Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Testimoni: A Fallujah gli Stati Uniti stanno usando il napalm

Al Jazeera

Un bambino di 16 mesi di Fallujah in un ospedale di Baghdad Testimoni oculari hanno affermato che l’esercito degli Stati Uniti sta segretamente ricorrendo all’uso del gas proibito napalm e di altre armi illegali nei confronti dei civili nella città Irachena di Fallujah.

I residenti di Fallujah hanno segnalato che civili innocenti sono stati uccisi dagli attacchi al napalm, un cocktail tossico di polystyrene e di carburante per reattori che provoca la fusione del corpo umano.

Da quando ha avuto inizio l'offensiva degli Stati Uniti su Fallujah all’inizio di questo mese, ci sono state testimonianze sul ritrovamento di corpi "fusi" che dimostrano che il gas napalm è stato usato.

"A Fallujah sono stati usati gas tossici," ha detto Abu Hammad, un residente di 35 anni di Fallujah. "Hanno usato di tutto – i carri armati, l’artiglieria, la fanteria e i gas tossici. Fallujah è stata rasa al suolo dai bombardamenti." Hammad viveva nel distretto Julan di Fallujah, che è stato vittima di alcuni degli attacchi più pesanti.

Altri residenti di quella zona hanno detto che gli USA hanno anche fatto uso di altre armi illegali. Abu Sabah, ad esempio, ha detto: "Hanno usato quelle strane bombe che producono fumi del tutto simili a quelli del fungo atomico...e poi piccoli pezzi della bomba cadono dal cielo con dietro lunghe code di fumo."

Ha detto che pezzi di queste strane bombe esplodono in grandi fuochi che bruciano la pelle anche quando l'acqua viene gettata sulle ustioni.

Sono le armi al fosforo e il napalm ad essere conosciuti per provocare questi effetti. "La gente ne ha sofferto così tanto," ha detto Abu Sabah.

Fallujah “quasi andata"

Kassem Mohammed Ahmed, che è fuggito da Fallujah la scorsa settimana, ha detto di aver testimoniato molte atrocità che sono state commesse dalle truppe degli Stati Uniti nella città distrutta. "Nelle strade li ho visti passare con i carri armati sopra gente ferita," ha detto. "Questo è successo così tante volte..."

Un altro residente di Fallujah, Khalil (40) ha detto che "Fallujah sta soffrendo troppo, e adesso è quasi andata." Ha aggiunto che i rifugiati adesso si trovano in una situazione miserabile, "è un disastro vivere qui in questo campo," ha detto Khalil. "Stiamo vivendo come cani e i bambini non hanno abbastanza vestiti."

In molti campi per i rifugiati intorno a Fallujah e a Bagdad, la gente sta vivendo senza sufficiente cibo, vestiti e riparo. I gruppi umanitari valutano che ci sono più di 15.000 famiglie di rifugiati negli alloggi temporanei fuori Fallujah.

Blair sotto attacco per l'uso del napalm

Sabato scorso, Parlamentari del Partito Labor hanno richiesto che il Primo Ministro Britannico si confronti con la Camera dei Comuni sull'uso del gas mortale a Fallujah.

La Parlamentare Labor di Halifax Alice Mahon ha detto: "Chiedo a Blair di rilasciare una dichiarazione di emergenza alla Camera dei Comuni per spiegare i motivi di quanto sta accadendo. Tutto questo sollecita la domanda: 'Eravamo a conoscenza del fatto che in Iraq si sta facendo uso di questa arma spaventosa?'"

Inoltre critici furiosi hanno richiesto che Blair minacci gli Stati Uniti di ritirare le forze Britanniche dall'Iraq a meno che non la smettano di ricorrere alle armi più mortali al mondo.

Le Nazioni Unite vietarono l'uso del gas napalm contro i civili nel 1980 dopo che immagini di una ragazza ferita in Vietnam avevano scosso il mondo intero.

Gli Stati Uniti, che non hanno firmato la convenzione, sono l'unica nazione al mondo che ancora fa uso di questa arma mortale.

Note:

Tradotto da Melektro per www.peacelink.it
Il testo e' liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando le fonti, l'autore e il traduttore.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies