Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Taranto as in the Niger river delta: violated rights and children in danger

    A dossier for Amnesty International

    The similarities between Taranto and the Niger delta come from the extent of contamination and the objective responsibility of the industrial area
    8 luglio 2014 - Alessandro Marescotti
  • Gli USA rafforzano la loro presenza in Africa

    Gli USA rafforzano la loro presenza in Africa

    Il presidente degli USA Obama ha autorizzato la costruzione di una base per gli aerei senza pilota in Niger. Gli USA aumentano così la loro forza in Africa occidentale.
    28 febbraio 2013 - Eric Schmitt, Washington; Scott Sayare, Parigi
  • "DITELO PRIMA": il  report de "Il Pane e le rose"
    L'incontro con NOWAR e candidati

    "DITELO PRIMA": il report de "Il Pane e le rose"

    Un accurato resoconto. Tanti i temi e i nodi: "non" politica estera nel paese e nel dibattito pre-elettorale, missioni, bombe e scelte europee (Libia, Siria, Mali), 100 basi militari e il rapporto con territori e cittadini, aumento di armi, export e spese occulte (e il 30 marzo, a Roma, per bloccare il MUOS in Sicilia)
    24 febbraio 2013 - Associazione PeaceLink
  • La Francia doveva intervenire nella guerra in Mali?

    La Francia doveva intervenire nella guerra in Mali?

    11 febbraio 2013 - Jean-Marie Muller

Africa Occidentale: confini sulla carta e sulla sabbia

Nel Sahel, in Mauritania, Mali, Niger e Ciad, all'invasione francese e' seguita quella americana. In quella che era stata l'Africa Occidentale Francese, oggi gli USA "gestiscono" un progetto: Trans Sahara Counter Terrorism Initiative; progetto che dovrebbe bloccare l'estremismo islamico; sintetizzando: un'altra invasione.

27 ottobre 2004 - Elisabetta Caravati

Se osserviamo una cartina politica dell'Africa, immediatamente notiamo che i confini dei vari stati non seguono linee naturali, ma geometriche, infatti nel 1885 a Berlino, le potenze europee, si divisero l'Africa a tavolino. La terra dei masai, ad esempio, venne spartita fra la Gran Bretagna e la Germania; ma loro, i masai, mai si sono curati di quella divisione; non e' pero' dei masai che voglio parlarvi, ma di altri confini, nel Nord Africa.
Presidiare il deserto e' come presidiare il mare: non ci sono punti di riferimenti. Ma quel sant'uomo di Bush ha voluto spingere fino la' la sua instancabile crociata del bene contro il male tracciando e presidiando confini di sabbia...

Una linea immaginaria divide sabbia da altra sabbia; e divide i buoni dai cattivi!
La' dove c'e' poverta' e disorganizzazione; la' dove i governi sono deboli e i confini "porosi"; la' dove si parla ancora francese, ma la Francia ha perso il suo potere; la', sono arrivati gli americani con un "programma" da 125 milioni di dollari. Lo scopo e' quello di controllare le frontiere, di impedire il diffondersi dell'estremismo islamico, "ripulendo" la zona che va dalla costa atlantica alla Libia meridionale.
C'e' tanto petrolio, in quella zona, cosi' tanto che dovrebbe garantire, agli USA, un quarto del petrolio necessario a mantenere i livelli di produzione e consumo attuali.

Ma, al di la' del petrolio, la presenza statunitense in quell'area geografica contribuisce ad aumentare l'odio nei confronti dell'Occidente. Il piu' della popolazione non fa differenza fra francesi e americani, anche quest'ultimi sono invasori; e, forse proprio "grazie" agli invasori, il fascino rivoluzionario di personaggi come Osama Bin Laden si sta diffondendo anche fra quegli africani che prima limitavano la loro professione di fede alla preghiera e persino fra quegli africani che prima erano cristiani.

La logica che prevale nell'Africa Occidentale e' quella di vendersi al miglior offerente; e cosi' oggi, nelle nuove formazioni antiterroristiche, ci sono soldati che fino a ieri facevano passare i confini a chiunque li pagasse bene. Oggi gli americani pagano piu' degli altri; gli americani forniscono armi che servono per presidiare confini inesistenti e invisibili!

Dicono che, per ora, l'unico risultato del progetto "Trans Sahara Counter Terrorism Initiative" sia quello di far aggregare gruppi terroristici a gruppi di ribelli che, in passato, non avevano fra loro alcun legame. Intanto sempre piu' studenti del Sahel si spostano nel nord musulmano della Nigeria per approfondire gli studi coranici e dedicarsi ad una militanza piu' attiva. Le iniziative umanitarie rischiano di venire anch'esse danneggiate, sempre in quel nord musulmano della Nigeria, le autorita' invitano le mamme a non far vaccinare i loro bambini contro la poliomielite perche' dubbiosi che invece del vaccino venga somministrato, ai bambini, un "veleno" per renderli sterili...

E cosi' l'odio aumenta. Agli americani spettera' forse la capacita' di far esplodere quell'insieme di piccoli focolai che da sempre "abitano" l'Africa Occidentale. Nascera' nuovo odio e dall'odio nuovi conflitti; e il petrolio, da buon combustibile, sara' sicuramente un buon aiuto per propagare l'incendio...

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies