Editoriale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Referendum e Buio Democratico

    Referendum e Buio Democratico

    L'appello astensionista, in merito alla votazione referendaria del 12 e 13 Giugno per l’abrogazione di alcune norme della nuova legge sulla procreazione assistita, corre il rischio di legittimare alcune preoccupanti distorsioni del sistema di partecipazione democratica, presentando come modello di comportamento esemplare un modo di agire basso e sleale, finalizzato ad alterare furbescamente l'esito di un libero confronto tra cittadini.
    4 giugno 2005 - Vittorio Moccia

Lasciateci procreare, per piacere non assisteteci!

"Eppur si muove"....Si ogni cosa continua a muoversi. Continua a muoversi l'organizzazione mediatica, continua a muoversi l'organizzazione politica, quella clericale.....Chi invece continua a stare fermo, forse con una palata di rabbia in più sono i "colei" e i "colui" che ci credevano.
14 giugno 2005 - Nadia Redoglia (Collaboratrice Verde Ambiente)

“Eppur si muove”….Si ogni cosa continua a muoversi. Continua a muoversi l’organizzazione mediatica, continua a muoversi l’organizzazione politica, quella clericale…..Chi invece continua a stare fermo, forse con una palata di rabbia in più sono i “colei” e i “colui” che ci credevano. Che credevano ancora nell’unica reale possibilità di dare voce alla propria dignità: il voto referendario.
No. No signori politici astensionisti, no cardinali e indotti, no popolo “benpensante” e “responsabile” No, non siete stati voi ad arrogarvi la “vittoria”. Sono stati gli “indifferenti”. I colui e i colei degli “eppur si muove” comunque…Il fine settimana soleggiato, i “non lo sapevo neppure”, i “ma tanto a che serve”, i “non so”: il popolo dei mandanti, di coloro che delegano, che concedono una procura a qualcuno, senza troppo pensare a chi e perché. Forse sono gli “altri”, quelli che stanno fermi per forza o per amore che stanno sbagliando. Forse perché sono spaventati dalla maggioranza? (In questo caso referendario è bene ricordare che proprio la maggioranza, qualunque essa sia, ha fatto la scelta) Ora le nostre orecchie sono zeppe di gongolanti politici & cardinali, (qualche semplice sacerdote ha rifiutato l’invito all’astenersi e sappiamo che l’ira “degli dei” si è abbattuta su di lui) sostenitori dell’astensionismo, paladini di verità embrionali. Ebbene, intanto che si battezzino questi “individui” mai nati, poiché è evidente che i “proprietari” degli embrioni saranno dunque tutti d’accordo. Eppoi entriamo nel merito della realtà che da oggi si prospetterà a chi non riesce a prolificare in modo “piacevole”, come dice il dott. Feltri di Libero. Ci sembra un po’ cinico utilizzare questo termine, ma referendum docet, dobbiamo adeguarci, a quanto pare. I viaggi della speranza aumenteranno, oggi più che mai. So cosa significhi essere madre in modo “piacevole”, proprio per questo posso capire profondamente cosa voglia dire il non poterlo essere alla faccia di chi ha utilizzato questo referendum per i propri scopi, qualunque essi fossero. Ma ai “nostri” Schengen-paria poco calerà. Andranno, chi non potrà facendosi prestare gli euro, in qualche paese che magari dei referendum ha ancora la massima sacralità. I nostri portatori di verità ben lo sanno ma, anche a loro poco cale. Passata la “festa”….che facciano ciò che meglio credono coloro che hanno votato almeno un ….si. Ci sarebbero ancora tre si da discutere, tra noi…Poiché sappiamo però quanto “cale” ai nostri portatori di verità la ricerca, sommessamente ci asteniamo. Con l’amaro in bocca…..speriamo che qualche “santo” (di quelli veri) provveda.

Nadia Redoglia

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy