Diritto in rete

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Ho pagato una bustarella
    Cina: la corruzione si combatte sul web.

    Ho pagato una bustarella

    Sull'esempio del sito web indiano "I-paid-a-bribe", anche i blog cinesi sono all’opera per smascherare la corruzione, nonostante i rischi di oscuramento.
    30 agosto 2011 - Redazione China Daily
  • Countdown Internet Italia?

    Countdown Internet Italia?

    Da domani 6 luglio l'Agcom potrà oscurare siti internet accusati di violare il diritto d'autore.
    5 luglio 2011 - Loris D'Emilio
  • Vittoria: ora PeaceLink non è più "bloccata" da Symantec
    Stavano andando in tilt le nostre mailing list

    Vittoria: ora PeaceLink non è più "bloccata" da Symantec

    Dopo le nostre proteste e segnalazioni finalmente Symantec (la software house del famoso antivirus Norton) ha rimosso PeaceLink dal suo "elenco nero" dei
    siti internet considerati "sospetti generatori di spam".
    2 marzo 2011 - Associazione PeaceLink
  • Ammar404: in Tunisia la censura si chiama così
    Internet, censura e dittatura

    Ammar404: in Tunisia la censura si chiama così

    Alla vigilia della sua partenza precipitosa, il vecchio presidente tunisino Ben Ali aveva accettato di sospendere la censura del web in Tunisia. Da quel momento uno dei blogger arrestati durante le sommosse è stato nominato segretario di stato del nuovo governo. Ma Ammar404, lo pseudonimo per la censura tunisina, ha attraversato il Mediterraneo. E' ciò che constata Karim Guellaty, un tunisino che era stato la fonte d'informazione più debole su Twitter la sera della partenza di Ben Ali, e che pubblica il testo seguente, sotto licenza libera. Ce lo ha trasmesso Paul Da Silva, il presidente del Partito Pirata francese. Lo pubblichiamo tale quale.
    27 gennaio 2011 - Karim Guellaty

Censura: oscurato "accadeinsicilia.net"

12 dicembre 2004 - Francesco Cicerone

Il sito d'informazione indipendente www.accadeinsicilia.net è stato oscurato. Duemila documenti "svaniti" nel nulla. Divisi fra letteratura civile, documentazione storica, inchieste sulla mafia, testimonianze, cronache, reportages. Quello che si paventava è, probabilmente, successo. Il sito, d’informazione e d’inchiesta giornalistica, è stato oscurato lo scorso 7 dicembre, con provvedimento del tribunale di Ragusa emesso dal giudice Vincenzo Saito. Molti di voi, forse, non lo conoscevano neppure. Tuttavia è stato, e rimane, un importante mezzo d’informazione, libero e indipendente.Fino a cinque giorni addietro.

Appena una settimana fa, il giornalista e scrittore [1] siciliano, Carlo Ruta (che gestiva il sito) aveva coraggiosamente lanciato il suo appello: ”I poteri forti del sud-est vogliono oscurare il sito www.accadeinsicilia.net” . Ed in effetti, dopo neppure due giorni da quello che appariva più come un proclama, duemila documenti, divisi fra letteratura civile, documentazione storica, inchieste, testimonianze, cronache, reportages, dopo ben tre anni di lavoro, sono come spariti nel nulla.

“In questi anni - ha affermato Ruta, prima dell’oscuramento - si è cercato di fare informazione a tutto campo: da Portella della Ginestra agli intrighi della finanza nazionale. Adesso vanno aprendosi falle di conoscenza importanti sul sud-est (Sicilia). In particolare, diverse persone stanno cominciando a testimoniare a viso aperto, con determinazione e a loro rischio, sui bubboni più o meno nascosti che da decenni corrodono la città di Ragusa".

"Adesso viene addirittura chiesto a un magistrato del tribunale di Ragusa l'oscuramento di questo spazio informativo. In spregio comunque alla Costituzione della Repubblica, che garantisce il diritto di cronaca, la liceità della critica civile, la libertà d'informazione.”

Sul sito erano in corso, dai primi di ottobre, inchieste che riguardavano: la Banca Agricola Popolare di Ragusa; la condotta di alcuni magistrati della Procura della Repubblica presso il tribunale di Ragusa; l'assassinio del giornalista de L'Ora Giovanni Spampinato [2]. Era in corso inoltre un'inchiesta su alcune voci di spicco della finanza italiana.

La richiesta del provvedimento "di urgenza" era partita da Carmelo Di Paola, quale legale di discusse imprese operanti sull'intero territorio nazionale e presidente dei probiviri della banca popolare anzidetta. Va sottolineato che l'avvocato Di Paola, sulla scorta di varie testimonianze, era stato interessato direttamente dall'inchiesta sulla BAPR e da quella riguardante un affare miliardario della Provincia Regionale.

Va annotato inoltre che l'oscuramento del sito, perché potesse avvenire con la massima urgenza, è stato imposto in sede civile e a titolo preventivo. Carlo Ruta, non si coraggia e, dopo un primo momento di concitazione, ha deciso “di andare comunque avanti. In tutti i modi possibili”. In attesa di conoscere le motivazioni dell’ordinanza di sequestro, non bisogna però, ancora una volta, dimenticare. Che in Sicilia troppe volte si è cercato di infangare, zittire, isolare le voci fuori dal coro: libere, scomode ed audaci.

Creando ogni genere di difficoltà per poi, in casi non proprio remoti, uccidere: Beppe Alfano, Giuseppe “Pippo” Fava, Mario Francese, Giovanni Spampinato, solo per ricordarne alcuni.

Ecco perché è bene ricordare, conoscere e far conoscere.

Francesco Cicerone

Note:

[1] Carlo Ruta ultimamente ha scritto:” Segreti di banca. L'Antonveneta dai "miracoli" del nord-est agli intrighi siciliani (pagg. 96 - Euro 4,5). Edizioni Le Pietre.
[2] Carlo Ruta, in occasione del trentesimo anniversario della morte, ha scritto un interessante articolo su Giovanni Spampinato. Il cronista del quotidiano "L'Ora" venne ucciso a Ragusa il 27 ottobre del 1972. Aveva appena condotto un'inchiesta sui rapporti tra mafia e gruppi eversivi neofascisti. L'esecutore del delitto fu individuato e condannato anche se, dopo oltre 30 anni, della vicenda molti restano i lati oscuri.

www.accadeinsicilia.net è ancora consultabile dalla cache di google:
basta digitare il nome del dominio su google e digitare - sulla prima voce che spunta - copia cache

Per testimoniare la propria solidarietà:
accadeinsicilia@tiscali.it
carlo.ruta@tin.it

redazione@reporterassociati.org

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy