Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Il Budget di Bush: la guerra ai lavoratori continua

14 febbraio 2005 - Action Center


Lunedì scorso, 7 Febbraio 2005, George W. Bush ha lanciato un attacco senza precedenti ai poveri e ai lavoratori degli Stati Uniti. Ha proposto un budget da 2.57 trilioni di dollari che l’anno prossimo taglierà di 20 miliardi di dollari numerosi programmi domestici rivolti ai senior, ai veterani, ai bambini e ai poveri.

Questa proposta di budget è una autentica dichiarazione di guerra nei confronti dei lavoratori. Fa parte di un tentativo neoconservatore di attaccare il benessere della gente lavoratrice e di forzarla in questo paese ad accettare condizioni di lavoro da terzo mondo - niente sanità, niente pensione, nessun diritto. Questi tagli non sono necessari. Avranno il solo risultato di permettere ulteriori tagli alle tasse per i ricchi e una massiccia spesa militare per una guerra inutile. Fanno parte di un programma neoconservatore il cui scopo è quello di "far morire di fame la bestia", di creare crisi artificiali per giustificare la drastica riduzione della spesa destinata al benessere della gente, aumentando allo stesso tempo la spesa destinata al benessere dei ricchi.

Il budget del Pentagono sarà aumentato a 419 miliardi di dollari, più un addizionale di 80 miliardi di dollari per l'occupazione dell'Iraq e dell'Afghanistan -- quasi la metà di un trilione di dollari. Gli Stati Uniti spenderanno per il proprio esercito una somma che è pari a quella militare del resto del mondo messo assieme. Il budget del Pentagono sarà più grande di quello del resto del pianeta messo assieme. Bush inoltre vuole rendere permanenti i suoi tagli alle tasse per i ricchi, che si porteranno dietro fino al 2014 un prezzo da 1.1 trilioni di dollari.

Per pagare l’ulteriore consolidamento dell’esercito e i tagli alle tasse, il budget di Bush include 20 miliardi di dollari in tagli ad oltre 150 programmi, molti di questi destinati alla gente a basso reddito. Bush inoltre ha chiesto la soppressione di 65 programmi federali.

Ci sono molti altri attacchi in questo budget che non è possibile includere in una singola dichiarazione o in una e-mail. Questi tagli arrivano in un momento in cui la povertà negli Stati Uniti è aumentata del 14 per cento – una persona su otto, un bambino su cinque adesso vivono in povertà. Il numero di persone che negli Stati Uniti sono prive di assicurazione sanitaria -- più di 45 milioni e questo è un numero che va crescendo -- ha raggiunto una cifra record. Le abitazioni a prezzo accessibile stanno facendosi al di là della portata di un numero sempre più grande di lavoratori.

Questi tagli che sono previsti dal budget includono:

Il programma dei food stamp [buoni per l’acquisto di cibo nei negozi autorizzati e destinati a chi si trova in condizioni di estrema indigenza (N.d.T.)] - sarà tagliato di oltre 1 miliardo di dollari durante i prossimi cinque anni.

Il budget del Bureau per gli Affari Indiani sarà tagliato di 100 milioni di dollari.

Circa un terzo dei programmi che sono destinati ad essere eliminati si trovano nel Dipartimento per l’Educazione, compresi i programmi federali di concessione destinati alle scuole locali che operano in aree quali la formazione professionale, la lotta alla droga e perfino ‘Even Start’, un programma per l’alfabetizzazione di 225 milioni di dollari.

Il budget che è stato proposto elimina 7 programmi che forniscono 16 miliardi di dollari in concessioni per le aree urbane a basso reddito e li sostituisce con un solo programma costituito da un fondo di 3.7 miliardi di dollari. Il nuovo programma, che sostituisce i programmi del HUD - US Department of Housing and Urban Development - , quelli rivolti alla formazione e ad altre aree, verrà fatto funzionare dal Dipartimento per il Commercio. Perché il Commercio? Lo scopo dichiarato è quello di togliere queste concessioni dalle mani delle organizzazioni pubbliche e di orientarle verso organizzazioni religiose e verso il business privato.

Medicaid – la sanità per i poveri, i disabili, gli anziani e i bambini - sarà tagliato di 45 miliardi di dollari.

Mentre i costi per il riscaldamento domestico vanno crescendo, il budget di Bush taglia il Programma di Assistenza Energetico per le Abitazioni a Basso Reddito (LI-HEAP) di 200 milioni di dollari rendendo più difficile per le famiglie lavoratrici pagare le proprie fatture per il riscaldamento.

Il budget aumenta il costo delle droghe prescrivibili per i veterani di più del 100%, carica i veterani della spesa di 250 dollari all'anno per sanità che era stata promessa e chiuderà diversi ospedali VA – Veteran Administration - in tutto il paese mentre i veterani ancora adesso devono aspettare per mesi solo per potere vedere un medico.

Il budget proposto è particolarmente brutale nell’attacco portato agli immigrati. Elimina il Programma per gli Immigrati e la Manodopera Agricola Stagionale mentre sostiene che "i lavoratori possono essere serviti meglio attraverso il sistema nazionale degli One-Stop Career Center", anche se proprio quel programma sta per essere tagliato da 963 a 84 milioni di dollari. Fornisce un aumento di 68 milioni di dollari per un programma che sequestra quei bambini i cui genitori sono stati deportati e li consegna nelle mani di gruppi religiosi di destra.

Il budget elimina il sostegno destinato al Programma per lo Sviluppo Economico e gli Alloggi Rurali (RHED), che è responsabile della fornitura di fondi destinati alle abitazioni delle famiglie rurali.

Il budget di Bush elimina il Prestito Perkins, un programma di prestiti sovvenzionato a livello federale per gli studenti universitari.

Oltre ai tagli in molti programmi cruciali, la proposta Bush include il tentativo di infittire la procedura burocratica e rendere più difficile per i lavoratori l’incasso dell'assicurazione contro la disoccupazione. Similmente rende più difficile per i singoli stati amministrare Medicaid e i benefit SCHIP, restringendo efficacemente le maniere in cui questi possono usare i soldi federali per amministrare quei programmi. E il budget è tempestato di iniziative religiose, come i programmi per la "Educazione destinata alla Sola Astinenza" e per il "Matrimonio Sano". E la lista continua.

Il budget di Bush richiede che i più poveri e i più oppressi paghino per i costi dei suoi tagli alle tasse per i ricchi e per il suo programma di guerra infinita.

Note:

Tradotto da Melektro per www.peacelink.it
Il testo e' liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies