Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Angola, tra educazione e colera

    Festival escolar "Juntos na luta contra a colera"

    Uige, nord Angola, Agosto 2006
    Laura Fantozzi
  • due articoli sul fenomeno calcio al tmppo di mondiali nel martoriato paese africano

    Angola: il calcio come ritorno alla normalità

    L'Angola ha partecipato tutto sommato con onore al campianato del mondo in Germania, ma già aver partecipato è stato emozionante per un popolo che ha ripreso ad amare uno sport per troppi anni dimenticato a causa della guerra
    23 giugno 2006 - Laura Fantozzi
  • IL Paese subsharahiano, alla sua prima presenza in un mondiale di calcio, conta da febbraio a giugno oltre 1600 morti per colera e 42.00 casi di contagio

    Angola, la vera partita la si gioca contro il colera

    L’acqua, prima fonte del contagio, a Luanda e’ un business. Oltre 5 milioni di litri venduti ogni giorno, per un incasso quotidiano che oscilla dai 50.000 ai 250.000 dollari
    7 giugno 2006 - Laura Fantozzi
  • Angola: tra diluivio e colera

    Le ultime stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanita’, al 12 aprile 2006, parlano di 8258 contagiati e 367 morti. MSF, il 13 aprile, dichiara 8930 casi e 413 morti.L’ epidemia si sta diffondendo anche in 5 altre province angolane
    16 aprile 2006 - Laura Fantozzi

Angola:lo sminamento totale è un’ipotesi remota

Il coordinamento della sotto-commissione di assistenza e reinserimento per le vittime delle mine, sostiene che le tecniche utilizzate nel paese sono antiquate
26 gennaio 2005
Fonte: Jornal de Angola

Il coordinatore della sotto-commissione di assistenza e reinserimento per le vittime delle mine, Adriano Gonçalves, a Luanda, ha considerato remota la possibilità di sminare l’Angola nella sua totalità in tempi medio-brevi, a causa dell’elevato numero di mine sparse in quasi tutto il territorio nazionale.

Nel discorso di apertura del primo “Corso di Formazione sugli infortuni e incidenti causati da mine e altri ordigni esplosivi”, Adriano Gonçalves ha dichiarato di ritenere che il paese sarà libero dalle mine solo da qui a dieci anni, questo se dovesse esserci un maggior investimento e una scommessa più decisa nella formazione di tecnici dello sminamento, in modo da aumentare il numero di specialisti in questa area.

Secondo il suo punto di vista, il processo di sminamento nel paese ha obbedito ad alcune priorità, con una particolare considerazione per i campi agricoli, le aree di accesso alle comunità, le zone di ristabilimento e l’asse ferroviario di Benguela.

La specifica attenzione ai centri di riabilitazione, con la messa a disposizione di alcune sedie a rotelle e protesi, così come l’invio di più tecnici preparati per un accompagnamento continuativo e psicologico delle persone lese da questi ordigni, sono ugualmente priorità del della sotto-commissione per l’assistenza e il reinserimento delle vittime delle mine.

Considerando l’importanza del corso, il responsabile ha riconosciuto che le tecniche utilizzate in Angola per il processo di sminamento sono antiquate, affermando che i materiali corrispondenti alle pratiche moderne sono troppo costosi. Tuttavia, ha aggiunto che il governo angolano si è impegnato a utilizzare nuovi dispositivi.

Adriano Gonçalves ha riferito anche che questa azione formativa nasce in un momento di pace, mentre cresce l’ansia dei cittadini di spostarsi nelle tante province del paese per visitare i propri parenti.

La Commissione Nazionale Intersettoriale di Sminamento e Assistenza Umanitaria alle vittime (CNIDAH), secondo il coordinatore, ha già elaborato un Piano Nazionale di Azione contro le Mine 2005, che ha sottoposto all’approvazione del Consiglio dei Ministri.

“Per la prima volta il Piano Nazionale è elaborato con la compartecipazione diretta delle province che, a loro volta, avevano promosso azioni strategiche, priorità di sminamento, educazione sopra il rischio di mine e assistenza alle vittime”, ha sottolineato.

Nel corso, che si terrà nella sala delle riunioni del Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo, partecipano circa 36 allievi provenienti dal gabinetto tecnico della CNIDAH, dall’Istituto Nazionale per lo Sminamento, dall’Ingegneria Militare delle Forze Armate Angolane (FAA), dalla Polizia Nazionale, rappresentanti degli operai nazionali e internazionali, così come di imprese commerciali.

Note:

http://www.jornaldeangola.com/artigo.php?ID=29370

Traduzione di Fabiana D’Ascenzo per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l’autore

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies