Editoriale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Gli articoli di PeaceLink

  • Allerta IPA
    Taranto, citizen science

    Allerta IPA

    PeaceLink chiede i "Wind Days per i cittadini"
    4 dicembre 2015 - Alessandro Marescotti
  • Oltre i mondiali di calcio. Brasile: tempo di vittoria e di sconfitta
    Le segherie che stanno tagliando gli alberi dell'Amazzonia

    Oltre i mondiali di calcio. Brasile: tempo di vittoria e di sconfitta

    Buriticupu è una di queste cittá-ponte tra la foresta e la commercializzazione del legname. I saccheggiatori devono vedersela con le comunitá indigene che vivono della foresta. Ma chi denuncia questo traffico clandestino corre rischio di vita. Amici nostri hanno dovuto fuggire da questa regione perché si sono esposti troppo individualmente. Chissá se un giorno l’attenzione internazionale seguirá con altrettanto agonismo queste sfide… e qualcuno in piú verrá a rafforzare la nostra squadra missionaria: c’è in gioco la vita del Pianeta!
    7 luglio 2014 - Dario Bossi
  • Lettera aperta al Ministro degli Esteri Giulio Terzi sull'atten​tato al giornalist​a dell'ANSA Claudio Accogli

    21 giugno 2012 - Associazione PeaceLink
  • Oggi i miei studenti hanno detto cose terribili
    Lettera aperta a Flavio Lotti, coordinatore nazionale della Tavola della Pace

    Oggi i miei studenti hanno detto cose terribili

    L'epilogo vergognoso di questa vergognosa guerra richiede a mio parere una netta condanna della Tavola della Pace. A che e' servito marciare da Perugia ad Assisi per ricordare Capitini se poi i ragazzi vedono torturare Gheddafi senza alcuna immediata presa di distanza di Napolitano e della stessa Tavola della Pace? Lo tsunami della "guerra giusta" oggi ha annichilito decenni di impegno di educazione alla pace e non possiamo continuare a fare finta di nulla.
    25 ottobre 2011 - Alessandro Marescotti
  • Padre Kizito nuovamente sotto attacco
    Accuse infondate a sfondo sessuale per appropriarsi dei beni della comunità

    Padre Kizito nuovamente sotto attacco

    PeaceLink esprime a padre Renato Kizito Sesana la propria solidarietà. Contro di lui si è avviata una campagna indegna e infondata. Come se non bastasse, domenica 29 maggio è stato sferrato un attacco armato contro la sua comunità a Nairobi, a dimostrazione di quanto la situazione stia davvero diventando pericolosa per lui.
    31 maggio 2011 - Associazione PeaceLink
Il 26 giugno 1967 moriva il priore di Barbiana

A cinquanta anni dalla morte di don Lorenzo Milani

Ricordo una infuocata discussione nella mia sezione del PCI: occorreva disobbedire ad un ordine militare contrario alla propria coscienza? Mi vennero alla mente le parole di don Milani, la sua lettera ai giudici.
23 giugno 2017 - Alessandro Marescotti

Don Lorenzo Milani mi colpì subito. Don Milani e i suoi ragazzi

Era il dicembre del 1980.

Da lì a poco sarei partito per il militare. Sarei andato a fare l'ufficiale di complemento, il mondo ripiombava nella guerra fredda e dentro di me covavo l'idea di disobbedire: come ufficiale avrei disobbedito ad una guerra nucleare.

Avevo letto don Milani e Brecht, entrambi mi suggerivano l'idea di una disobbedienza in nome della pace. Non lo dicevo a nessuno, ma al momento giusto avrei disobbedito.

Don Milani lavorava nella mia coscienza, come maestro positivo.

Mi colpì soprattutto la sua lettera ai giudici con cui rivisitava cento anni di storia italiana, dal punto di vista della pace.


Don Lorenzo Milani, parroco di Barbiana, era sotto processo per aver sostenuto a metà degli anni Sessanta che fosse legittimo disobbedire ad una guerra contraria alla Costituzione. Aveva scritto una lettera a quei cappellani militari che avevano attaccato gli obiettori di coscienza. Ricevette una denuncia e fu processato.
Scrisse una lettera ai giudici perché era molto malato e non poteva andare in tribunale.
"Spero di tutto cuore - scrisse ai giudici - che mi assolverete, non mi diverte l'idea di andare a fare l'eroe in prigione, ma non posso fare a meno di dichiararvi esplicitamente che seguiterò a insegnare ai miei ragazzi quel che ho insegnato fino a ora. Cioè che se un ufficiale darà loro ordini da paranoico hanno solo il dovere di legarlo ben stretto e portarlo in una casa di cura.Spero che in tutto il mondo i miei colleghi preti e maestri d'ogni religione e d'ogni scuola insegneranno come me".
Sentivo mie quelle parole.


Don Lorenzo Milani concludeva così: "Poi forse qualche generale troverà ugualmente il meschino che obbedisce e così non riusciremo a salvare l'umanità. Non è un motivo per non fare fino in fondo il nostro dovere di maestri. Se non potremo salvare l'umanità ci salveremo almeno l'anima".

Don Milani scrisse che occorre "avere il coraggio di dire ai giovaní che essi sono tutti sovrani, per cui l'obbedienza non è ormai più una virtù, ma la più subdola delle tentazioni, che non credano di potersene far scudo né davanti agli uomini né davanti a Dio, che bisogna che si sentano ognuno l'unico responsabile di tutto".

Quelle parole mi segnarono per sempre: bisogna sentirsi responsabili in prima persona di tutto quello che avviene.

E ho applicato quel senso di responsabilità in tutti i campi dela mia vita quotidiana, a partire dalla difesa dell'ambiente.

Mi sarei sentito anche io responsabile del disastro ambientale se non avessi agito in prima persona. E' stato don Milani che mi ha spindo ad una presa di responsabilità totale, senza vie di fuga.

Nel campo politico ricordo una infuocata discussione nella sezione del PCI a cui ero iscritto. Durante una assemblea congressuale sostenni che un comunista doveva disobbedire agli ordini militari se avesse ricevuto un ordine contrario alla Costituzione. In particolare dissi: "Un pilota comunista non può sganciare bombe sui civili e se glielo chiedono il suo compito è quello di disobbedire".


Ricordo la faccia contrariata del dirigente di partito che avevo di fronte. Scosse la testa.

Un po' alla volta, argomentando, cominciò a prendere le distanze da me e a dire in assemblea che "occorre fare una battaglia politica su queste cose". Ma, messo alla stette, disse che non si può decidere di disobbedire di testa propria.

Mi vennero alla mente le parole di don Milani, la sua lettera ai giudici.


Don Lorenzo Milani - io che ero ateo e comunista - aveva lavorato dentro di me, assieme a Brecht: occorre disobbedire in nome della coscienza.

La coscienza. Proprio così: la coscienza.

Del resto vi immaginate la coscienza di Napolitano?

Vi immaginate Napolitano che dice di disobbedire ad una guerra?

Ultimo aggiornamento: 23 giugno 2017 ore 20:19
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)