Editoriale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Guerra umanitaria in Kosovo? Hanno espiantato organi e trafficato droga
    La verità nascosta

    Guerra umanitaria in Kosovo? Hanno espiantato organi e trafficato droga

    Una guerra voluta dalla Nato e che D'Alema difese perfino in un libro titotalo "Gli italiani e la guerra"
    15 dicembre 2010 - Alessandro Marescotti
  • I Rom: dal Kosovo al Casilino 900

    Storia incredibile di alcune famiglie rom, imparentate tra loro, che dagli anni novanta in poi, quando il clima sociale e politico in Kosovo cominciava a farsi pesante, lasciarono le loro case per raggiungere l'Italia. Pensavano di essersi lasciati alle spalle l'inferno. Arrivarono, invece, al CASILINO 900.
    10 settembre 2009 - Raffaele Coniglio
  • D'Alema, vittima dei bombardamenti Nato
    L'appello pubblico di PeaceLink: "Bisogna chiedere scusa alle vittime innocenti"

    D'Alema, vittima dei bombardamenti Nato

    Il messaggio è arrivato ai suoi indirizzi e-mail, che vengono letti dai suoi assistenti, tra l'altro pagati anche con i nostri soldi. Il risultato è stato il silenzio assoluto. Questa è la coscienza di Massimo D'Alema.
    28 maggio 2009 - Alessandro Marescotti
  • A dieci anni dal bombardamento NATO della televisione nazionale serba
    Furono uccise 16 persone e violate le Convenzioni di Ginevra

    A dieci anni dal bombardamento NATO della televisione nazionale serba

    Oggi chiediamo che l'allora Presidente del Consiglio Massimo D'Alema offra pubblicamente le proprie scuse ad ognuna delle vittime con un atto formale e solenne.
    19 aprile 2009 - Alessandro Marescotti
Nella Jugoslavia il Kossovo sceglie la via della resistenza pacifica

Kossovo: la nonviolenza risvegli le coscienze

Come ai tempi di Gandhi un popola lotta senza le armi per la propria liberta'. Il 10 ottobre manifestazione a Roma in Piazza Montecitorio. Modem, stampanti, fax e fotocopiatrici: le nostre armi nonviolente per diffondere la lotta nonviolenta del Kossovo.
6 ottobre 1997

Nei Balcani c'e' un popolo che lotta per la sua indipendenza e che ha scelto la strada della non-violenza di Gandhi.

Chiede di non subire la violenza della polizia, di poter parlare la propria lingua, di eleggere il proprio presidente.

E' il popolo del Kossovo

Poiche' ha scelto di non ricorrere alla lotta armata conta sulla solidarieta' internazionale e sul riconoscimento dell'alto valore morale e politico di tale opzione non-violenta. Mentre gli altri movimenti indipendentistici nei Balcani hanno imboccato strade nazionalistiche e hanno usato la guerra per richiamare l'attenzione dell'opinione pubblica e della comunita' internazionale, il Kossovo ha tentato una strada originale e che va appoggiata: l'uso di una pacifica disobbedienza civile al potere serbo.
Di fronte alla repressione violenta risponde organizzando un potere parallelo e ricorrendo alle tecniche di resistenza non-violenta.

Ma perche' la comunita' internazionale intervenga per il rispetto dei diritti umani in Kossovo occorre che il conflitto si espasperi e degeneri in guerra?

Come mai la non-violenza sembra non attirare l'attenzione della comunita' internazionale? E' proprio vero cio' che pensano i nazionalisti, ossia che solo con la guerra si puo' contare nelle trattative internazionale?

Gia' ora alcuni settori della protesta studentesca in Kossovo rischiano di sfuggire alla direzione della resistenza non-violenta. E la polizia non perde l'occasione per intervenire brutalmente e acuire lo stato di tensione puntando sulla degenerazione violenta del conflitto.

Cosa possiamo fare noi?

Il 10 ottobre le associazioni della CAMPAGNA KOSSOVO manifesteranno con i kossovari in Piazza Montecitorio, dalle 9 alle 14.

Noi possiamo fare una cosa importantissima: diffondere questo appuntamento.

La CAMPAGNA KOSSOVO, nell'ultimo suo comunicato, ha ritenuto di ringraziare PeaceLink per aver messo a disposizione il proprio sito Internet. Le informazioni sulla CAMPAGNA KOSSOVO sono infatti reperibili alla pagina web

http://www.peacelink.it/peacelink/kossovo/kosstart.html

ed e' possibile contattare per posta elettronica la CAMPAGNA KOSSOVO ai seguenti indirizzi di posta elettronica:

davac@mbox.vol.it
eccetera@mbox.vol.it

Per i contatti telefonici:
tel/fax 099/5662252 (Etta Ragusa)
tel.0471/972240 (Thomas Benedikter)

Chiunque possa stampare o fotocopiare questo messaggio, lo faccia circolare, lo mandi ai giornalisti, spedisca fax o lettere ai quotidiani locali, diffonda la voce che un popolo lotta per la propria liberta' con le armi della non-violenza. Come ai tempi di Gandhi. La catena della solidarieta' - se non parte dai "potenti della terra" - parta almeno da noi cittadini.

"Il mondo di oggi ha bisogno di persone
che abbiano amore e lottino per la vita
almeno con la stessa intensita' con cui altri
si battono per la distruzione e la morte."

Gandhi

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy