CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

CeCILL, una licenza open source francese

16 luglio 2004 - Programmazione.It

La pubblica amministrazione francese si sta indirizzando verso il software libero, lo dimostra il recente rimpiazzo di Windows NT con Mandrake Linux su ben 1500 server, coordinato da Gilles de Robien, su cui la stessa MandrakeSoft fornirà assistenza.

Un altro passo in avanti è anche la creazione di una licenza free software compatibile con quella GPL e nomata CeCILL. Questa è il frutto del lavoro di 3 istituti francesi: la CEA (il commissariato dell’energia atomica), il CNRS (il centro nazionale per la ricerca scientifica) e la INRIA (istituto di ricerca sull'informatica). Il nome CeCILL deriva infatti da Ce=CEA, C=Cnrs, I=INRIA, LL=Logiciel Libre ("software libero").

Questa licenza, il cui documento è disponibile in francese qui (http://www.inria.fr/valorisation/logiciels/Licence.CeCILL-V1.pdf) o in inglese, sempre in formato PDF, al seguente indirizzo (http://www.inria.fr/valorisation/logiciels/Licence.CeCILL-V1.US.pdf), è in pratica una sorta di GPL adattata alla legislazione francese sul copyright. Ai fini legali come d'altronde per la GPL, vale solo il documento nella lingua originale, in questo caso francese.

Nella licenza si distingue tra l'iniziale creatore del software (il proprietario) ed il collaboratore, ossia chi chi ha modificato o aggiunto delle caratteristiche al programma originale. Si parla quindi di software "modificato" e si è tenuti ad indicare chi ne è l'autore originale. In particolare il proprietario mantiene i diritti economici ed intellettuali rispetto ai successivi collaboratori.

Inoltre vi è da dire che se il licenziatario (chi accetta una licenza) incontra parte del codice, modificato o meno, sotto licenza GPL, può in seguito ridistribuire liberamente il software secondo la licenza GPL stessa, a garanzia del fatto che il software rimanga libero.

In sostanza nella legislazione francese si vuole dare una maggior protezione della proprietà intellettuale ed una limitata responsabilità civile sull'autore. D'altro canto come nella licenza GPL, il proprietario ed i successivi collaboratori non garantiscono che il software sia libero da errori e non rispondono di malfunzionamenti, perdita di dati e di profitto, cosa che purtroppo vale anche per il software commerciale!

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy