Cremona

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Polveri sottili, in Puglia Brindisi batte tutti

    Polveri sottili, in Puglia Brindisi batte tutti

    Dall'inizio dell'anno superati i limiti 37 volte: il valore massimo è 35 l'anno
    Polveri, Torchiarolo batte tutti. E' sempre più un giallo ambientale il record regionale di polveri sottili detenuto da Torchiarolo, il centro del Brindisino con poco più di cinquemila abitanti al confine con la provincia di Lecce. Le Pm10 costituiscono un grave rischio per la salute.
    3 maggio 2008 - Marcello Orlandini
  • La situazione atmosferica non è buona

    La situazione atmosferica non è buona

    Volendo parafrasare un recente tormentone di celentanica paternità, in questi termini si potrebbe definire il resoconto venuto fuori dai risultati della campagna "PM10 ti tengo d’occhio", effettuata da Legambiente. Tra i record negativi di polveri sottili immessi nelle città di Taranto e Brindisi a causa rispettivamente dell’acciaieria Ilva e dei tre impianti Enel.
    4 marzo 2008 - Sabrina Barbante
  • In più di un’occasione il Pm10 ha superato la soglia limite di 50 µgr/m3

    Basilicata: è allarme polveri sottili

    Inchiesta sul monitoraggio dell’aria in Basilicata condotta da LucaniaNet.it, il più grande portale d’informazione della regione, con la preziosa collaborazione di Accademia Kronos
    26 marzo 2005 - Pietro Dommarco
Polveri sottili

Inquinamento, l’Asl avverte: “Causa non trascurabile di malattie e morti”

Cremona capoluogo spicca negativamente per la numerosità dei giorni in cui la concentrazione di PM10 supera il valore di soglia: nel 2012 quasi un giorno su tre.
19 gennaio 2015
Fonte: Cremona Oggi - 13 maggio 2014

Sono contenute nel documento di programmazione 2014 dell’Asl, da poco pubblicato sul sito dell’azienda sanitaria locale, le criticità ambientali della provincia di Cremona. Il documento contiene la sintesi dei dati raccolti nell’anno precedente e traccia per l’anno in corso le priorità nelle attività di prevenzione. Tra le tante evidenze che emergono, la conferma che l’inquinamento atmosferico contribuisce in maniera determinante alle malattie per cui Cremona vanta numerosi, tristi primati. “Evidenze crescenti – si legge testualmente nel report Asl – mostrano che all’esposizione a inquinanti presenti nell’ambiente di vita si possono attribuire quote non trascurabili della morbosità e mortalità per neoplasie, malattie cardiovascolari e respiratorie. Uno degli indici più usati per valutare la qualità dell’aria è la concentrazione di PM10, la cui fonte è da ricercare nel traffico veicolare e nei processi di combustione: la tendenza nel corso degli anni è in netta riduzione, anche se la concentrazione media annua si mantiene, nel confronto con le altre province, a livelli medio-alti, in particolare nei contesti cittadini. Il D.Lgs. 155/2010 stabilisce come valore limite sulla media annua 40 μg/m3 e come valore limite giornaliero 50μg/m3 da non superarsi per più di 35 volte per anno civile. Cremona capoluogo spicca negativamente per la numerosità dei giorni in cui la concentrazione supera il valore di soglia: nel 2012 quasi un giorno su tre. Ed infatti la città e pochi comuni limitrofi sono definiti, ai sensi della D.G.R 2605/11, come “pianura ad elevata urbanizzazione”. Ma anche la parte nord della provincia soffre una qualità dell’aria scadente”.

Note:

Per approfondimenti http://www.cremonaoggi.it/2014/05/13/inquinamento-lasl-avverte-causa-non-trascurabile-di-malattie-e-morti%E2%80%9D/

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy