Diritto in rete

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Gli editori si mobilitano contro il ddl sulle intercettazioni
    Promossa anche la “Piccola Biblioteca della libertà”

    Gli editori si mobilitano contro il ddl sulle intercettazioni

    Una raccolta firme per protestare contro la legge-bavaglio è stata promossa al Salone del Libro di Torino da Laterza, Minimum Fax, Feltrinelli e da centinaia di piccole e medie case editrici.
    3 luglio 2010 - Giancarlo Briguglia
  • Non si finisce mai …
    Gentiloni: a fine mese un tavolo anti-pirateria.

    Non si finisce mai …

    A margine del convegno “World going digital” tenutosi alla Festa del Cinema di Roma, il Ministro per le Comunicazioni annuncia un prossimo incontro tra governo e industria dei contenuti. Cosa c’è da aspettarsi ancora?
    26 ottobre 2007 - Loris D'Emilio
  • Chi dorme non piglia ... blog
    Oggi il DDL per la riforma dell'editoria in discussione alla Commissione Cultura

    Chi dorme non piglia ... blog

    Il sottosegretario Levi commenta sulle preoccupazioni dei bloggers: «Possono stare non tra due ma tra dieci guanciali». L'On. Folena, Presidente della Commissione: «I bloggers rimangano mobilitati: facciano pressione». Beatrice Magnolfi, sottosegretario al Ministero per le Riforme e le Innovazioni nella Pubblica amministrazione: «Il ddl sull'editoria non è sufficientemente chiaro nella definizione di prodotto editoriale».
    26 ottobre 2007 - Loris D'Emilio
  • Internet è editoria? Prima di legiferare che sia dimostrato...
    Occhio a non cadere nella rete

    Internet è editoria? Prima di legiferare che sia dimostrato...

    22 ottobre 2007 - Nadia Redoglia

Tariffe postali: Decreto legge su tariffe agevolate per il non profit

Nuovo sistema di agevolazione per le tariffe postali dei prodotti editoriali. E' quanto ha deliberato il Consiglio dei Ministri nella seduta di venerdì 19 dicembre. Il testo
Redazione (redazione@vita.it)
Fonte: www.vita.it - 29 dicembre 2003

Un nuovo sistema di agevolazione per le tariffe postali dei prodotti editoriali. E' quanto ha deliberato il Consiglio dei Ministri nella seduta di venerdì 19 dicembre, con l'adozione di un decreto-legge che riprende alcune norme già contenute in un disegno di legge all'esame della Camera. In particolare viene superato l'attuale regime transitorio, che prevede un meccanismo di contributi diretti ad alcune categorie di imprese indicate dalla legge finanziaria 1999, tra l'altro mai divenuto operativo. A partire dal 1° gennaio 2004 viene introdotta una nuova disciplina, volta a ripristinare, in via definitiva, il sistema delle tariffe postali agevolate per le spedizioni di prodotti postali editoriali. Possono accedere alle tariffe agevolate le imprese editrici di quotidiani e periodici iscritte al Registro degli operatori di comunicazione (ROC), gli Ordini professionali, le imprese editrici di libri nonché le associazioni ed organizzazioni senza fini i lucro e i giornali i partito. Vengono inoltre stabiliti i prodotti editoriali esclusi dalle agevolazioni. Sarà il Dipartimento per l'informazione e l'editoria della Presidenza del Consiglio che provvederà al rimborso in favore delle poste Italiane della somma corrispondente all'ammontare delle riduzioni applicate. Il decreto legge dovrebbe essere pubblicato in gazzetta ufficiale vero la fine del mese di dicembre per poi iniziare l'esame da parte del Parlamento, che lo dovrà convertire in legge entro sessanta giorni .

Il testo del decreto
Disposizioni urgenti in materia di tariffe postali agevolate per i prodotti editoriali Cdm 19.12.2003

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

VISTI gli articoli 77 e 87 della Costituzione;

VISTO l'articolo 2, comma 20, della legge 23 dicembre 1996, n. 662;

VISTO l'articolo 41, commi 1, 2, 3, 4 e 5, della 23 dicembre 1998, n. 448;

VISTO l'articolo 13-quinquies della legge 27 dicembre 2002, n. 284, di conversione, con modificazioni, del decreto-legge 25 ottobre 2002, n. 236, che differisce al 31 dicembre 2003 l'entrata in vigore del sistema di contribuzione diretta alle imprese, di cui al citato articolo 41 della legge 23 dicembre 1998, n. 448, in sostituzione di quello delle riduzioni tariffarie direttamente applicate;

RITENUTA la straordinaria necessità ed urgenza di riordinare la materia delle agevolazioni tariffarie postali, in considerazione della situazione di incertezza del mercato determinata dal succedersi delle norme sopraindicate e della situazione di crisi in cui si è venuto a trovare il canale della distribuzione postale dei prodotti editoriali;

VISTA la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del ;

SULLA proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri, di concerto con il Ministro delle Comunicazioni e con il Ministro dell'Economia e delle Finanze;

EMANA il seguente decreto-legge:

ART. 1. (Agevolazioni tariffarie postali per le spedizioni di prodotti editoriali)

A decorrere dal 1° gennaio 2004, le imprese editrici di quotidiani e periodici iscritte al Registro degli operatori di comunicazione (ROC) e le imprese editrici di libri possono usufruire di tariffe agevolate postali per la spedizione di prodotti editoriali. Le tariffe agevolate sono determinate con decreto del Ministro delle comunicazioni, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze, sentita la Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Accedono altresì alle tariffe agevolate le associazioni ed organizzazioni senza fini di lucro, le associazioni le cui pubblicazioni periodiche abbiano avuto riconosciuto il carattere politico dai gruppi parlamentari di riferimento nonché, relativamente ai bollettini dei propri organi direttivi, gli ordini professionali, i sindacati, le associazioni professionali di categoria e le associazioni d'arma e combattentistiche.

Ai fini dell'applicazione del presente decreto per associazioni ed organizzazioni senza fini di lucro si intendono quelle di cui all'articolo 10 del decreto legislativo 4 dicembre 1997, n. 460, e successive modificazioni, le organizzazioni di volontariato di cui alla legge 11 agosto 1991, n. 266, e successive modificazioni, le organizzazioni non governative riconosciute ai sensi dell'articolo 28 della legge 26 febbraio 1987, n. 49, le associazioni di promozione sociale di cui alla legge 7 dicembre 2000, n. 383, le fondazioni ed associazioni senza fini di lucro aventi scopi religiosi nonché gli enti ecclesiastici.

ART. 2. (Prodotti editoriali esclusi dalle agevolazioni)

Sono esclusi dalle tariffe agevolate di cui all'articolo 1:

a) i quotidiani e i periodici che contengono inserzioni pubblicitarie per un'area superiore al 45 per cento dell'intero stampato, su base annua;

b) i periodici per i quali i relativi abbonamenti siano stati stipulati, a titolo oneroso, direttamente dai destinatari, per una percentuale inferiore al 50 per cento del totale degli abbonamenti;

c) i quotidiani ed i periodici di pubblicità, vale a dire diretti a pubblicizzare prodotti o servizi contraddistinti con il nome o altro elemento distintivo e diretti prevalentemente ad incentivarne l'acquisto;

d) i quotidiani e i periodici di promozione delle vendite di beni o servizi;

e) i quotidiani e i periodici di vendita per corrispondenza;

f) i cataloghi, vale a dire le pubblicazioni contenenti elencazioni di prodotti o servizi, anche se corredate da indicazioni sulle caratteristiche dei medesimi;

g) i quotidiani e i periodici non posti in vendita, vale a dire non distribuiti con un prezzo effettivo per copia o per abbonamento, ad eccezione di quelli informativi delle fondazioni ed associazioni senza fini di lucro e degli altri soggetti indicati nel comma 2 dell'articolo 1 o comunque riconducibili agli stessi, ancorché editi da imprese costituite in forma societaria ed iscritte al ROC;

h) le pubblicazioni aventi carattere postulatorio, vale a dire finalizzate all'acquisizione di contributi, offerte, ovvero elargizioni di somme di denaro, ad eccezione di quelle utilizzate dalle organizzazioni senza fini di lucro e dalle fondazioni religiose esclusivamente per le proprie finalità di autofinanziamento;

i) quotidiani e i periodici delle pubbliche amministrazioni e degli enti pubblici nonché di altri organismi, ivi comprese le società riconducibili allo Stato ovvero ad altri enti territoriali o che svolgano una pubblica funzione;

l) i quotidiani e i periodici contenenti supporti integrativi o altri beni diversi da quelli definiti nell'articolo 74, primo comma, lettera c), del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, e successive modificazioni, ai fini dell'ammissione al regime speciale previsto dallo stesso articolo 74 del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, e successive modificazioni;

m) i prodotti editoriali pornografici.

ART. 3. (Modalità di corresponsione dei rimborsi)

1. Il Dipartimento per l'informazione e l'editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri provvede al rimborso in favore della società Poste Italiane S.p.A. della somma corrispondente all'ammontare delle riduzioni complessivamente applicate, nei limiti dei fondi stanziati sugli appositi capitoli del bilancio autonomo della Presidenza del Consiglio dei Ministri. I rimborsi sono effettuati sulla base di una dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà, rilasciata dalla società Poste Italiane S.p.A., attestante l'avvenuta puntuale applicazione delle riduzioni effettuate sulla base del presente decreto e corredata da un dettagliato elenco delle riduzioni applicate a favore di ogni soggetto avente titolo.

ART. 4. (Abrogazioni)

1. Sono abrogati, in particolare:

a) l'articolo 2, comma 20, della legge 23 dicembre 1996, n. 662;

b) l'articolo 41, comma 1, 2, 3, 4 e 5, della legge 23 dicembre 1998, n. 448;

c) l'articolo 27, comma 7, della legge 23 dicembre 1999, n. 488;

d) l'articolo 13-quinquies del decreto-legge 25 ottobre 2002, n. 236, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 dicembre 2002, n. 284.


Note:

Pubblicato su http://www.vita.it/articolo/index.php3?NEWSID=38528

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy