiali che parlano di 5-6000 nemici.

Un dato questo rivelato addirittura dallo Stato maggiore della prima divisione di fanteria americana: "Tra indigeni e stranieri il nucleo duro degli oppositori armati è stimato intorno allo 0,5 per cento della popolazione, cioè 120 mila persone su un totale stimato di 24 milioni". Questo significa, ammettono gli autori del dossier, "che mancano gli uomini sufficienti per debellare le attività irregolari organizzate".

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies