Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    L’AMMINISTRAZIONE AMERICANA PUNISCE IL POPOLO IRACHENO TAGLIANDO L’ACQUA E L’ELETTRICITA’

    25 giugno 2003 - Rosarita Catani

    BAGHDAD 25 GIUGNO 2003 Dopo l’attacco alle truppe britanniche avvenuto ieri, l’amministrazione Americana decide di punire i cittadini iracheni togliendo quella poca acqua a loro disposizione e tagliando la corrente elettrica.

    Sei soldati inglesi, sono stati uccisi ieri, 24 giugno, in due separati attacchi eseguiti dalla resistenza irachena vicino al-Amrah, 200 chilometri a nord di Basra. Al Jazeera dichiara, che due veicoli militari sono stati completamente distrutti, mentre un elicottero è stato abbattuto e tre soldati sono stati gravemente feriti nell’impatto.

    A Ramadi, una citta’ a 100 chilometri da Baghdad, i soldati americani uccidono quattro iracheni. Le truppe americane affermano che i cittadini non si sono fermati ai posti di blocco, mentre a Fallujah gli americani sparano sui cittadini uccidendo un iracheno. Le circostanze di quest’avvenimento, non sono ancora molto chiare.

    Stamani, l’amministrazione Americana decide di tagliare l’elettricita’, nella capitale irachena, per cinque giorni, affinche’ i cittadini desistano ad incitare la resistenza dall’attaccare le truppe americane. Alcuni testimoni affermano che le truppe americane hanno apposto sui loro tank un emblema in cui vi e’ scritto “L’elettricita’ per la Pace”.

    L’ennesima provocazione Americana non fa altro che irritare ancora di piu’ gli iracheni, come si evince da queste dichiarazioni rilasciate da alcuni cittadini: “La nostra sofferenza cresce d’ora in ora. Con l’acqua fuori uso noi non potremo usare il bagno nella scuola. E’ terribile ed io mi aspetto che il popolo iracheno perderà la sua pazienza se questo stato di cose persistera’”.

    Un altro iracheno, invece, pensa: “Gli iracheni sono predestinati a fare qualcosa per gli altri? Ieri, hanno preso il petrolio in cambio di cibo, oggi vogliono la pace in cambio dell’elletricita’ e dell’acqua e domani sara’ la schiavitu’ in cambio della vita”.

    Note:

    Rosarita Catani e' una reporter indipendente che invia i suoi resoconti da Amman, Giordania, raccontando da un punto d’osservazione privilegiato cosa accade in Iraq e in medio oriente. I suoi report - pubblicati regolarmente sul sito www.peacelink.it - sono utilizzabili liberamente previa citazione della fonte e dell'autrice

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies