Diritto in rete

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Legge bavaglio: limiti a poteri d'indagine e diritto di cronaca e obblighi per i piccoli siti internet
    Riparte la mobilitazione a difesa della stampa e di internet. Wikipedia si autosospende

    Legge bavaglio: limiti a poteri d'indagine e diritto di cronaca e obblighi per i piccoli siti internet

    Ma in questi anni si è accentuato lo sfibramento dei contesti amministrativi - e quindi il privilegio, il baratto politico e la corruzione - è diventata intollerabile la marginalità degli onesti e la criminalità organizzata ha occupato nuovi territori
    Lidia Giannotti
  • Crisi dell'euro: pilotata da una rete di finanzieri senza scrupoli?
    In una grande orgia di debiti durante la partita a poker giocata per l'Euro si è preparato il terreno per la rovina economica di tutti i giocatori

    Crisi dell'euro: pilotata da una rete di finanzieri senza scrupoli?

    Un commento sulla crisi finanziaria vissuta da tutti i paesi occidentali, sulle cause che l'hanno prodotta e sulle conseguenze che potrà causare ai paesi più deboli della zona Euro e a quelli che saranno tassati per pagare il loro debito estero. Ma sarà questa la strada giusta?
    Internationalnews
  • Diffamazione

    Forum di discussione: il gestore non è responsabile per i contenuti pubblicati dagli utenti

    Riportiamo uno stralcio di un articolo dell'avv. Giacomo Rimatori relativo all’ordinanza dell’11 agosto 2011 con cui il Tribunale di Bologna ha chiarito come il gestore di un forum di discussione non debba ritenersi responsabile per i contenuti pubblicati anche se ritenuti diffamatori da terzi
    12 settembre 2011
  • Notte bianca della rete
    Ieri a Roma le associazioni hanno promosso una "notte della rete" per la libertà di espressione e di informazione

    Notte bianca della rete

    Continua con incontri e dibattiti la protesta di chi ritiene incostituzionale che un'autorità amministrativa possa modificare i contenuti di un sito, senza l'intervento di un giudice
    6 luglio 2011 - Lidia Giannotti

Giudice dell'Udienza Preliminare presso il Tribunale di Oristano, Sentenza 25 maggio - 6 giugno 2000

Non sono applicabili, anche in via di interpretazione estensiva, le norme sulla diffamazione a mezzo stampa a quelle sulla diffamazione commessa attraverso Internet, in considerazione delle evidenti differenze tra il concetto di stampa, o di trasmissione radiotelevisiva, e le informazioni circolanti su Internet.
25 maggio 2000 - Tribunale di Oristano

N° 137/2000 Reg.Sent.
Data del deposito
_______________
N. 86/99 R.G.notizie di reato Data di irrevocabilità
N. 1787/00 R.G. G.I.P. _______________________
N. Reg. Esec.
N. Campione P.
Redatta scheda il
_______________________

REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TRIBUNALE DI ORISTANO
Ufficio del Giudice per le indagini preliminari

SENTENZA

Il Giudice dell'udienza preliminare presso il Tribunale di ORISTANO
Dott. Elisabetta TUVERI
all'udienza del 25.05.2000
nel procedimento
ha pronunciato in camera di consiglio e pubblicato mediante lettura del dispositivo la seguente

SENTENZA

nei confronti di:
1) ……………………….., ivi res,te in via ……………………………
2) ……………………….., ivi res.te in ………………………………..
LIBERI PRESENTI

IMPUTATI

Del reato p. e p. dagli artt. 110, 595, II° e III° comma, c.p., art. 13, L. 47/48 e 30, L. 223/90, per avere, in concorso tra loro, anche mediante l'attribuzione di fatto determinato, offeso la reputazione di ……….. , affermando in un sito Internet, gestito dalla ditta "TRIPOD" con sede al n. 160 Water Street, Williamstown - MA 01267 U.S.A, e precisamente nella premessa al dossier concernente la società "………..., che il ……… fosse un "sedicente" avvocato e avesse iniziato un giudizio civile per richiedere un "ridicolo risarcimento danni degno del peggiore avvocato di provincia, nella speranza di tapparci la bocca" e cioè impedire che le malefatte della Società "……………." venissero portate a conoscenza della gente.
In Oristano e Pavia, querela depositata il 15 giugno 1998

CONCLUSIONI P.M

Il P.M. insiste nella richiesta di rinvio a giudizio.
L'avv. …………… del foro di Oristano si costituisce parte civile per conto di ……………..e ……………e si associa alle richieste del P.M.
Il difensore degli imputati chiede il proscioglimento di ………… per non aver commesso il fatto o perché il fatto non sussiste e di ………………. per non aver commesso il fatto.

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con denuncia querela presentata alla Procura della Repubblica di Oristano il 15.6.1999, …………….. ha esposto di essere stato fatto oggetto di dichiarazioni diffamatorie ad opera degli odierni imputati, diffuse tramite la rete Internet in un documento dal titolo "Dossier ………..- Una speculazione immobiliare in Sardegna".
Il ……….ha riferito di essere il legale che assiste in un procedimento civile pendente innanzi al Tribunale di Oristano la società "…………..", impegnata nella realizzazione di un insediamento turistico da effettuarsi all'interno di una pineta artificiale che insiste sui territori di Narbolia e San Vero Milis.
Nella querela in esame, il ………..ha esposto che la società da lui rappresentata era stata fatta oggetto da tempo di una campagna diffamatoria da parte dell'odierno imputato …………, il quale, proprio per tale ragione, era stato anche di recente condannato dal Tribunale di Oristano per il reato di diffamazione (come dimostrato dalla sentenza Trib. Or. n. 44/98 allegata alla querela).
Più precisamente, l'avvocato ha riferito che lo stesso ………. e l'altra imputata ………… avevano pubblicato mediante Internet un articolo a loro firma di oltre sessanta pagine dal titolo "Dossier ………- Una speculazione immobiliare in Sardegna", leggibile sino a data successiva al 18.3.1998 nel sito Internet http://www.tripod.com, e prima ancora collocato presso il sito http://www.geocities.com/rainforest, dal quale ultimo era stato rimosso a seguito di una lettera di diffida inviata dallo stesso querelante.
Il ……….ha affermato che già nella copia del "Dossier" pubblicata presso il provider denominato Geocities erano state inserite alcune affermazioni lesive della sua immagine professionale, dettagliatamente citate dal querelante, che di seguito si riportano -tra virgolette e negli esatti termini riferiti dal …………..- insieme ad alcune considerazioni contenute nella stessa querela:
1) <>;
2) <>;
3) <>.
Il querelante ………, facendo presente che l'intero "Dossier ……………" era fruibile gratuitamente da tutti gli utenti di Internet, ha quindi chiesto che la Procura valutasse l'opportunità di procedere penalmente nei confronti degli autori dichiarati del Dossier ……………. e ……………… per il reato di diffamazione aggravata di cui all'art. 595, commi 2° e 3°, c.p..
In relazione a tale querela del ………….., e a quella di pari data e simile contenuto presentata dal legale rappresentante della società ………………………, la Procura della Repubblica presso questo Tribunale, all'esito delle indagini, ha presentato in data 26.4.1999 la richiesta di rinvio a giudizio nei confronti dell'……….. e della ………..
Il rinvio a giudizio è stato richiesto con riferimento a due distinti capi di imputazione aventi rispettivamente ad oggetto il reato commesso nei confronti della società ……………. e quello compiuto in danno del ………….
Entrambi i capi di accusa recano il richiamo agli articoli 110, 595, II e III comma, c.p. e 13, L. 47/48, e, per il solo capo B) relativo alla diffamazione del solo avvocato …… oggetto del presente procedimento, anche all'art. 30 della L. 223/90.
All'udienza preliminare hanno presenziato entrambi gli imputati e vi è stata la costituzione di parte civile per conto del ……..e della stessa società ……...
Il Giudice, sentite le dichiarazioni spontanee degli imputati che hanno anche prodotto alcuni documenti, al termine della discussione ha disposto la separazione dei procedimenti relativi ai due distinti capi di imputazione, rimettendo gli atti al Pubblico Ministero ai sensi dell'art. 33 sexies c.p.p. per il reato di cui al capo A) di diffamazione nei confronti della società ………….., riqualificato giuridicamente come reato punito dall'art. 595, 2° e 3° comma, c.p. e pronunciando sentenza di non luogo a procedere per il reato di cui al capo B) che si esamina in questa sede.
*
Deve preliminarmente procedersi alla riqualificazione giuridica della fattispecie oggetto dell'imputazione, espungendo i riferimenti normativi all'art. 13 della legge 47/48 sulla diffamazione a mezzo stampa e all'art. 30 della legge 223/90 dettata in materia di diffamazione a mezzo di trasmissioni radiofoniche o televisive.
Infatti, deve ritenersi che entrambe le norme considerate non possano essere applicate alla diffamazione commessa attraverso Internet, mezzo di diffusione delle informazioni del tutto peculiare, al quale, vertendo in materia penale, non può essere estesa in via analogica la disciplina dettata per la stampa o la radio o la televisione.
A maggior ragione, una attenta lettura delle norme in esame e delle leggi in cui sono contenute non può che condurre ad escludere del tutto l'applicabilità delle norme citate alla fattispecie oggetto del presente procedimento anche in via di interpretazione estensiva, che, stante l'obiettiva diversità delle fattispecie legalmente tipizzate rispetto a quella in esame, si tradurrebbe, ad avviso di questo Giudice, in un larvato giudizio analogico.
Un chiaro ostacolo all'interpretazione estensiva è costituito proprio dalla definizione di stampato data dallo stesso art. 1 della legge 47/48 sulla stampa (espressamente dichiarato come insuscettibile di interpretazione analogica anche da Cass 7.3.1989, n. 259) che fa riferimento a "tutte le riproduzioni tipografiche o comunque ottenute con mezzi meccanici o fisicochimici".
E' evidente che tale dettagliata definizione è del tutto incompatibile con la modalità di diffusione delle pubblicazioni a mezzo Internet, che avvengono, com'è noto, attraverso la collocazione di dati e informazioni trasmessi per via telematica tramite l'utilizzo della rete telefonica, al server di un cosiddetto provider o webmaster, accessibile a migliaia di utenti contemporaneamente, presso il quale le informazioni restano a disposizione nei diversi siti in modo tale che ciascun interessato può leggerle e conservarle mediante il proprio computer.
E' poi altrettanto evidente che a tale mezzo di diffusione delle notizie non si può riferire nemmeno l'art. 30, comma 4, della legge 223/90, che estende il regime sanzionatorio previsto dall'art. 13 L. 47/48 ai soggetti indicati nel comma 1 dello stesso articolo 30 L 223/90 (concessionari pubblici e privati e loro delegati) per i reati di diffamazione commessi attraverso non meglio definite "trasmissioni" consistenti nell'attribuzione di un fatto determinato.
Invero, a prescindere dal fatto che nel caso di specie non è contestata la responsabilità del concessionario o del webmaster ma degli autori dell'opera dal contenuto diffamatorio, dalla lettura dello stesso articolo 30 e della intera legge in cui questo è collocato è agevole osservare che, comunque, le "trasmissioni" menzionate nel citato articolo sono solo quelle televisive e radiofoniche.
Tali mezzi di diffusione di suoni e immagini, in assenza di una esplicita presa di posizione del legislatore, non possono essere equiparate, per le ragioni esposte, alla diffusione di dati attraverso Internet, che avviene con modalità diverse dalla trasmissione via etere oggetto della regolamentazione operata dalla legge 223/90, emanata in un periodo storico in cui la stessa creazione della rete di comunicazione Internet non era nemmeno ipotizzabile dal legislatore.
D'altra parte, in presenza di una previsione normativa quale quella di cui all'art. 595, comma 3°, c.p. concernente l'offesa arrecata " con qualsiasi altro mezzo di pubblicità" che si attaglia alla perfezione ai contenuti diffamatori diffusi attraverso Internet, non si vede nemmeno quale sia la necessità di effettuare una forzatura interpretativa per ricondurre il caso in esame nell'alveo della disciplina sanzionatoria delle leggi 47/48 o 223/90.
In proposito, vale la pena di ricordare anche la posizione a suo tempo espressa dalla Corte Costituzionale con le sentenze 42/77 e 168/82, che, sottolineando il divieto di estendere analogicamente la disciplina prevista dalla legge speciale sulla stampa ad altre diverse fattispecie di reato, ha ritenuto che non fosse censurabile la scelta del legislatore di punire più gravemente i reati di diffamazione commessi con il mezzo della stampa rispetto a quelli commessi con la radiotelevisione, puniti in base alla previsione del comma 3° dell'art. 595 c.p. in quanto commessi con "altri mezzi di pubblicità".
Alla luce di tali osservazioni, deve quindi procedersi alla riqualificazione giuridica della condotta criminosa in esame, da ricondurre pienamente nell'alveo della fattispecie prevista e punita dagli articoli 110 e 595, commi II e III, del codice penale,
*
In conseguenza della riqualificazione giuridica del fatto attribuito agli imputati, deve rilevarsi che la fattispecie in esame rientra tra quelle per le quali l'art. 550 c.p.p. prevede la citazione diretta a giudizio.
Non appare peraltro necessario procedere a norma dell'art. 33 sexies c.p.p., in quanto sussistono gli estremi per la pronuncia di una sentenza di non luogo a procedere perché il fatto non sussiste, la cui pronuncia è imposta dall'art. 129 c.p.p. in ogni stato e grado del procedimento.
*
Deve invero rilevarsi che nel corpo del "Dossier …………" pubblicato su Internet, il cui testo integrale è stato stampato anche dalla Polizia Giudiziaria ed è inserito in più copie agli atti del fascicolo, non si possono rilevare contenuti diffamatori nei confronti dell'odierno querelante ……………..
Infatti, in nessuna delle parti del "Dossier" citate in querela, né tantomeno in altre parti dell'intero articolo, può ritenersi che la persona offesa dalle dichiarazioni diffamatorie sia proprio l'avvocato ……….
Quanto alle presunte affermazioni offensive della reputazione del ……riportate più sopra al punto 1) dell'esposizione del contenuto della querela e citate nell'imputazione, è agevole osservare che, a prescindere da ogni valutazione sul contenuto realmente diffamatorio della frasi riportate, le stesse non possono comunque dirsi riferite al ……………
Se si legge infatti il contenuto dell'articolo citato (cfr. p.108 degli atti del fascicolo) si rileva immediatamente che il "sedicente avvocato" di cui parla il Dossier nel capitolo intitolato "L'immobiliare vuole la chiusura di questo sito (…)" non è l'avvocato ………… ma un altro legale, e precisamente l'avvocato ……….., che, come si rileva dalla carta intestata agli atti, è il collega di studio del querelante.
Infatti è l'avvocato ……….., che peraltro non ha proposto querela, che viene espressamente nominato nell'articolo in questione all'interno della frase incriminata (<<(…)un sedicente avvocato, …………., a nome dell'immobiliare (…)>>), inspiegabilmente stravolta nel testo dell'esposto del …….. dove, al posto del corretto nominativo "………..", si riporta l'incomprensibile vocabolo "……..", probabilmente frutto di un errore materiale di battitura.
Non può condividersi la prospettazione del querelante nemmeno per ciò che riguarda le frasi riportate al superiore punto 3) dell'esposizione del contenuto della querela, nella quale si afferma che, in ogni caso, le frasi offensive rivolte al legale della ………… nel testo del "Dossier" sono chiaramente riferibili al …….., nominato quale autore della citazione a giudizio da cui deriva la causa civile pendente al Tribunale di Oristano.
Infatti, nel corpo dell'intero "Dossier ………." l'avvocato ……. è citato una sola volta e non è agevolmente collegabile al menzionato "sedicente avvocato" di cui si è detto più sopra.
Il nome del ……. viene infatti riportato in tutt'altro capitolo del "Dossier" rispetto a quello contenente la frasi percepite come diffamatorie contenute alle pagine 108 e 109 del documento.
Precisamente il nome del ……. viene menzionato solo alla p. 80 degli atti, nell'ambito del capitolo "Il dibattito e le intimidazioni", che, tra l'altro, non sembra avere alcun link (collegamento immediato con altro documento Internet) con il capitolo recante le frasi offensive, ed è collocato in un contesto assolutamente non diffamatorio, in cui il legale è citato solo come autore della citazione a giudizio di cui si dà notizia nell'articolo, unitamente ad un altro esponente del Foro locale, avvocato …………….., che non ha presentato alcuna querela.
Quanto poi alle frasi asseritamente diffamatorie di cui al punto 2) sopra riportato (cfr. p. 109 degli atti in cui si legge che <<(…) la società ………….. non ha mai presentato alcuna denuncia penale contro di noi, ma si è limitata, a scopo intimidatorio, a citarci civilmente per un ridicolo risarcimento danni (degno del peggiore avvocato di provincia), nella speranza di tapparci la bocca>>), si deve ancora una volta osservare che la persona offesa della potenziale diffamazione non è il querelante avvocato ma la stessa società……………., soggetto grammaticale della frase in esame, e attrice nella causa di risarcimento a cui si riferisce l'articolo.
E' quindi evidente che il reato di diffamazione ascritto ai due imputati ……..e ……. non sussiste nei termini e modi indicati nell'imputazione, non essendo rilevabili contenuti diffamatori in danno della querelante persona offesa …….
Di conseguenza, deve pronunciarsi sentenza di non luogo a procedere nei loro confronti con coerente formula di rito.
In virtù di tale conclusione, si rende superfluo l'esame delle ulteriori difese poste in essere dagli imputati, che hanno eccepito la tardività della querela presentata e hanno negato la paternità dell'opera da parte della …………. per quanto riguarda i capitoli recanti i contenuti ritenuti diffamatori.

P.Q.M.

ritenuto di dover procedere alla riqualificazione giuridica del fatto di cui all'imputazione, che, essendo esclusa l'applicabilità in via analogica degli articoli 1 e 13 L. 47/48, deve inquadrarsi come reato p. e p. dall'art. 595, 2° e 3° comma, c.p., visto l'art. 129 c.p.p. che impone l'obbligo di immediata declaratoria delle cause di non punibilità, dichiara non luogo a procedere nei confronti di ……………… e ……………in ordine al reato ascritto perché il fatto non sussiste.

Oristano, 25 maggio 2000.

IL GIUDICE
Dott. Elisabetta TUVERI

Depositato in Cancelleria il 6.6.2000

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy