Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    Usa, assolto se accoltelli un italiano

    Mi chiedo, ma se questo avviene in Italia, il maggior alleato USA, cosa puo' accadere in Iraq o in altri paesi dove e' forte la presenza militare USA?
    N.M.
    7 ottobre 2004 - P.P.
    Fonte: Il Mattino

    Se un soldato americano prende a pugni un commilitone, merita la condanna. Se invece colpisce con una coltellata all’addome un ragazzo italiano, può essere considerato innocente come un agnellino. Il paradosso è nella sentenza emessa dalla corte marziale Usa nei confronti di Nicolas Miller, 21 anni, il marine che il 2 novembre scorso fu protagonista di una rissa nel piazzale della discoteca Havana Club, a Pozzuoli, e ferì gravemente all’addome Davide Follero, 22 anni, addetto alla sicurezza del locale.
    «Miller aveva bevuto un po’ troppo - racconta il penalista Vincenzo Dostuni, che con l’avvocato Giovanni Basile rappresenta gli interessi di Follero - e si mise a litigare con un giovanotto che, a quanto pare, infastidiva la sua ragazza. Un altro soldato americano cercò di dividerli e venne colpito con un pugno. Poi intervenne Davide, che aveva il compito di garantire la sicurezza dentro e fuori la discoteca: a questo punto il militare tirò fuori il coltello e glielo affondò nell’addome».
    La sera stessa Miller venne arrestato. Avviato il procedimento nei suoi confronti, le autorità statunitensi chiesero e ottennero da quelle italiane, in base al trattato Nato, di trasferire il giudizio alla corte marziale di Capodichino. Il risultato? «Una sentenza di condanna per il pugno all’americano e di assoluzione per la coltellata all’italiano - prosegue il penalista - purtroppo conosciamo soltanto il dispositivo, le motivazioni di ciò che è stato deciso da un tribunale militare non vengono rese note».
    A Davide Follero è stato comunque promesso un risacimento in denaro. «Ma non è questo che lui voleva - continua l’avvocato Dostuni - lui desiderava giustizia. A quanto pare, la corte militare americana divide la popolazione in persone di serie A e di serie B e, in quest’ultima categoria, entrano gli italiani. L’uomo che ha aggredito Davide e che solo per miracolo non l’ha ucciso è libero di andare in discoteca, alzare il gomito, provocare una nuova rissa o, magari, mettersi al volante e provocare un incidente mortale. Ma i militari americani riescono sempre a sfuggire alle loro responsabilità».

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies