Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Liberia: dopo 14 anni di guerra civile, finalmente la pace; se questa è pace!

Puo' la pace essere il risultato di un "baratto" fra fucili e dollari? E possono coloro che, fino a poco tempo fa, erano i leader dei ribelli, togliendosi la mimetica e indossando il doppiopetto, diventare i garanti di questa pace?
18 ottobre 2004 - Elisabetta Caravati

Dopo quattordici anni di guerra civile durante i quali tre etnie si sono massacrate a vicenda per appropriarsi delle risorse del paese: diamanti, legno, caucciu' e ferro; dopo 250.000 vittime e 600.000 profughi; dopo che noi occidentali abbiamo, per anni, acquistato legname ed altro dai ribelli che poi, con i nostri soldi, compravano armi illegittime; dopo tutto questo, appunto, oggi, in Libera, regna la pace! Una pace costruita, principalmente su uno scambio fra i caschi blu (dell'ONU) e i ribelli; i ribelli (quasi tutti minorenni) consegnano le loro armi, i caschi blu promettono trecento dollari, l'equivalente di uno stipendio di un intero anno. Gli ex-ribelli vengono schedati, visitati e portati in una baracca dove resteranno qualche giorno; il tempo necessario per smistarli, trovare loro un lavoro oppure inserirli in una scuola professionale.

Ma i lavori offerti sono i piu' umili e i meno pagati; le scuole private sono per pochi e quelle pubbliche sono chiuse; il governo provvisorio non trova i soldi per pagare i docenti, eppure l'ONU sta assegnando molti dollari ai ministri del governo provvisorio. Non si sa come questi soldi vengano gestiti; a gestirli sono coloro che fino a poco tempo fa erano i leader dei ribelli; coloro che velocemente hanno lasciato la mimetica per indossare il doppiopetto; coloro che, ieri, hanno compiuto crimini atroci contro la popolazione civile e nelle cui mani, oggi, e' il destino della Liberia...

Macchine blu, di quelli che erano i signori della guerra, e fuoristrada, in dotazione ai signori della pace, circolano oggi nelle strade della capitale.
Ci sono dubbi su come questi signori (quelli della guerra e quelli della pace) si stiano spartendo i soldi degli aiuti umanitari; l'unica certezza e' che alla popolazione vengono date le briciole...

Ci sono anche ragazze, che dopo essere state stuprate hanno abbracciato un fucile ed hanno sparato accanto ai loro carnefici; anche loro hanno restituito i loro fucili e sono state liquidate con settantacinque dollari; ma per una notte, l'uomo bianco, e' disposto a pagarle fino a cento dollari...
E ci sono ancora tanti ribelli armati; quarantacinquemila -dicono- almeno tre volte tanto i militari delle Nazioni Unite giunti li' un anno fa! Chi consegna le armi lo fa solo per i soldi; qualcuno poi, dopo il programma riabilitativo e dopo i soldi, tornera' con un altro fucile e con un altro nome...

Intanto George Weach, arrivato in Italia non con una carretta della morte approdata miracolosamente a Lampedusa, ma grazie al Milan, invita i suoi connazionali a consegnare le armi e a tornarsene a casa dalle loro famiglie...
Non tutti pero' possiedono ancora una casa ed hanno ancora una famiglia.
Nell'ottobre del 2005 ci saranno le nuove elezioni.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies