Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    Iraq : petizione del Brussels tribunal per fermare il massacro

    100.000 iracheni ogia' uccisi
    14 novembre 2004

    FERMIAMO L'ESCALATION

    "Senza tener conto delle informazioni su Falluja, un rapporto della rivista Lancet del 29 ottobre stima in 100.000 gli iracheni morti a seguito dell'invasione. L'84% delle morti vengono attribuite ad azioni compiute dalle forze della coalizione e il 95% di quelle morti vengono attribuite ai bombardamenti ed agli attacchi dell'artiglieria". (Reuters, 28 ottobre 2004)

    La guerra irachena è ben lontana dall'essere conclusa, anzi è appena iniziata. Gli Stati uniti non sembrano in grado di sconfiggere la resistenza irachena con i mezzi usati finora. D'altronde non possono accettare questo imprevisto. L'arroganza propria con cui questa guerra è stata dichiarata e condotta sta mettendo in discussione tutto il loro prestigio e di conseguenza decenni di di sforzi per assicurare il loro dominio nel mondo. La posta in gioco è più alta di quanto non fosse in Vietnam. Gli Stati uniti non possono lasciare l'Iraq se non dopo aver insediato un governo amico, ma oggi hanno così pochi amici in quella parte del mondo che nessuna elezione democratica può produrre un tale tipo di governo.

    Di conseguenza è seriamente ipotizzabile una escalation militare dopo le elezioni - immediatamente nel caso Bush venga rieletto, forse più gradulamente nel caso vinca Kerry. Ma neppure il candidato democratico ha intenzione di ritirarsi dall'Iraq. Il governo statunitense cercherà di sconfiggere la resistenza ad ogni costo. E' in corso un'operazione tesa a demonizzare la resistenza presso l'opinione pubblica mondiale associandola ai rapimenti e agli assassini condannati praticamente da tutto lo spettro delle organizzazioni politiche del mondo arabo.

    Chiediamo che gli Stati uniti guardino in faccia la realtà, si ritirino incondizionatamente dall'Iraq e traggano le necessarie conclusioni sulla natura inacettabile della guerra preventiva. E' illusorio chiedere che le forze nordamericane restino fino a che l'Iraq non sarà pacificato perchè la loro presenza è talmente odiata che costituisce l'ostacolo principale verso qualsiasi forma di pace.

    Nel frattempo affermiamo che ci opporremo con tutti i mezzi pacifici e legali a qualsiasi tentativo di schiacciare la resistenza irachena con una escalation militare come si tentò di fare in Vietnam. Facciamo appello a tutti i governi perchè garantiscano asilo a tutto il personale militare statunitense che si rifiuterà di operare in Iraq. Faremo del nostro meglio per diffondere tutte le informazioni disponibili per contrastare la propaganda di guerra e cercheremo di mobuilitare l'opinione pubblica mondiale, come nel 2002, per chiedere che gli Stati uniti abbandonino il loro tentativo di imporre una soluzione militare in Iraq.

    (Translation thanks to giovana and Paola Manduca)

    Note:

    per firmare la petizione

    http://amigaphil.planetinternet.be/BTpetitiontxt.html#Italian

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies