Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

  • Polmoni d'acciaio, Taranto e il Brasile

    Un'analisi della situazione brasiliana e tarantina, dei loro punti in comune e della lotta che portano avanti.
    Una testimonianza di Beatrice Ruscio, attivista di PeaceLink e presente in rappresentanza dell’associazione alla prima tavola rotonda internazionale dal titolo “Le vittime della minerazione nel mondo: resoconti degli impatti e esperienze di resistenza” con la collaborazione di Antonio Caso, attivista di PeaceLink.
    12 luglio 2014
  • Libri sul caso Ilva di Taranto
    Su A-Rivista Anarchica n. 397 Aprile 2015, recensione di Virginio Bettini

    Libri sul caso Ilva di Taranto

    Con una nota di Antonia Battaglia
    26 marzo 2015 - Laura Tussi
  • PeaceLink nel Parco Nazionale del Pollino
    Tappa del Green Tour

    PeaceLink nel Parco Nazionale del Pollino

    Controllo della qualità dell'aria a Latronico (PZ) il 21 marzo 2011. Vogliamo lanciare l'idea di una rete dei comuni Zero IPA.
    20 marzo 2015 - Alessandro Marescotti
  • Gaia - Libri per l'Ambiente contro la guerra
    GAIA - Rivista dell'Ecoistituto del Veneto "Alex Langer": Recensioni ai Libri Abbasso la guerra e Ilva Venditori di fumo

    Gaia - Libri per l'Ambiente contro la guerra

    14 marzo 2015 - Laura Tussi

Verbale della Conferenza dei servizi del 17 luglio 2014 su Tempa rossa, Cementir, Italcave SpA e Taranto energia srl

Ancora una volta il Comune di Taranto è stato assente ad un evento in cui si decideva qualcosa di importante, ancora una volta il Ministero della Salute non è intervenuto, ancora una volta la tutela della salute non è stata la priorità.
20 agosto 2014
Fonte: Ministero dell'ambiente - 20 agosto 2014

La Conferenza dei servizi decisoria di metà luglio ha dato il via libera agli sbancamenti di Tempa rossa ma in assenza di rappresentati del Comune di Taranto e senza che venisse inviato un documento tecnico di alto profilo.  Il Comune inoltre non ha  nformato il consiglio comunale e la cittadinanza di questo importantissimo avvenimento. Anche per l'AIA 2010 il Comune di Taranto fu assente.

Inoltre nella stessa sede si è dato il via libera alla caratterizzazione dei terreni dell'Italcave, la più grande discarica del Meridione, al progetto di bonifica relativo ai terreni insaturi di Taranto energia ed infine alla caratterizzazione della banchina in concessione alla Cementir.

In sostanza si è dato il via libera a operazioni importanti dal punto di vista economico e ad alto impatto ambientale in un territorio che solo pochi mesi fa ha avuto conferma della gravità della situazione sanitaria grazie all'aggiornamento dello studio S.E.N.T.I.E.R.I. 

Devo segnalare che non solo il primo cittadino di Taranto non ha ritenuto di esser presente o di mandare qualcuno unitamente ad un documento tecnico di alto profilo, ma che neanche il Ministero della salute ha mandato un rappresentante. Appare grave la scelta del Comune visto che è ancora in vigore il principio di sussidiarietà di cui all'art. 118 della costituzione. 

"Esso implica che le decisioni devono essere prese al livello che sia il più possibile vicino ai cittadini. In tale prospettiva bisogna considerare se una determinata misura pubblica sia veramente giustificata in relazione alle possibilità d’azione nazionale, regionale o locale.

Esso comporta che in generale le funzioni amministrative devono essere assegnate ai Comuni, essendo questo il livello più vicino ai cittadini."

Inoltre l'assenza del Ministero della salute a questa conferenza decisoria e in altri momenti decisivi testimonia che in Italia la questione ambientale, specialmente quella autorizzatoria, rimane spesso sconnessa da ogni valutazione sanitaria pur quando prevista dalla legge.

Credo, al contrario, che sia arrivato il momento di tirare le conclusioni sulla base dei dati scientifici e di fermare gli impianti inquinanti, negare le autorizzazioni ad ampliamenti e progetti come Tempa rossa ed introdurre un nuovo modello di sviluppo a Taranto facendola diventare la capofila dei Comuni italiani riconveriti ad un'economia moderna e ecologicamente sostenibile.

Note:

Taranto deve allearsi con gli attivisti della Basilicata per vincere
PeaceLink aderisce al movimento Stop Tempa Rossa che si è creato per scongiurare ulteriori rischi di inquinamento dovuto all'estrazione degli idrocarburi e al trasporto tramite petroliere. A rischio non c'è solo il mare ma anche l'acqua che beviamo
http://www.peacelink.it/ecologia/a/40314.html

Abbiamo dati sufficienti per chiedere il fermo degli impianti! Chiediamo soluzioni immediate!
http://www.peacelink.it/ecologia/a/40465.html

Il principio di sussidiarietà è codificato anche dall’art. 118 della Costituzione italiana.
http://www.giustizia-amministrativa.it/documentazione/studi_contributi/Morganti29112010.htm

Duro scontro politico
http://cosmopolismedia.it/categoria/8-politica/6862-la-vampa-d-agosto.html

Italcave sull'Espresso
http://espresso.repubblica.it/attualita/cronaca/2013/07/08/news/rifiuti-la-grande-mangiatoia-1.56432

Allegati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy