Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Azienda Britannica del legname costringe 23.000 Ugandesi ad abbandonare la loro terra – Oxfam
    La nuova corsa all'accaparramento di terre

    Azienda Britannica del legname costringe 23.000 Ugandesi ad abbandonare la loro terra – Oxfam

    I diritti delle popolazioni locali calpestati da aziende estere che ottengono l'espropriazione di terreni nel Sud del mondo per le proprie attività commerciali.
    10 ottobre 2011 - Paul Redfern
  • Missioni di guerra

    Tour in Uganda dei “cooperanti” con le stellette

    La Cooperazione italiana torna ad indossare l'uniforme delle forze armate per un'ambigua missione nel nord Uganda, regione dove è in atto un pericoloso conflitto multinazionale. Sponsor un'importante impresa produttrice d'armi.

    27 dicembre 2010 - Antonio Mazzeo
  • Sudan, una pace da costruire

    Newsletter n. 23

    Si apre con il 2009 il secondo anno di pubblicazione della nostra newsletter. A partire da questo numero troverete la questione sudanese inserita in un quadro regionale più ampio. La scelta di allargare lo sguardo alla situazione politica dei paesi del Corno d'Africa, e in genere a quelli confinanti, non rappresenta una novità; quest'anno però la Campagna Italiana per il Sudan ha deciso di aprire in maniera più strutturata una finestra sul contesto regionale, nella convinzione che tale dimensione sia ineludibile per comprendere le influenze reciproche e gli equilibri che oltrepassano e ridisegnano i confini precari degli stati nazione.
  • Uganda, quando le lucciole abbandonano il marciapiede

    Tra le “sex worker” degli slum di Kampala. Grazie a “African medical and research foundation”
    le prostitute della capitale ugandese oggi possono inventarsi un nuovo futuro
    29 luglio 2006 - Veronic Algeri

Uganda: LA GUERRA DELL’INNOCENZA PERDUTA

una guerra non dimenticata, ma ignorata; non nel nome dell’Islam, ma nel nome dei “nostri” dieci comandamenti
9 ottobre 2004 - Elisabetta Caravati

Ogni sera all’imbrunire migliaia di bambini, lasciano i villaggi e partono per recarsi a dormire in citta’. Molti si tengono per mano, solitamente sono i piu’ grandi e le piu’ grandi a capo delle file, molti sono a piedi nudi, solitamente hanno un fagotto sulle spalle o una stuoia arrotolata in testa. Lasciano, nei villaggi, la paura di essere “rapiti” dalla Lra (Lord’s Resistance Army) cioe’ “l’Esercito di resistenza del Signore”, la formazione ribelle del nord dell’Uganda; ogni domani ritorneranno in quegli stessi villaggi lasciati la sera prima...
In Uganda, da molti anni ormai, perdura una guerra civile; credule, ma limitata; spietata ma circoscritta; una guerra destinata a durare all’infinito in uno spazio relativamente ristretto.
Non una guerra “dimenticata”, ma una guerra ignorata. Si dimentica involontariamente, si ignora volontariamente.
Laddove non ci sono interessi economici: niente petrolio, niente miniere; laddove si combatte non nel nome dell’Islam, ma nel nome di un cristianesimo amalgamato allo spiritismo, nessuno ha interesse ad intervenire, tantomeno l’amministrazione Bush, sempre pronta a denunciare i conflitti degli islamici per compiacere il suo elettorato fondamentalista cristiano; ma cieca allor quando nessuna possibilita’ esiste di far trionfare il “bene” contro il “male”, di mandare i “buoni” contro i “cattivi”.
In Uganda del nord, i cattivi, quelli che costringono i bambini a giocare a quel gioco mortale che si chiama guerra, lo fanno nel nome del nostro Dio; infatti, professano di voler istaurare il Regno dei Dieci Comandamenti sulla Terra...
E cosi’ i bambini, dagli otto ai dodici anni, vengono rapiti nei villaggi, razziati come bestiame, arruolati a forza sotto minaccia della vita, costretti ad uccidere per stringere un patto di sangue con i loro aguzzini e poi mandati a combattere. Le femmine vengono usate come cuoche o concubine per i capi guerriglieri. Questa guerra viene chiamata “la guerra dell’innocenza perduta” perche’ tutti: buoni o cattivi; vittime o carnefici, sono bambini. I soldati governativi ne hanno paura; infatti, i guerriglieri-bambini sono veloci, imprevedibili nelle manovre e negli agguati e spietati in battaglia... ma qualche volta, i guerriglieri-bambini riescono a scappare portandosi appresso racconti agghiaccianti delle crudelta’ compiute...
Tutto incomincio’ dopo la presa al potere dell’attuale presidente Yoweri Museveni alla fine degli anni Ottanta.; dopo tanti anni di orrore e atroci guerre, in Uganda sembrava intravedersi finalmente uno spiraglio di pace. Ma, nei villaggi e nelle citta’ del nord del paese fra gli Acholi, che erano sempre stati i favoriti dai precedenti regimi perche’ quasi tutti negli alti ranghi dell’esercito, inizio’ a propagarsi lo scontento. Si sentivano, gli Acholi, emarginati ed esclusi; erano stati rimandati a casa, si sentivano sconfitti; ma sapevano di non essere disarmati!
Alice Lakwena una ragazza senza marito ne’ figli, una guaritrice, inizio’ a predicare la riscossa degli Acholi. Da guaritrice divento’ profetessa; da santona a capopopolo. Gli Acholi impugnarono le armi: Alice, mescolando il cristianesimo allo spiritismo, chiamo’ il suo movimento “Le forze mobili dello Spirito Santo”. Marciarono a petto nudo contro le guarnigioni governative e vinsero sempre, fino a giungere alle porte della capitale dove l’esercito governativo li aspettava con l’artiglieria schierata. Gli Acholi furono sconfitti; la profetessa “scappo’” in Kenya e ancora oggi, a chi ha voglia di ascoltarla, giustifica quella sconfitta col fatto che, alle prime vittorie, gli Acholi smisero di osservare i comandamenti...
Alice venne “sostituita” da un suo cugino, le “forze mobili” diventarono “l’Esercito di Resistenza del Signore” in una sanguinosa caricatura dell’effimero movimento spirituale guidato da Alice.
Non paradisi, nei sogni dei bambini-guerriglieri, ma ogni oggi il loro inferno quotidiano...

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies