Ecodidattica

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Una strategia essenziale per il progetto di Ecodidattica

Empowerment

La scuola e l'educazione possono favorire l'acquisizione di competenze sociali e personali in modo da trasformare la cultura in uno strumento operativo ed efficace per il cambiamento sociale, la partecipazione democratica e la cittadinanza attiva
18 marzo 2017 - Alessandro Marescotti

Empowerment

Barbara De Canale definisce l'empowerment come "la capacità di comprendere la realtà circostante e di esercitare un controllo sugli eventi, l’assunzione di un ruolo attivo, consapevole e responsabile in rapporto ai processi decisionali, l’elaborazione di strategie ai fini del perseguimento degli obiettivi".

Per approfondimenti clicca qui.

L'empowerment è una strategia finalizzata ad acquisire competenze sociali e personali in modo da trasformare la cultura in uno strumento operativo ed efficace per il cambiamento sociale, la partecipazione democratica e la cittadinanza attiva. E' pertanto una strategia essenziale per il progetto di Ecodidattica.

E' stato pubblicato il libro "Empowerment a scuola" di Anna Putton basato su alcune ricerche condotte presso l’Università degli Studi di Roma. L'idea di fondo è che nella scuola dell'empowerment chi lavora prova piacere a farlo. L'empowerment diventa un percorso che permette di acquisire responsabilità, attuare delle scelte, raggiungere gli obiettivi.

Il libro "Empowerment. Verso il potere di tutti" di John Friedmann (Edizioni Qualevita) è un esempio di come considerare l'empowerment una pratica di emancipazione sociale.

Per altri approfondimenti clicca qui.

Il concetto di empowerment si collega molto bene al concetto di omnicrazia di Aldo Capitini e alla visione educativa di Danilo Dolci che considerava prioritaria non la conquista del potere ma la pratica di dare alla persone il potere di comprendere e di cambiare dal basso.

 


PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies