Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Le armi e la difesa del colosso africano
    Nigeria

    Le armi e la difesa del colosso africano

    28 aprile 2011 - Vincenzo Gallo
  • Responsabilità (Sociale) di ENI
    Eni e la mancata cessazione (a tutt'oggi) della dannosa tecnica di gas flaring

    Responsabilità (Sociale) di ENI

    ENI ha ricevuto il Premio per la Responsabilità Sociale d'Azienda dalla FPA, negli stessi giorni in cui un servizio di Report metteva in evidenza incongruenze e anomalie nell'operato della compagnia nella regione del Delta del Niger
    4 luglio 2009 - Ivan Flammia
  • Riesplode la violenza tra comunita' religiose in Nigeria

    Jos teatro di scontri di religiosi

    Come avvenne nel 2001, Jos e' ancora una volta al centro di violenze tra le opposte fazioni cristiane e musulmane, mentre i partiti politici lottano per spartirsi le rendite el petrolio
    2 dicembre 2008 - Matteo Figus
  • Respinta la richiesta di annullamento delle elezioni presidenziali

    Yar’Adua confermato presidente dal tribunale

    Atiku Abubakar e Muhammadu Buhariu vedono respinta la richiesta di annullamento delle presidenziali, ma annunciano ricorso alla Corte Suprema.
    28 febbraio 2008 - Matteo Figus

Nigeria : dipendenti Shell in fuga dal paese

3 ottobre 2004 - Moira Dinunzio
Fonte: BBC News, Allafrica.com, africaiafrica.com, africaonline.com, enafrica.com, Africa Daily, Afrol news

La situazione in Nigeria sta diventando ogni giorno più difficile. Le milizie ribelli, guidate da Dakubo Asari hanno intimato ai dipendenti delle compagnie petrolifere straniere di lasciare il paese entro il 1 ottobre.
La Shell, una delle società multinazionali contro cui i miliziani puntano il dito, ha dichiarato che non si farà intimorire dalle minacce e che ha completa fiducia nella protezione delle installazioni petrolifere da parte delle forze di sicurezza nigeriane. Tuttavia, giovedì scorso la stessa Shell ha ritirato dal paese 200 persone del proprio staff, ritenute non essenziali, anche se, assicurano, la produzione non ha subito contraccolpi.

Le milizie di Asari (Niger Delta People’s Volunteer Force), combattono da tempo in difesa del popolo ijaw e (da ijawland: delta) contro le multinazionali del petrolio che hanno riversato nel paese ingenti investimenti. In particolare, i ribelli puntano il dito contro la Shell e la Agip del gruppo italiano Eni, accusate, tra l’altro di appoggiare le azioni genocide del Governo nigeriano. Ma le risorse petrolifere del Delta hanno attirato l’attenzione di molte altre compagnie e impegnato i governi di molti paesi in strategiche mosse diplomatiche, in particolare sono interessati all’oro nero la Cina, la Libia, l’Algeria e la Norvegia.
La Nigeria è il 7° paese produttore di greggio, il 5°fornitore per gli Stati uniti. Nonostante ciò il 70% della popolazione vive al di sotto della soglia di povertà.
Il petrolio nigeriano è prodotto quasi esclusivamente da poche grandi compagnie multinazionali: oltre a Shell e Agip, ExxonMobil, Total, la Chevron e Texano.
Secondo i ribelli, il livello di investimenti stranieri nella zona ha pesanti ripercussioni sul prezzo del greggio, per questa Asari ha dichiarato che chiunque trarrà guadagni dalla zona del Delta sarà automaticamente considerato un nemico e attaccato. Da qui la minaccia rivolta alle compagnie di ritirare il proprio personale. Soltanto quando sarà risolta le questioni fondamentali riguardanti il controllo delle risorse e dell’autodeterminazione, ha concluso il leader degli ijaw, gli operatori del settore petrolifero potranno fare ritorno nel paese.

La situazione è degenerata in seguito all’attacco armato perpetrato dalle forze militari del governo, contro una base dei ribelli, mediante l’impiego di aerei ed elicotteri. Asari ha accusato il governo di aver impiegato armi chimiche, ma il Governo ha smentito sostenendo che si tratti di una mera speculazione volta ad innalzare il livello della tensione interna al paese.
Secondo Amnesty International, soltanto nelle ultime tre settimane il numero delle vittime negli scontri tra ribelli e truppe regolari ammonta a 500, cifra smentita dal governo nigeriano, che, tra l’altro, dichiara di non essere preoccupato delle minacce di Asari, definito un jocker assolutamente incapace di attaccare di distruggere le installazioni petrolifere dei grandi finanziatori.
Le truppe nigeriane, ha comunque sostenuto un portavoce governativo, sono pronte ad intervenire contro i gruppi criminali.

Gangster or hero? Si domanda l’Africa Daily. I gruppi che il governo definisce spietati criminali sono infatti considerati degli eroi per le popolazioni ijaw, in particolare nella zona intorno a Warri.

Intanto l’instabilità della zona ha provocato una preoccupante impennata del prezzo del greggio, che sulla piazza di New York la scorsa settimana ha sfiorato i 50$ al barile.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies