Ecodidattica

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Dopo il referendum

    La necessità di una citizen science

    E' venuta meno la capacità di prendere decisioni dopo essersi informati. La sconfitta di questa consultazione referendaria si riproporrà ogni volta che i cittadini saranno chiamati a comprendere questioni complesse, a documentarsi e a scegliere senza delegare.
    18 aprile 2016 - Alessandro Marescotti
  • Riflessioni dopo il voto del 17 aprile

    Gli indifferenti

    18 aprile 2016 - Alessandro Marescotti
  • In inglese "hedonic pricing method"

    Il metodo dei prezzi edonici

    Il consumatore non dispone ancora di informazioni dettagliate su ciò che compra. Tuttavia, man mano che si diffonderanno tecnologie “smart” di rilevazione dell'inquinamento, vi saranno profonde ripercussioni sul mercato immobiliare.
    24 febbraio 2016 - Alessandro Marescotti
  • IPA, idrocarburi policiclici aromatici

    Taranto, picchi di aria cancerogena

    Salta la visita degli europarlamentari all'Ilva di Taranto
    3 novembre 2015 - Associazione PeaceLink

Citizen science

22 ottobre 2016

Il termine citizen science (letteralmente, "scienza dei cittadini" in inglese) indica quel complesso di attività collegati ad una ricerca scientifica a cui partecipano semplici cittadini.

Fonte: Wikipedia

 

Formalmente, la citizen science è stata definita come "sistematica raccolta e analisi di dati; sviluppo di tecnologia; verifica di fenomeni naturali; e la distribuzione di queste attività da parte dei ricercatori su una base costituita principalmente da non professionisti".

Fonte: Openscientist.org

 

La Green Paper sulla citizen science è un report in inglese molto ampio che definisce i termini di questo nuovo concetto di "scienza partecipata", che è un anello di collegamento fra l'educazione ambientale e la cittadinanza attiva.

 

Scrive a questo proposito Pietro Greco: "Nella società del rischio, è ormai riconosciuto a livello di leggi e regolamenti internazionali, quello di «sapere tutto su tutto» è un diritto emergente e inalienabile. Eppure questa cultura della trasparenza che trasforma noi tutti da sudditi in cittadini della società della conoscenza, manca ancora, in maniera clamorosa, in molte, in troppe strutture pubbliche: a livello nazionale, regionale e locale. Domina ancora la cultura paternalistica dell’ermetismo: i cittadini non sono culturalmente attrezzati per sapere tutto. Meglio che non disturbino il manovratore".

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies